Foggia
Il trasferimento del personale si prospetta particolarmente impegnativo

Cessione Don Uva, “Entro il 7 giugno salvaguardia 1700 lavoratori”

L’immissione in possesso e la piena operatività del cessionario sarà invece differita rispetto alla stipula del contratto

Di:

Foggia. “Operazione assai complessa e senza precedenti nei territori di Puglia e Basilicata! In vista della imminente sottoscrizione dell’atto pubblico per la cessione dei Complessi Aziendali della Casa della Divina Provvidenza, abbiamo dato impulso alle operazioni per la salvaguardia di tutto il personale previste nell’accordo sindacale sottoscritto all’unanimità il 9 febbraio 2017 presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

L’immissione in possesso e la piena operatività del cessionario sarà invece differita rispetto alla stipula del contratto. Infatti, secondo quanto stabilito dall’art. 9, c. 2, della L.R. n. 9 del 2 maggio 2017 della Regione Puglia e dall’art. 5 della L.R. n. 28 del 5 aprile 2000 della Regione Basilicata, il procedimento per il trasferimento della autorizzazioni per l’esercizio dell’attività sanitaria in favore del cessionario potrà avviarsi solo dopo la sottoscrizione dell’atto di cessione.

Pertanto, in questi giorni, in ossequio a quanto stabilito al punto 8 dell’accordo sindacale sottoscritto all’unanimità il 9 febbraio 2017 presso il Ministero dello Sviluppo Economico, i lavoratori saranno invitati a sottoscrivere, entro e non oltre la data del 7 giugno, alla presenza dei rappresentanti sindacali all’uopo deputati, le proprie dimissioni contestualmente alla proposta di assunzione da parte del cessionario.

Per quanto suddetto l’efficacia delle dimissioni e delle contestuali assunzioni sarà decorrente dalla data di immissione in possesso del cessionario. Alla luce di ciò, sino a tale data tutto il personale resterà in forza alla Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza in Amministrazione Straordinaria.

Il trasferimento del personale si prospetta particolarmente impegnativo, perché interesserà circa 1700 lavoratori divisi tra le sedi di Bisceglie, Foggia e Potenza. A tal proposito, auspico di poter svolgere dette attività in un clima collaborativo e propositivo, nell’interesse di tutte le parti coinvolte”.

Così l’Avv. Bartolomeo Cozzoli, Commissario Straordinario della Casa della Divina Provvidenza.

Cessione Don Uva, “Entro il 7 giugno salvaguardia 1700 lavoratori” ultima modifica: 2017-05-31T22:03:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi