Manfredonia
10 finora le vittime ma naufraghi non presenti all’appello sarebbero 38

Manfredonia, mercantile con naufraghi attraccherà a Taranto

Dopo la richiesta della Prefettura di Foggia, “Manfredonia (città sede di porti,ndr) ha risposto attivando una macchina di soccorso e assistenza per essere pronti a qualsiasi evenienza”, dice a Stato Matteo Perillo, presidente dell’associazione Paser


Di:

Manfredonia – ATTRACCHERA’ al Porto di Taranto il mercantile battente bandiera maltese sul quale vi sono “38 naufraghi” presenti domenica scorsa, 28 dicembre, sul traghetto Norman Atlantic, interessato da un incendio al largo delle coste albanesi. 10 le vittime finora accertate, oltre a feriti e dispersi. A riguardo, sono state salvate 427 persone ed i naufraghi non presenti all’appello sarebbero “38”, secondo l’edizione online del settimanale greco To Vima, considerato tra i più autorevoli.

Come riporta un lancio Ansa delle ore 14.18 di stamani, “facendo il bilancio tra il numero delle persone presenti sulla Norman Atlantic, 499 in tutto, i naufraghi soccorsi (310) e le 10 vittime accertate, restano 179 persone di cui non si hanno notizie certe ma che potrebbero essere su due mercantili greci che hanno partecipato ai soccorsi e che ora sono diretti verso la costa ellenica. Lo ha detto il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, precisando che bisognerà attendere lo sbarco dei mercantili greci per avere certezza su superstiti”.

L’INIZIALE IPOTESI MANFREDONIA PER L’ATTRACCO DEL MERCANTILE TRASPORTANTE 38 NAUFRAGHI. Dopo la richiesta della Prefettura di Foggia, “Manfredonia (città sede di porti,ndr) ha risposto attivando una macchina di soccorso e assistenza per essere pronti a qualsiasi evenienza”, dice a Stato Matteo Perillo, presidente dell’associazione Paser.

“Sin dalle ore 6 di stamani – continua Perillo – abbiamo attrezzato sul porto turistico Marina del Gargano (iniziale sito individuato per l’attracco del mercantile,ndr) un ospedale da campo con i medici del 118 di Foggia, tutti precettati; i volontari dell’associazione TUR 27 di Troia si sono occupati di montare il PMA (posto medico avanzato), mentre come Paser abbiamo messo a disposizione 2 ambulanze, 1 automedica, e altri mezzi anche per il prestabilito trasporto dei naufraghi a Casa Famiglia – don Mario Carmone, una volta fatto il controllo nel PMA”. Sul porto turistico presenti anche i volontari della Croce Rossa italiana di Foggia. Presente il referente Raffaele Di Sabato.

“Il Comune di Manfredonia – continua il presidente della Paser Matteo Perillo – sarebbe stato pronto ad ospitare fino a 20 persone per questa notte; in ogni modo erano state allertate anche delle strutture alberghiere di Manfredonia se fosse emersa la necessità di ulteriori alloggi. Come Paser – continua Perillo – avevamo messo a disposizione coperte (circa 25 quelle donate dall’Asl Foggia) e generi di prima necessità, oltre a scarpe e anche due interpreti di lingua inglese”.

Inizialmente era stato infatti previsto l’arrivo a Manfredonia di 38 naufraghi – “prevalentemente greci e albanesi, ma presenti anche bulgari, turchi, tedeschi” – con 3 feriti lievi e 5 bambini. “Ma le condizioni meteo avverse (mare forza 5,ndr) – spiega Perillo – hanno reso impossibile l’avvicinamento del mercantile ai porti di Manfredonia. Sono stati effettuati diversi tentativi a circa 15 miglia dalla città sipontina ma andati a vuoto”. A riguardo, una dottoressa della Croce Rossa, presente sulla motovedetta della Capitaneria che ha tentato di avvicinare più volte il mercantile, si è sentita male, con riscontro di un principio di ipotermia.

In ogni modo va ricordato come il mercantile trasportante i naufraghi avrebbe avuto “un pescaggio fino a 14 metri” con impossibilità comunque di attraccare nei porti di Manfredonia “dove imbarcazioni superanti un pescaggio di 10 metri non possono entrare”. Dunque, meteo avverso o meno, l’attracco a Manfredonia sarebbe risultato in ogni modo impossibile.

Il mercantile dovrebbe ora attraccare nel porto di Taranto.

FOTOGALLERY MICHELE RINALDI

FOTOGALLERY BENEDETTO MONACO/STATOQUOTIDIANO

g.defilippo@statoquotidiano.it

Manfredonia, mercantile con naufraghi attraccherà a Taranto ultima modifica: 2014-12-30T15:04:40+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • mario

    Che il mercantile abbia un pescaggio a 14 metri e, comunque impossibile attraccare a Manfredonia, ancora adesso si sono resi conto? Non si poteva evitare di farlo circolare a vuoto e dirigersi direttamente a Taranto?.


  • Anonimo

    Infatti, ma secondo me la voglia di apparire della nostra amministrazione è stata più forte…..


  • Quel maledetto binario ferroviario a 2 metri dal mercato sett.della Scaloria

    tre porti
    senza alcuna utilità


  • Marco

    Ma come si fà a mandare gente impreparata sulla motovedetta della Capitaneria!!!!!!
    A proposito non era dottoressa ma era della Croce Rossa!!!!!!!!!


  • Falco

    Solo un modo di mostrarsi, mah!!!, potevano dirigersi dall’inizio a Taranto.


  • Vita Lizio

    Peccato, entro aprile sicuramente un’altra pioggia di medaglie ed encomi solenni.


  • Silvio

    Era in primis un medico che parlava Tedesco, che poi faceva parte della Croce Rossa è altra cosa. Come si fa sempre è cmq ha dire cattiverie sulla gente che da stamani (PASER e CRI) stanno al freddo e gelo sul porto per salvare i naufraghi, si parla senza sapere, si critica tutto e tutti. Invece bisogna solo dire grazie alle persone che oggi si sono impegnati sottraendo tempo alle famiglie per il bene della comunità, non vediamo sempre il doppio gioco.


  • carlo

    Invece di dar fiato alla bocca, rimboccatevi le maniche!!! Le solite critiche STERIILI da bar!!! Era una dott.ssa!! E a differenza di qualcuno è salita lì per AIUTARE chi ha vissuto giorni da incubo!! IO cittadino apprezzo!!! GRAZIE A TUTTI I VOLONTARI!!!!!


  • Felice

    Fate pena con questi commenti! Siete dei frustrati. Un consiglio martellatevi i testicoli .


  • Vita Lizio

    e tu prenditi qualche calmante, si intuisce che stai sotto stress e il bello deve ancora venire….e cerca di evitare il trivio.. e il suggerimento di pratiche autolesionistiche
    Ciao ciao


  • Mauro Palazzo

    L’ennesima imbarazzante figura di merda.


  • Michele

    La dottoressa che parlava Tedesco non si puo’ sentire.
    Pensa te se c’era anche l’infermiera che parlava Cinese.
    Questo si che e’ un plusvalore nella croce rossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi