Manfredonia
"Ci siamo subito resi conto della inconsistenza del quesito referendario"

M5S Manfredonia, “Le ragioni del nostro ‘no’ ad un referendum inutile e dannoso”

"Ma il nostro coerente voto contrario al referendum non significa che non continueremo la nostra attività di sensibilizzazione"

Di:

Manfredonia. ”Noi del Movimento 5 Stelle di Manfredonia vogliamo spiegare ai concittadini le ragioni del nostro NO al referendum sull’Energas. Quando è stata notificata la fascetta della convocazione della seduta consiliare, ci siamo subito resi conto della inconsistenza del quesito referendario e della inutilità del referendum stesso. Come si fa a chiedere ai cittadini di esprimersi, a scopo puramente consultivo per giunta, sulla destinazione dell’area insula DI/49 e, soprattutto, come si può promuovere una consultazione popolare quando, in tutte le salse, i cittadini hanno dichiarato la contrarietà al progetto Energas (azienda, tra l’altro, non citata nella prima stesura del quesito)?

Un po’ di buonsenso ha consentito di cambiare, in corso d’opera (cioè durante lo svolgimento del consiglio comunale) la “domanda” da porre ai cittadini, facendo riferimento chiaramente a “Energas”.
A questo punto giova ricordare che ci fu una votazione quasi unanime del consiglio comunale contro l’installazione dei dodici depositi di GPL da parte dell’azienda campana (n.7 del 17/09/2015- delibera n.28), oltre alle numerose firme raccolte tra i cittadini. Dal momento chenon abbiamo la presunzione di avere la verità in tasca, ci siamo preoccupati di chiedere un confronto con le varie associazioni, coordinamenti cittadini, movimenti popolari e politici che da tempo, come noi, si stanno spendendo sul territorio con azioni di informazione e sensibilizzazione sulla questione “Energas”. Ne è venuto fuori un dibattito animato ed articolato che ha prodotto, a maggioranza netta, la contrarietà al referendum, dichiarata ufficialmente in consiglio comunale dal portavoce Massimiliano Ritucci, per le seguenti motivazioni:
– E’ ANACRONISTICO. Aveva un senso un anno fa quando il CTR (Comitato Tecnico Regionale) non aveva ancora espresso il NOF (Nulla Osta di Fattibilità)e, con espliciti riferimenti alla direttiva Europea 2012/18/UE -cosiddetta Seveso III- l’esito del NO ce lo saremmo potuto spendere sui tavoli tecnici, che si sono tenuti nella fase preliminare;
– E’ DISPENDIOSO. Un ingente spreco di denaro, che graverebbe ancora una volta sull’intera collettività e con questa Amministrazione in forte situazione deficitaria;
– E’ INUTILE. Come detto, dai cittadini, associazioni, movimenti e, persino, da S.E. l’Arcivescovo Mons. Castoro, è stata più volte espressa una netta contrarietà all’installazione Energas;
– E’ DANNOSO. Una vittoria del NO nulla aggiungerebbe alle azioni in campo. Al contrario, una vittoria del SI, zittirebbe all’istante tutte le voci antagoniste e conferirebbe una legittimazione inopportuna alla speculazione predatoria in atto;

Ma, con uno sforzo sovrumano – volendo credere ai buoni propositi di coloro che, finora, sono stati assenti da questa lotta, se non con qualche comunicato di routine – abbiamo voluto concedere un’ apertura a chi, tardivamente e stracciandosi le vesti, prometteva impegno totale.

Diamante Menale, Presidente della società ENERGAS SpA (ex Isosar) di Napoli (immagine from profilo facebook)

Diamante Menale, Presidente della società ENERGAS SpA (ex Isosar) di Napoli (immagine from profilo facebook)

Per far questo, però, abbiamo posto alcune condizioni:
La prima, andata a buon fine, riguardava la riformulazione del quesito referendario, che passasse da una generale indicazione di insediamenti non meglio definiti ad un chiaro riferimento ad Energas.

Le altre, riportate in consiglio dal portavoce Ritucci, chiedevano la sottoscrizione di un impegno morale a operare da subito per il NO, stilando un programma condiviso che prevedesse:
– imponenti manifestazioni di piazza;
– convegni con personalita’di rilievo tecnicoche spieghino ai cittadini la pericolosita’di questa
installazione;
– allestimenti di gazebo permanenti per sensibilizzare la citta’ su questo problema (ricordiamoci
che mancherebbe un mese e mezzo al voto);

Ed inoltre, qualora l’affluenza ai seggi non avesse rispecchiato l’impegno persuasivo delle forze politiche in campo (si ricordi che alle scorse primarie il Pd si è vantato di aver portato al voto 12000 elettori) o qualora vincesse il SI, questo consiglio comunale si sarebbe dovuto sciogliere, perche’ non avrebbe svolto appieno il proprio dovere e perche’ sarebbe risultato delegittimato dai cittadini. Proposte che non avrebbero dovuto minimamente preoccupare chi ha dichiarato di esser certo di portare alla vittoria il “NO” a piene mani, o chi nega un attaccamento spasmodico alla poltrona. Questo non è avvenuto, ma il nostro coerente voto contrario al referendum non significa che non continueremo la nostra attività di sensibilizzazione, informazione e NETTA OPPOSIZIONE all’installazione del deposito Energas. Ci impegneremo anche più di prima e saremo lieti se, da parte della maggioranza venissero mantenute le promesse fatte ai cittadini.

Ci vediamo nelle piazze.

MOVIMENTO 5 STELLE MANFREDONIA



Vota questo articolo:
17

Commenti


  • pentastellato

    BRAVI: CHIARI, CONCISI E COMPENDIOSI. GRAZIE PER IL VOSTRO IMPEGNO AL BENE COMUNE. CONTINUATE COSI’, IL TEMPO E’ GALANTUOMO;
    VI RICOMPENSERÀ COME MERITATE. AVANTI CON LA LOTTA. MORTE AI MANGIAORZI E AI TRADITORI OCCULTI DI MANFREDONIA.


  • cittadino schifato

    GRAZIE RAGAZZI BISOGNA SMASCHERARE I FARABUTTI CHE CI HANNO MENTITO E CONTINUANO A MENTIRCI SFACCIATAMENTE! NON MOLLATE TANTO PRIMA O POI TUTTI I NODI VERRANO AL PETTINE!


  • black

    Sempre più orgoglioso del movimento !forza


  • Giggino

    Ma quali bravi. Incapaci e pasticcioni.


  • giggiotto

    Giggino, guarda che bella figura stanno facendo i tuoi amici…rosica!!!


  • sipontina anonima

    D’ora in avanti voterò solo voi e il vs. movimento tutti gli altri politici mi fanno un enorme ribrezzo personale.


  • grandi

    sbaglio o uno dei due era assente alla votazione in consiglio sul referendum?avevate di meglio da fare,o uno votava e l’altro preparava l’articolo?semplicemente ridicoli!!!!!


  • pentastellato

    GIGINO, SEI MESSO PROPRIO MALE


  • gigi

    Ma abbiate la compiacenza di tacere. State facendo solo brutte figure in consiglio comunale. Ogni volta il Sindaco vi zittisce e non riusciteca replicare.


  • svolta

    Si mettino in ordine cronologico tutte le carte ricevute ed emesse dal comune…. Un bel faldone, apribile e consultabile da parte dei consiglieri e le associazioni. Questa sì che sarebbe trasparenza concreta e non una parola in bocca a chi ne fa solo una mascherata…..


  • Le joue son far?

    Per il M5S, Manfredonia Nuova, associazioni e tutti i politici del caso,

    1° – Avreste mai proposto il referendum ai cittadini se il consiglio comunale non proponeva il referendum?
    Se si, perchè non lo avete fatto prima, proponendo al presidente del consiglio il regolamento referendario appena insediati in consiglio comunale, invece di raccogliere le firme? Quali sono le vostre paure?

    2° – Cosa vi aspettavate a norma di legge dalla raccolta firme depositate in regione?

    3° – Avete mai proposto delle controdeduzioni/opposizioni al MATT (Ministero dell’ambiente) nei 90 giorni a disposizione al pubblico dopo la pubblicazione del rende note da parte di Energas?

    4° -Perchè dite che i cittadini hanno dichiarato in tutte le salse la loro contrarietà,qual’è lo strumento che rileva la loro contrarietà o non contrarietà?

    5° -Chi sono queste associazioni che hanno detto NO al referendum?

    6° – Perchè dite che: ” il referendum è inutile perchè è di tipo consultivo”, sapendo che da regolamento esistono due tipi di referendum: consultivo e abrogativo, uno per chiedere o rafforzare la volontà del Consiglio comunale, uno per abrogare una decisione del consiglio comunale?

    7° – Sulle pale eolico che tipo di referendum avreste chiesto (sempre se lo avreste chiesto), consultivo o abrogativo?

    8° – Quanti elettori ci sono a Manfredonia? Perchè siete convinti che poche firme possono rappresentare Manfredonia?

    9° -Il referendum E’ ANACRONISTICO, di chi è la colpa se non è stato proposto prima?

    10° Qual’è il criterio di valutazione per spendere energie come quella della riunione di forze politiche e associazioni per dire che E’ DISPENDIOSO? Avete mai fatto riunioni insieme per dire “NO” : ai 1.800.000 dei straordinari, hai quasi 10.000.000,00 dell’ASE, ai 3.000.000€ della società tributi, ai 300.000,00€ del canile, ai 120.000,00€ al Manfredonia Calcio, ai 260.000 dello studio epidemiologico, alle 10.000,00€ dell’ Arsenico40, ai 50.000.000,00€ del debito pubblico, alle propozionate anticipazioni di cassa,ecc ?

    12° -L’arcivescovo Mons. Castoro, le associazioni o i cittadini possono con le loro dichiarazioni (a voce) fermare l’iter burocratico delle autorizzazioni?

    13° – “Una vittoria del NO nulla aggiungerebbe alle azioni in campo” .
    Siamo sicuri? Non è che rafforza ancor di più la decisione del consiglio comunale, utile per opporsi contro le “ultime autorizzazioni”?

    14° -E’ DANNOSO. Forse le vostre paure sono queste: “Una vittoria del SI, zittirebbe all’ istante tutte le voci antagoniste e conferirebbe una legittimazione inopportuna alla speculazione predatoria in atto”,
    Ma così non rischiate di offendere i cittadini di Manfredonia e “fare tutta un’erba un fascio” e più (come in una dittatura) togliere il potere decisionale al popolo?

    Se riuscite a spiegare a questa città le vere motivazioni, ve ne saremo grati.


  • Le joue son far?


  • Il grande complotto contro i cittadini di Manfredonia

    Il complotto tra i signori che siedono al Comune, i fiancheggiatori locali e altri sta per essere portando a termine! Ci stanno prendendo tutti per i fondelli.
    Solo se cadesse Renzi prima del 2017, solo se a Manfredonia si scioglesse il comune per vari matiti allora qualcuno potrebbe rivivistare tutto il carteggio con le prove che hanno ingannato il popolo sino al 2015!!! Attenzione ai lupi che dicono di no con i loro faccioni e poi sott p sott…..


  • Manfredonia e il suo declino dovuto ai falsi politici

    Che bella messa in scena il referendum!e cosi’ si sfruttera’ il nichilismo manfredoniano.Finirete nella vostra stessa trappola.Quanti magna-magn.Per fortuna che c’e’ ancora la famosa spada di Damocle


  • No Energas

    Tutto giusto, ma adesso tutti a lavurar, portiamo gente a votare.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Ha ragione Pizzarotti……………………….


  • elettore

    Siamo passati dal ‘votiamo anche le leggi degli altri se sono buone’ a ‘non votiamo le leggi degli altri a oltranza’

    Cit. Federico Pizzarotti.
    Sindaco di Parma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati