Cronaca
Castro e Marina Serra (LE): dopo lo sbarco dei migranti fermato in mare un potente gommone

Nuovo sbarco di migranti nel Salento: 2 arresti

Il velivolo impiegato ha condotto una ricognizione a largo raggio per verificare la presenza sul mare di altre imbarcazioni impiegate nell’illecito traffico

Di:

Bari. Nella mattinata odierna, una ventina di migranti, appena sbarcati sulla costa nelle vicinanze di Castro Marina, è stato individuato dalle forze dell’ordine nell’ambito del piano antimmigrazione in vigore nella provincia leccese. In particolare i Carabinieri hanno rintracciato cittadini di presunta provenienza somala, siriana e iraniana. Parallelamente, sul mare, poco dopo le 08.00, una motovedetta del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari, competente per la sorveglianza delle coste pugliesi, supportata da unità del Gruppo Aeronavale di Taranto, che svolge le funzioni di Centro di Coordinamento Locale Frontex per l’operazione “TRITON 2016” e di un velivolo spagnolo, attualmente rischierato in Puglia nell’ambito della citata operazione Frontex, ha intercettato, nel tratto di mare antistante Marina Serra, un potente gommone, di oltre 10 metri di lunghezza, con a bordo due soggetti risultati uno di nazionalità greca e l’altro albanese, che tentava di allontanarsi dalla costa. I finanzieri riuscivano a fermare il mezzo che, con i due scafisti veniva condotto presso gli ormeggi della Sezione Operativa Navale di Otranto per gli accertamenti del caso. Sono in corso ulteriori approfondimenti sulla posizione dei due fermati. Sarà infatti verificato se i migranti rintracciati siano effettivamente giunti a bordo di quel mezzo e se nell’ambito dello stesso viaggio siano stati sbarcati in località vicine anche altri piccoli gruppi di migranti irregolari. Il velivolo impiegato ha condotto una ricognizione a largo raggio per verificare la presenza sul mare di altre imbarcazioni impiegate nell’illecito traffico, al momento con esito negativo, mentre su terra sono in corso ulteriori ricerche tese a rintracciare eventuali altri migranti.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This