Manfredonia

“Testamento biologico: un diritto civile che non può essere negato”


Di:

Il consigliere Leo Riccardo (Ph: ST)

Manfredonia – “E’ un diritto civile che non può essere calpestato, si tratterebbe di una negazione della libertà individuale, quindi sono favorevole a questo tipo di iniziativa a livello legislativo”. E’ il Riccardo (Leonardo) pensiero, relativamente alla campagna informativa di Stato sull’istituzione a Manfredonia di un registro per i testamenti biologici. Secondo Riccardo il diritto di ogni cittadino di scegliere quali trattamenti sanitari accettare è “chiaramente sancito dalla Costituzione Italiana”, e per questo “è un diritto civile che non può essere negato”.

Sull’opportunità da parte del Comune di istituire un registro comunale dei testamenti biologici, inteso come archivio che custodisca documenti autenticati depositati dai cittadini, Riccardo ritiene che rientri nelle competenze del Comune, poiché non si tratterebbe di un servizio sanitario, ma semplicemente di un servizio di raccolta che il Comune mette a disposizione del cittadino; di conseguenza ogni Comune, di qualsiasi orientamento politico, ha il dovere di garantire questo tipo di servizio.

Il testamento biologico contrasta con la morale cattolica? A parere del consigliere Riccardo “è una questione su cui bisognerebbe soprassedere, lo Stato italiano si definisce laico e per questo deve garantire i diritti civili al di là degli orientamenti etici e religiosi personali, anche se il Vaticano indirettamente interviene sulle coscienze per ciò che attiene ai cosiddetti temi eticamente sensibili”.

Riccardo ricorda, infine, che “del resto, già tempo prima che il disegno di legge Calabrò arrivasse in discussione alle camere, il leader di Sel (il consigliere Riccardo è recente iscritto della formazione del Governatore pugliese), Niki Vendola si dichiarò a favore del testamento biologico come strumento di tutela della libertà dell’individuo”.


elisabetta.tomaiuolo@hotmail.it

“Testamento biologico: un diritto civile che non può essere negato” ultima modifica: 2011-11-30T14:11:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • indignatos

    se c’è un testamento in questo paese da fare è quello da defunto. Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro…


  • compagneros

    Visto che a questo non se lo caga nessuno aggiungo io un commento per far numero.
    Riccardo tu il cervello puoi donare con il testamento,non è stato sfruttato per niente,è nuovo di zecca.
    Vatte truve la fatjè
    o vuoi fare la carriera di famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi