GarganoManfredonia
Nei primi due mesi 1700 iscritti, 940 partecipanti, 1840 utenti in streaming

Entro luglio il Piano strategico del turismo della Puglia

Dai questionari dell’Osservatorio sul turismo risulta che oltre il 90% ritiene valida la discussione di Puglia365

Di:

Bari. La Puglia turistica non si adagia sugli allori. Solo qualche anno fa non si conosceva quasi niente all’estero della Puglia che non era considerata una vera e propria destinazione turistica nemmeno in Italia; oggi riceve l’oscar della regione italiana più amata da Italia Travel Award, prima edizione del premio nato per celebrare l’impegno e la competenza nel settore turistico. In questo clima positivo nel quale la Puglia è diventata una destinazione cool, la Regione e gli operatori turistici, insieme con gli enti locali, le associazioni datoriali e sindacali, il MIBACT, gli opinion leader, le università e i GAL, sono impegnati a fare un nuovo salto di qualità: si sono rimboccati le maniche per il grande lavoro di tessitura del Piano strategico del turismo 2016/25, giunto già a due terzi del cammino. I mesi di aprile e maggio sono serviti ai primi due round di discussione in giro per la Puglia sui sei temi del Piano : innovazione, infrastrutture, promozione, prodotto, accoglienza, formazione. I tempi sono stati rispettati sotto la supervisione del Responsabile del Piano, Luca Scandale e del Commissario di Pugliapromozione, Paolo Verri, con la partecipazione sempre attiva dell’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, e adesso il lavoro è al rush finale che si svolgerà con gli ultimi sei incontri durante il mese di Giugno che porteranno alla stesura definitiva del Piano. Al termine del secondo ciclo di tavoli di discussione si tirano le somme insieme agli esperti chiamati in causa da Pugliapromozione, Josè Ejarque Bernet, esperto in politiche turistiche e sviluppo territoriale, Roberta Milano, esperta di turismo e comunicazione digitale e Gabriella Ghigi, esperta di turismo congressuale e MICE. Alla intensa giornata di lavoro hanno partecipato oltre ai coordinatori di Pugliapromozione, al Commissario Paolo Verri e a Luca Scandale, i presidenti dei tavoli, Salvatore Nappi, di TIM per il tavolo INNOVAZIONE, Amedeo Maizza, Università del Salento, per il tavolo PROMOZIONE, Giuseppe Acierno, Amministratore unico Aeroporti di Puglia, per il tavolo Infrastrutture, Alessandro Ambrosi, Presidente di Confcommercio Provincia di Bari/B.A.T., per il tavolo Accoglienza, l’imprenditore Aldo Melpignano, per il tavolo Prodotto, e i partner del Comitato Promotore del Piano.

La Puglia continua a raccogliere riconoscimenti, ultimo l’Italia Travel Award; le previsioni dei flussi turistici sono più che rosee: secondo i primi dati dell’Istituto Piepoli è prevista per la Puglia una stagione record. Ma questo successo della destinazione, costruito certamente con l’impegno di questi ultimi dieci anni, richiede adesso un ulteriore salto di qualità e non può essere il risultato di un fenomeno a volte spontaneo o frutto di un impegno in ordine sparso. Gli operatori ne sono ben consapevoli – commenta l’Assessore Capone – Ci sono molte aspettative per fare di più e meglio. Riscontro un fermento positivo: la partecipazione alla costruzione del piano strategico della Puglia è buona e ad ogni incontro in giro per la Puglia ho la sensazione concreta già di alcuni risultati in termini di costruzione di reti di imprese e di lavoro insieme in una ottica nuova, con l’intento di costruire una strategia di potenziamento delle azioni di promozione che hanno portato all’ affermazione del brand, di realizzazione di azioni innovative fondamentali sul piano del prodotto e della destagionalizzazione e di creazione di un nuovo rapporto pubblico privati per creare finalmente un sistema dell’industria turistica e culturale della Puglia” .

Nel corso della riunione sono stati presentati i risultati dell’indagine “Service Quality- Fra aspettative e soddisfazione”, realizzato dall’Osservatorio di Pugliapromozione in collaborazione con il Comitato di coordinamento del Piano strategico e strutturato per quantificare e classificare le priorità di intervento della prossima programmazione. Sei questionari, uno per area tematica, due matrici di valutazione (priorità e stato attuale del servizio) per indagare gli aspetti più controversi (discomfort zone) e i punti di forza (comfort zone) su cui occorre puntare in futuro per rendere la Puglia una destinazione turistica realmente moderna e competitiva. I questionari sono stati compilati dall’80 per cento dei 1700 iscritti durante i forum del Piano Puglia 365, on line sul sito www.puglia365.it, o via mail.

“Dai questionari emerge un certo ottimismo degli operatori per quanto riguarda le prospettive di sviluppo del turismo in Puglia da qui al 2025. Il 63,9 ritiene che l’andamento del settore sarà migliore nei prossimi dieci anni rispetto agli anni precedenti. Positiva anche il valutazione sui tavoli di discussione del Piano strategico del turismo Puglia 365: il 63,4 li ritiene utili e il 30,8 estremamente utili. In pratica oltre il 90 per cento ritiene utile il lavoro di costruzione del Piano – commenta Paolo Verri – Due i problemi endemici condivisi dagli operatori : l’ancora scarso grado di internazionalizzazione dei pernottamenti, nonostante la crescita media annuale dall’estero sia stata dell’8,5% circa negli ultimi sette anni che ha portato al 20% il tasso di internazionalizzazione nel 2015 (era del 14,7 nel 2010); la forte stagionalità dei flussi (il 55,5% dei pernottamenti si addensa nei soli mesi di luglio e agosto). Per superare queste due debolezze il Piano si pone due obiettivi concreti attraverso la determinazione di una trentina di azioni che saranno scelte e costruite con responsabilità, tempi e finanziamenti definiti: raggiungere entro il 2025 un tasso di internazionalizzazione del 30%, mantenendo il ritmo di crescita annuo dell’8,5% e riducendo il gap che distanzia la Puglia da competitor affini quali Sicilia, Sardegna ed Emilia Romagna; e ridurre al 43-45% la percentuale di presenze concentrate nei mesi di luglio e agosto, destagionalizzando le quote degli altri mesi dell’anno”.

Entro il mese di luglio il Piano sarà concluso e presentato al Ministro Franceschini. Prossimo incontro di discussione di Puglia365 il 7 giugno a Martina Franca sul tema Infrastrutture.

Per ulteriori informazioni www.puglia365.it .



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati