Manfredonia

Manfredonia, immobile a rischio crollo, ordinanza di sgombero


Di:

Via San Francesco, Manfredonia (statoquotidiano)

Manfredonia – ORDINE di sgombero relativo ad un immobile comunale sito a Manfredonia alla via San Francesco nn. 74 e 76 e vicolo Esperia n. 1, “bisognoso di interventi di recupero e in pericolo di crollo”.

E’ quanto emerge da una recente ordinanza sindacale nel quale si chiede ad un cittadino “occupante abusivamente, senza titolo”, l’immobile di lasciare lo stesso libero da persone e/o da cose, entro e non oltre 15 giorni dalla data di notifica della citata ordinanza.

In precedenza vi era già stata una diffida – protocollata in data 23.07.2010 – con la quale si era intimato all’occupante di “lasciare immediatamente libero a persone e/o cose, il bene comunale, appartenente al Demanio pubblico e ricadente nell’elenco dei beni sotto tutela della Soprintendenza dei Beni Storici ed Architettonici”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Manfredonia, immobile a rischio crollo, ordinanza di sgombero ultima modifica: 2013-10-30T16:23:48+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
22

Commenti


  • Marco il Foggiano

    ..si cosi i soliti ci costruiranno su!!!! (diritto di critica, opinione,ndr)


  • Biagino u mazzangann

    Sfratteranno anche i piccioni? 🙁


  • angelo's

    Tal cittadino, “occupante abusivamente, senza titolo”, sembra che paghi regolarmente un fitto a quest’immobile comunale, bisognoso di interventi di recupero e in pericolo di crollo.


  • Redazione

    Abbiamo riportato quanto riportato nell’atto; grazie, Red.Stato


  • Angelo

    Invece di scrivere scempiaggini, basta leggere questo articolo per capire il perchè di questo provvedimento:
    http://www.statoquotidiano.it/05/08/2013/manfredonia-ok-restauro-ex-convento-san-francesco-progetto-da-1-2-mln/156480/


  • U bell

    Bisogna vedere a chi appartengono i piccioni. Se sono di proprietà pubblica, magari verranno anche loro sfattati.

    Se invece sono della madre o della sorella, parenti dell’occupante, credo non se ne farà niente. 🙂 😉 😀


  • Redazione

    Buonasera Angelo, noi abbiamo solo riportato l’ordinanza; a presto; grazie per l’intervento; Red.Stato


  • GeB

    X meryterry, hai colpito nel segno!


  • maryterry

    Non vi preoccupate,nonostante lo spifferato restauro ,gli faranno fare la fine di tutto quanto di antico c’è ancora rimasto.Comunico o avviso,chiamatelo come volete ,che i lavori di abbattimento delle case in Via Gaetano Palatella(ex Ninnella Cieri-Guerra)e la costruzione di nuove palazzine è prossimo.Evidentemente il recupero della cinta muraria con il Torrione San Francesco—Ciò la dice lunga sul Turismo ed il recupero Culturale nella nostra città!


  • ilproletario

    In linea di principio dovrebbe essere un bene storico e monumentale e, come tale, dovrebbe intervenire la Sovrintendenza per proteggerlo, inoltre è nella cinta muraria del Centro Storico, però ho letto il commento di meryterry su Via Palatella e allora vuol dire che a Manfredonia è possibile ogni scempio e schifezza!


  • angelica

    Crollerá tutto lo stabile, ma silvio u falgnem rumem!!!


  • decimo meridio

    Che peccato, immobili comunali di un certo pregio lasciati all’incuria e poi si spendono decine di migliaia di euri per l’affitto della palazzina dell’anagrafe ed annona in via Orto Sdanda………


  • Elena

    Siete voi una vergogna!!!! A chi paga un affitto, viene definito un abusivo!!!! Voi cosa siete???? Vergognatevi ancora!!! Sfrattare un povero falegname che paga le tasse ad uno Stato che ruba ai cittadini continuamente !!!


  • giannino

    Per quanto riguarda gli affitti dei locali in Via Orto Sdanga e di ex altri,bisogna valutare—proprietari con i politici ed ex politici,il che è un tutto dire —-Per quanta riguarda il recupero della Cinta Muraria e dei Torrioni,le chiacchiere del Capo,nelle varie campagne elettorali in cui l’hanno visto protagonista,sono come il Contratto d’Aria Fritta.Che fine ha fatto il programma di recupero della Cinta Muraria?Se ben ricordo,la costruzione sul Demanio Marittimo(?)della ex Ghiacciaia al Lungomare Nazario Sauro,non doveva essere abbattuta,visto che poggia su una parte delle Vecchie Mura e sul Piccolo Boccale Boccolicchio?Cosa aspettano,che diventi…l’ennesimo locale di ubriaconi?Inoltre,COMUNICO alla SOVRINTENDENZA che un notissimo personaggio ha eseguito il PIASTRELLAMENTO e la COSTRUZIONE di locali ,appoggiandosi alle MURA di CINTA,nella parte….poco visibile al traffico.Mi risulta che qualcuno ha avvisato a chi di compèetenza,a livello locale,ma fino ad oggi non si è visto nulla.Cosa si apetta ad intervenire?


  • natalia

    Non ci vuole niente ha caluniare la povera gente ke lavora onestamente,con anni di sacrifici!voi con 2 parole buttate giù le persone dietro a una scrivania!mentre altri sgobbano dalla mattina alla sera!è una vergogna scrivere abusivo a un Falegname ke ha sempre pagato le tasse!ma come vi salta in mente scrivere menzogne!informatevi prima di scrivere cazzate!dovete ringraziare ke quel monumento storico è ancora in piedi!conservato con cura e la sua magnifica storia di quel palazzo storico!se fosse per altri lo avrebbero fatto diventare una pizzeria!non si puo cacciare un uomo vissuto una vita li dentro!avete un cuore di pietra!


  • Redazione

    Naturalmente il giornale ha solo riportato l’ordinanza sindacale; grazie, Red.Stato


  • semprevigile

    Altri comuni avrebbero fatto di tutto e di più per il recupero di tali immobili “storici”, giustamente anche solo per risparmiare sui fitti passivi…. altra pagina nera…. di questo comune, con tanti immobili demaniali a disposizione si tende sempre ad affittare, chissà perché ??? *—


  • il falegname

    Cara Redazione adesso fai una bella cosa vai ha sentire l’altra campana,voglio dire il falegname e chi ci abita d’intorni,o mastro Michele il mastro di Silvio.


  • Tommaso Campanella

    Già vedo un nuovo condominio di 6 piani che spunta in mezzo al cosiddetto “centro storico”…


  • semprevigile

    Inammissibile la realizzazione di nuovi fabbricati in quel sito. Lo si è potuto fare all’epoca della legge Ponte.
    All’epoca non vi era una coscienza ambientale e paesaggistica e leggi che le tutelano… Non penso proprio che possa succedere a meno che qualcuno in particolare rediviva e faccia un altro condono “ricostruttivo”.


  • Rione Croce: il vanto del Comune di Manfredonia

    Scusatemi ma non zona storica,
    chiedete a qualche luminare del Comune perché nei paraggi c’è una via che si chiama Esperia!


  • giannino

    Attenzione in Via Palatella!Le case ,a piano terra,addossate sulle vecchie mura o costruite su di esse,stanno per trasformarsi in palazzine a due piani,piano terra escluso!Il Piano di Recupero Ricchetti che fine ha fatto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This