Manfredonia
Sabato 3 dicembre, alle ore 21, al teatro comunale “Lucio Dalla”, inizia “Io esco” con Madame Bovary

Lucia Lavia inaugura la stagione di prosa della Città di Manfredonia

Di:

Manfredonia. ”Strepitoso successo della campagna abbonamenti per “Io esco”, la stagione di prosa 2016/2017 organizzata dal Comune di Manfredonia in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e la compagnia Bottega degli Apocrifi: a pochi giorni dall’inizio degli spettacoli si registrano infatti 120 abbonamenti, il 20% in più rispetto allo scorso anno.

L’acquisto degli abbonamenti sarà possibile fino al giorno del primo spettacolo, mentre da domani 1 dicembre saranno disponibili sia presso la biglietteria del teatro che online sul sito www.bookingshow.it i biglietti per l’accesso ai singoli spettacoli.

Sul sito http://www.bottegadegliapocrifi.it/esco-la-stagione-prosa-2016-2017/ sono disponibili tutte le informazioni sulla stagione

Il primo appuntamento sarà sabato 3 dicembre alle ore 21.00 con una prestigiosa figlia d’arte, Lucia Lavia, che, con la regia di Andrea Baracco e le musiche di Giacomo Vezzani, porterà in scena Madame Bovary, la passionaria antieroina protagonista del capolavoro di Gustave Flaubert.

Non conosci davvero un uomo fino alla notte o al giorno in cui vai a letto con lui. Non conosci davvero una donna mai. Neanche se quella donna sei tu.

Nel 1856, la pubblicazione di Madame Bovary valse a Flaubert un processo come autore di un’opera indecente, addirittura scandalosa. Perché Emma Bovary, come Don Chisciotte, come Amleto è una sapiente fabbricatrice di illusioni, mossa da una folle volontà di renderle concrete. Emma, nel desiderio di far del suo percorso sulla terra materia da romanzo, inciampa costantemente fino a perdere il ritmo dei propri passi, per poi sbagliare grossolanamente il tempo dell’ingresso in scena. Così, anziché precipitare nell’orgia perpetua che crede aver diritto di abitare si ritrova in una stretta gabbia con trappole, doppi fondi, bassezze e personaggi caricaturali. Un luogo che più che la vertigine del paradiso o dell’inferno, ricorda l’orizzontalità di un acquitrino melmoso, in cui Emma si dimena per trovare almeno la giusta posa o il profilo migliore, col risultato che anziché trovarsi sulla soglia della agognata grazia, varca spesso la soglia – molto più prossima alla condizione umana – del ridicolo. (Andrea Baracco)

Biglietti
I settore intero € 15,00 | ridotto € 13,00
II settore e galleria intero € 13,00 | ridotto € 11,00
Speciale under 19 € 7,00 (per secondo settore e galleria)

Info e prenotazioni
Bottega degli Apocrifi / Teatro Comunale “Lucio Dalla””



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati