CulturaFoggia
Sono trascorsi 21 anni dall’omicidio del direttore dell’Ufficio del Registro di Foggia

“Chiedi chi era Francesco Marcone” (Ftgallery)

Il 21 marzo sono scese in piazza più di cinquemila persone, provenienti da tutta la Regione


Di:

Foggia. Sono trascorsi 21 anni dall’omicidio di Francesco Marcone, direttore dell’Ufficio del Registro di Foggia. 21 anni di assenza di verità e di giustizia. La storia di Francesco Marcone è legata alla storia della città di Foggia: dalle carte processuali è emerso che Marcone si contrappose alla speculazione edilizia e ad affari illeciti che ruotavano attorno al suo ufficio. Pagò con la vita la sua onestà e il suo senso del dovere. Oggi più che mai, in un momento preoccupante per la città di Foggia, colpita dalla recrudescenza della violenza mafiosa, è importante chiedere verità per l’omicidio Marcone e ritrovare nella sua storia le ragioni di un impegno collettivo, unica strada per il riscatto della città.

Il 21 marzo sono scese in piazza più di cinquemila persone, provenienti da tutta la Regione, per dire che c’è chi non si arrende alle mafie. In linea di continuità con questa grande manifestazione, nella Giornata cittadina della legalità Libera Foggia, come ogni anno, ha raccontato la storia di Francesco Marcone, attraverso la presentazione del graphic novel “Francesco Marcone: colpevole di onestà”, di Remo Fuiano. La presentazione si è tenuta il 31 marzo, presso l’auditorium della Biblioteca provinciale di Foggia. Alla presentazione, moderata da Francesca Capone, sono stati invitati Remo Fuiano, Daniela e Paolo, figli di Francesco Marcone, Sasy Spinelli, referente di Libera Foggia, e don Luigi Ciotti, presidente di Libera.

(nota stampa Libera)

“Chiedi chi era Francesco Marcone” (Ftgallery) ultima modifica: 2016-03-31T09:22:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi