FoggiaManfredonia
Coinvolto il cittadino polacco J.R. classe 1972

Costretta a bere e a prostituirsi. 1 arresto a Manfredonia

"L’indagato ha indotto la donna a prostituirsi facendola bere continuamente"


Di:

L'UOMO ARRESTATO DAGLI AGENTI DEL COMMISSARIATO DI PS

L’UOMO ARRESTATO DAGLI AGENTI DEL COMMISSARIATO DI PS

Manfredonia, 30 ottobre 2017. A conclusione di complesse indagini, personale della Squadra di P.G. del Commissariato di Manfredonia ha ottenuto ed eseguito – il 28 ottobre scorso-, un’ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere nei confronti di J. R. classe 1972, cittadino polacco, rintracciandolo e catturandolo nel territorio sipontino.

A conclusione delle formalità di legge l’indagato è stato tradotto nel carcere di Foggia, a disposizione dell’A.G. competente.

Nell’Ordinanza Applicativa della misura coercitiva, avanzata dagli uomini del Commissariato di P.S. di Manfredonia coordinati dal 1° dirigente dott. Agostino De Paolis, richiesta ed ottenuta dal Sostituto Procuratore della Repubblica dott.ssa Laura Simeone ed emessa dal GIP del Tribunale di Foggia dr. Marco Ferrucci, si legge che J. R. è indagato dei seguenti delitti:
”a) art. 572 c.p., “perché maltrattava la compagna connazionale G. I. G. classe 1972 sottoponendola a sistematiche vessazioni psicofisiche; in particolare: controllava in modo ossessivo i suoi comportamenti; la obbligava all’assunzione di bevande alcoliche, così da costringerla a sottomettersi alla sua volontà e subire le violenze“;-
b) artt. 81, 582, 585 con riferimento all’art. 61 c. 1° nr. 2 c.p., “poiché con più condotte esecutive del medesimo disegno criminoso: in data 28.08.2017, picchiandola ripetutamente e colpendola con pugni le cagionava lesioni personali; in data 02.06.2017 a seguito di un acceso litigio le cagionava lesioni personali diagnosticate con “ferita da taglio regione ascellare sx””;
c) artt. 609 bis e 81 c. 2° c.p. poiché con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, con violenza o minaccia costringeva la G. I. G. a subire rapporti sessuali.
d) Art. 3 legge 75/1958 c. 1° nr. 5 e 8 “perché induceva alla prostituzione la G. I. G. e favoriva la medesima attività avvicinando di notte in spiaggia potenziali clienti e, pattuendo con i medesimi un corrispettivo di denaro per le prestazioni sessuali al fine di utilizzare il denaro della stessa acquisito in seguito a tale attività””.

I fatti descritti sono stati commessi e accertati dal personale operante, a Manfredonia, Siponto e Borgo Segezia, prima e dopo il 28.08.2017.

Le indagini

Le indagini traggono origine da una segnalazione dall’Ambasciata della Repubblica di Polonia in Roma – Ufficio Consolare – che con missiva indirizzata all’Autorità di Pubblica Sicurezza del territorio Garganico segnalava un probabile sequestro di persona della loro cittadina, ad opera di un connazionale individuato proprio per l’arrestato J.R. . Le ricerche, evidenziatesi complesse a causa della mancanza di una fissa dimora dei soggetti indicati, sono state estese dagli agenti nel territorio di Manfredonia, Siponto, ma anche nei territori di Foggia, Borgo Segezia, Borgo Mezzanone, al fine di ricercare i due cittadini polacchi e accertare quanto segnalato dalla rappresentanza diplomatica.

Commissariato di Ps di Manfredonia (ph: Sipontoblog)

Commissariato di Ps di Manfredonia (ph: Sipontoblog)

Le attività investigative hanno consentito di rintracciare la donna nel primo pomeriggio del 28 agosto 2017 a Manfredonia mentre girovagava a piedi in evidente stato di agitazione, in pessime condizioni fisiche, avendo su parte del corpo plurime ecchimosi dovute chiaramente a precedenti percosse. Il personale operante la soccorreva e l’accompagnava immediatamente al pronto soccorso cittadino, ascoltandola il giorno seguente alla presenza di una interprete. Negli Uffici di Polizia, la G.I.G., messa a proprio agio e confidando subito nell’operato degli inquirenti, la vittima ha fornito tutta una serie di informazioni preziose e utili che hanno consentito di fare chiarezza su quanto accaduto.

La donna raccontava che all’inizio dell’anno 2017 aveva intrapreso una relazione sentimentale con l’indagato iniziando un periodo di convivenza presso un’azienda agricola di Borgo Segezia (FG) dove l’uomo lavorava. Dopo l’arresto di questi, a seguito dell’accoltellamento di un suo connazionale, la donna era rientrata in Polonia ma, a seguito della scarcerazione di J.R. era ritornata in Italia per andare a vivere con lui questa volta in un casolare abbandonato. Il suo rientro in Italia era stato condizionato dalle promesse fattele dal compagno che le aveva prospettato la possibilità di lavorare.

L’indagato ha indotto la donna a prostituirsi facendola bere continuamente, “procurandole uno stato di ubriachezza costante,” contrattando direttamente le prestazioni e il prezzo con i clienti che lui stesso ricercava, riscuotendo in prima persona il danaro e tenendola soggiogata, con il continuo ricorso a ingiurie e minacce del tipo: “… tu non torni viva in Polonia … ti uccido … se voglio uccido tua figlia e tua nipote … tu sei roba mia … decido io cosa devi fare … e deciderò quando potrai tornare a casa … puttana ti brucerò tu sei il mio posacenere …” oltre a violenze fisiche e sessuali di estrema brutalità.

La donna ha riferito ancora agli agenti che in diverse circostanze è stata picchiata violentemente dall’indagato con calci e pugni alla testa e in altre parti del corpo, specialmente quando manifestava il desiderio di tornare in Polonia o chiamava la figlia o quando, in particolare, rifiutava di avere con lui rapporti sessuali a cui poi si sottoponeva per evitare che le violenze degenerassero; nel corso delle indagini, è emerso inoltre che l’arrestato la limitava nei movimenti in quanto le aveva trattenuto con forza il telefono, la borsa, i documenti e persino le medicine di cui la donna aveva bisogno per curare l’epilessia da cui è affetta: decideva lui, in base all’umore del momento, quando e se darle i farmaci.

Redazione StatoQuotidiano.it – Riproduzione riservata

Costretta a bere e a prostituirsi. 1 arresto a Manfredonia ultima modifica: 2017-10-30T21:59:34+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Carlo

    L’Italia creata dal PD.


  • Girovago

    Di questi aguzzini in Italia ce ne sono a decine di migliaia! Siamo ormai l’El Diradò della crema della feccia europea e africana.


  • Filomena S.

    Bestia! Castratelo!


  • Girovago

    Di questi aguzzini in Italia ce ne sono a decine di migliaia! Siamo ormai l’El Dorado, la terra promessa, il sogno segreto, della crema della feccia europea e africana. Non accetto pippette false buonisti dei lavoratori e lavoratrici stranieri.
    Ce ne sono anche quelle e quelli in grandi quantità e anche onesti, i disonesti sono gli italiani che li sfruttano come badanti in nero, lavoratori in nero nei campi e in altri settore. La sostanza è che la politica italiana dominante ha permesso che sul territorio italiano attuamente bazzicano centinaia di migliaia di cittadini senza dimora, migliaia di magnaccia e aguzzini, decine di migliaia di spacciatori, decine di migliaia di prostitute..


  • il boia

    x costui toro metallico senza lubrificanti e creme astrigenti per 10 ore di continuo.


  • Antonio Pio

    Si possono anche nascondere gli occhi, ma restano sempre delle teste vuote di caxxo…
    Ma è possibile che dobbiamo pagare le tasse per dargli tre pasti all giorno??????
    Non bastano i loro amici italiani??????
    Quando finirà sta cuccagna?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi