Stato prima
Per il naufragio della Concordia

Confermati 16 anni a Schettino

Lo ha deciso stasera la corte d'appello di Firenze

Di:

(ANSA) Confermata la condanna a 16 anni di reclusione per il naufragio della Concordia a Francesco Schettino, l’ex comandante della nave. Lo ha deciso stasera la corte d’appello di Firenze. Confermata la condanna a 16 anni di reclusione per il naufragio della Concordia a Francesco Schettino, l’ex comandante della nave. Lo ha deciso stasera la corte d’appello di Firenze. (ANSA)

(wikipedia). Il naufragio della Costa Concordia è un sinistro marino tipico avvenuto venerdì 13 gennaio 2012 alle 21:45:05 alla nave da crociera Costa Concordia comandata da Francesco Schettino e di proprietà della compagnia di navigazione Costa Crociere, parte del gruppo anglo-americano Carnival Corporation & plc. Salpata dal porto di Civitavecchia e diretta a Savona per la prima tappa della crociera «Profumo d’agrumi», nelle acque dell’Isola del Giglio la nave ha urtato uno scoglio riportando l’apertura di una falla lunga circa 70 metri sul lato sinistro dell’opera viva; l’impatto ha provocato la brusca interruzione della crociera, un forte sbandamento e il conseguente arenamento sullo scalino roccioso del basso fondale prospiciente Punta Gabbianara, a nord di Giglio Porto, seguito dal parziale affondamento della nave. L’incidente ha provocato 32 morti tra i passeggeri e l’equipaggio della Costa Concordia; la morte di un sommozzatore mentre era intento a collaborare nei lavori di rimozione del relitto, avvenuta il 1º febbraio 2014, ha portato a 33 il numero delle vittime collegate all’evento. La Costa Concordia è stata la nave passeggeri di maggior tonnellaggio mai naufragata della storia.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati