Economia

Treni, Minervini alle Istituzioni: il problema non è di Taranto,ma della Puglia


Di:

Foggia, sindaco Mongelli / assessore Minervini (ST)

Bari – RIPRISTINO dei due treni notturni previsti dal contratto universale di Trenitalia, Reggio Calabria-Taranto-Milano e Crotone-Taranto-Milano, quindi del collegamento tra la linea ionica e adriatica, e di un treno Freccia per il Nord da Taranto, perché “c’è anche un problema di qualità dell’offerta che penalizza il Mezzogiorno”. Sono le proposte raccolte questa mattina dall’assessore regionale alle infrastrutture e mobilità Guglielmo Minervini nell’incontro svolto nel capoluogo ionico con il presidente della Provincia Gianni Florido, i sindaci dei principali comuni, i sindacati e le associazioni dei consumatori. “Noi – ha spiegato Minervini – questo isolamento non lo avvertiamo come un problema di Taranto, lo avvertiamo come un problema della regione Puglia. Non si può smantellare il servizio notturno facendo pagare il prezzo ai lavoratori e ai viaggiatori che ancora scelgono questo mezzo di collegamento con il nord Italia. Stiamo facendo tutti i passaggi istituzionali con grande vivacità, abbiamo già raccolto un’apertura dai vertici di Trenitalia, la cui strategia non è condivisa dal territorio e ora, con la lettera del presidente Vendola, stiamo chiedendo al governo, che è il committente di una grande azienda nazionale come Trenitalia, di tener conto di questo bisogno di mobilità dei pugliesi. Il resto lo devono continuare a fare anche i cittadini e gli enti locali, proseguendo questa positiva mobilitazione. Abbiamo ridotto il danno iniziale da 12 a 4 treni tagliati, continuando possiamo ottenere anche altri risultati”.


Redazione Stato

Treni, Minervini alle Istituzioni: il problema non è di Taranto,ma della Puglia ultima modifica: 2011-11-30T20:36:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi