Cronaca

Antigone: 6 minori egiziani in carcere per favoreggiamento immigrazione


Di:

Santa Maria Leuca, intervento per sicurezza migranti (STATO@ - archivio)

Roma – SAREBBERO arrivati su un barcone lo scorso 5 ottobre i sei ragazzi egiziani, tutti dell’età compresa tra i 16 e i 17 anni, attualmente detenuti presso l’Istituto penale per minorenni di Catania con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Non parlano italiano e alcuni di loro ancora indosserebbero la maglietta con i colori dell’Italia con la quale sarebbero arrivati sulle coste del nostro Paese.

“Se la ricostruzione dei fatti proposta corrispondesse al vero – dichiara Patrizio Gonnella, presidente dell’Associazione Antigone, che da oltre 20 anni si batte per i diritti delle persone detenute –, il nostro sistema penale mostrerebbe tutto il suo volto crudele. Il fatto che dei ragazzi di 16 – 17 anni, dopo aver vissuto con i propri occhi l’esperienza della violenza e della morte, si possano ritrovare addirittura rinchiusi in galera costituisce il segno evidente di quanto sia violenta, illiberale e ingiusta la legge Bossi – Fini sull’immigrazione che va immediatamente abolita. Rimane, inoltre, difficile credere che per questi ragazzi, arrivati in Italia dopo aver rischiato la vita in mare e aver magari visto i propri compagni di viaggio o familiari morire, non sia stato possibile trovare una sistemazione più accogliente e congrua alla loro giovane età”.

Già nei mesi scorsi si era diffusa la notizia di altri immigrati minorenni arrestati con accuse analoghe e trasferiti poi in alcuni istituti penali siciliani.

Dal 2008 l’associazione Antigone è autorizzata ad entrare in tutti gli Istituti penali per minorenni e lo scorso luglio ha pubblicato Non è una giustizia minore, curato da Susanna Marietti (Collana Gli Ebook di MicroMega), secondo rapporto sugli Istituti penali per minori.

Redazione Stato

Antigone: 6 minori egiziani in carcere per favoreggiamento immigrazione ultima modifica: 2013-10-30T22:54:33+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This