Manfredonia

Parco eolico Marino Gargano Sud, VIA: no Regione

Di:

Parco eolico Marino Gargano Sud, VIA: no Regione (Ph: archivio greenstyle)

Bari – LA Giunta regionale ha espresso, nell’ambito del procedimento ministeriale di V.I.A., giudizio negativo di valutazione di impatto ambientale e di valutazione di incidenza ambientale per il progetto denominato Parco eolico marino Gargano Sud srl, proposto dalla soc. WPD Parco Eolico Marino Gargano Sud con sede legale a Torremaggiore.Il provvedimento sarà notificato al Ministero per l’Ambiente.

FOCUS, LE RECENTI MIGLIORIE PROGETTUALI DELLA SOCIETA’ PER LA DIMINUIZIONE DELL’IMPATTO AMBIENTALE


Come anticipato, il legale rappresentante della Parco eolico marino Gargano Sud di Torremaggiore, Leonardo Perini – a seguito della richiesta di pronuncia di compatibilità ambientale relativa allo Studio d’Impatto ambientale del progetto Parco eolico Marino Gargano Sud avviata con avvisi al pubblico del 06.04.2012 – in virtù degli esiti dell’attività di ottimizzazione delle opere in progetto finalizzate alla minimizzazione degli impatti ambientali aveva integrato la documentazione del Sia già consegnata, per presentare delle migliorie progettuali e conseguenti benefici in termini di riduzione degli impatti ambientali attesi.

Le migliorie progettuali fanno riferimento, per la parte offshore: adozione di un altro aerogeneratore con potenza nominale di 3,6 MW rispetto a 4 MW; riduzione di aerogeneratori da 95 a 85; arretramento di circa 1 km della parte del fronte di turbine più vicino alla cosa ma “mantenendo sostanzialmente immutata la potenza installata a 340 MW e l’energia prodotta ad oltre 7,3 GWh/y”.

Per le migliorie relative alla parte Onshore: adozione di una nuova (terza) alternativa di percorso per il cavidotto, completamente interrato, di collegamento alla RTN, interessante i soli comuni di Manfredonia e Zapponeta e non più Cerignola. “Tale scelta – avvisa la società – presenta interferenze di minor peso c on le aree protette e con le infrastrutture esistenti e quindi con minor impatto degli interventi realizzativi”.


Le migliorie progettuali erano state inviate agli organi e uffici di competenza. Sul sito www.va.minambiente.it la documentazione relativa.


g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • Marco

    Le turbine eoliche devono stare ben lontane dal Gargano, sia quelle marine che quelle terrestri.
    Questi sono dei pazzi, è da pazzi distruggere un gioiello come il Gargano. Ma al turismo ci pensano?


  • Gallowe

    VITTORIA!!!
    VITTORIA!!!
    VITTORIA!!!

    QUESTI SPECULATORI SI DEVONO METTERE L’ANIMA IN PACE!!!

    COSI COME QUELLI CHE DEVONO TERMINARE GLI IMPIANTI GIA’ AUTORIZZATI!!!

    LA GREEN ECONOMY E’ TUTT’ALTRO!!!

    FINITELA DI RIEMPIRVI LA BOCCA CON UN TERMINE CHE AVETE IMPARATO AD USARE SOLO PER CONVENIENZA E PER RIEMPIRE LE VOSTRE TASCHE CON I SOLDI CHE I CITTADINI STANNO PAGANDO GIA’ DA ALCUNI ANNI, INVECE DI AVERE BENEFICI PER L’ISTALLAZIONE DI QUESTI MEGAMOSTRI!!!


  • muammar

    GODOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!

    grazie regione!


  • Antonio

    Si sul gargano vedo piu’ una centrale nucleare!!!!Ambientalisti siete la razza piu’ brutta che esiste sulla terra….eppure vorrei ghiedervi ma dove abitate???Nelle caverne???No per vostra attenzione dove c’erano le vostre case esisteva un paesaggio ,fichi d’india,ecc,quindi sviaggiate!!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    Manfredonia passerà alla storia, quale ridente cittadina pullulante di pecoroni e servi del potere, per aver permesso la totale distruzione di una scogliera stupenda ubicata in pieno centro cittadino, per permettere delle colossali gettate di pietra e cemento nel posto sbagliato e con altri 4 porti a disposizione.. e vuoti e quasi vuoti.
    Il porto industriale, il porto turistico vicino le clerc, il porto peschereccio e il porto di Orto delle Brecce!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    Gli ambientalisti italiani sono fedeli e affidabilissimi servi del potere politico.


  • Antonio

    Avete fatto fare tutto ,porti ,industrie fantasma,industrie chimiche che hanno portato morte ed inquinamento delle falde acquifere e costa permamentemente infatti il veleno giace nel sottosuolo,ed ora che viene fatta una cosa che rispetta l’ambiente senza inquinarlo ora non va bene???Ma andate a defecare!!!!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    Ogni cosa ha un suo prezzo..


  • Alternativa

    Io so che ci sta un altro progetto che è stato invece accettato dalla regione. Se non mi ricordo male erano una decina di pale in mare nella zona di Macchia. Io sono a favore di queste energie e se è così mi fa piacere.


  • Scapocchione sipontino

    E la proposta di gamesa? Che fine hanno fatto?


  • Gallowe

    ESSERE CONTRO A QUESTI PROGETTI NON SIGNIFICA ESSERE CONTRO ALLE ENERGIE ALTERATIVE!
    LA GENTE PENSA CHE SI COSTRUISCE TUTTO QUESTO PER METTERSI LA COSCIENZA A POSTO CON LA NATURA E DARE BENEFICI ALLA POPOLAZOINE?
    SVEGLIA!!!
    DA QUANDO QUESTI IMPIANTI SONO ENTRATI IN FUNZIONE LE BOLLETTE SONO AUMENTATE PERCHE’ NON SI E’ RIDOTTA LA PRODUZIONE DI ENERGIA PRODOTTA DAI FOSSILI, MA E’ RIMASTA UGUALE E PERTANTO NON E’ POSSBILE IMMETTERE (VINE FATTO IN MINIMA PARTE) L’ENERGIA PRODOTTA DALLE RINNOVALBILI NELLA RETE NAZIONALE E PERTANTO NOI PAGHIAMO QUESTE MANCATE PRODUZIONI!!!
    QUINDI CHE SENSO HA DETURPARE UN PAESAGGIO MAGNIFICO COME QUELLO ITALIANO CON DEGLI IMPIANTI GIA’ OGGI OBSOLETI (COSTANO DI MENO DELLE NUOVE GENERAZIONI), OSTINANDOCI A RIEMPIRLO CON DEGLI IMPIANTI CHE FINO A QUANDO LA RETE SARA IN GRADO DI ASSORBIRE TUTTA LA LORO PRODUZIONE SARANNO PURTROPPO ANCORA DI PIU’OBSOLETI???

    MEDITATE E SVEGLIATEVI PERCHE’ NON E’ PIU IL MOMENTO DI FARE LA PARTE DEGLI IGNORATI E/O DEI FESSI!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi