Cronaca

Bari, sequestro un quintale di fuochi d’artificio, 4 denunce

Di:

Bari – I Finanzieri del Comando Provinciale di Bari hanno intensificato in questi giorni che precedono la fine dell’anno, i controlli in Città e Provincia al fine di contrastare la detenzione e l’illecita vendita di materiale esplodente e giochi pirici pericolosi, nell’ambito delle specifiche indicazioni diramate sul tema dal Questore di Bari. All’esito di tali controlli sono stati sequestrati oltre 100 chilogrammi di fuochi d’artificio tutti rientranti nella categoria IV e V, detenuti abusivamente.

La legge prevede che i prodotti pirotecnici classificati dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza nelle categorie IV (bombe aeree cilindriche e sferiche, batterie, razzi) e V (piccoli razzi, piccoli petardi, piccole combinazioni di tubi monogetto, piccoli sbruffi) possono essere venduti solamente in esercizi appositamente autorizzati dal Prefetto a persone maggiorenni.

I prodotti, ritenuti particolarmente pericolosi per l’incolumità pubblica, erano costituiti da manufatti fabbricati artigianalmente e/o di provenienza extracomunitaria, principalmente dalla Cina. I 4 soggetti ritenuti responsabili sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria e dovranno rispondere di varie ipotesi di reato tra le quali quella della fabbricazione, detenzione ed inosservanza delle più elementari norme di sicurezza. Si conferma, pertanto, l’attenzione rivolta dalle Fiamme Gialle baresi per arginare l’increscioso fenomeno del commercio illegale di materiale esplodente che ogni anno arreca grave nocumento all’incolumità pubblica.

Redazione Stato

Bari, sequestro un quintale di fuochi d’artificio, 4 denunce ultima modifica: 2014-12-30T21:32:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi