Stato prima
Fonte news.va

Francesco: sacerdoti cerchino i bisognosi, non i poteri del mondo

La vita dei discepoli di Gesù, riprende, deve essere fatta di “amore concreto, cioè di servizio e disponibilità”

Di:

Roma. Abbiate un cuore aperto, uscite dai voi stessi, rifuggite dai poteri del mondo. Sono le esortazioni che Papa Francesco ha rivolto a sacerdoti e religiosi polacchi, durante la Messa di stamani nel Santuario di San Giovanni Paolo II, rilanciate più tardi anche da un suo tweet: “Gesù cerca cuori aperti e teneri verso i deboli, mai duri; cuori docili e trasparenti”. Dal Papa la spinta a lasciarsi trasformare dalla misericordia per “continuare a scrivere il suo Vangelo di amore”. Da parte sua, il cardinale Stanislaw Dziwisz ha ringraziato Francesco per questa visita che rinforza la Chiesa polacca “nella vocazione e nella prontezza a proseguire” il proprio servizio. Da Cracovia, il nostro inviato Alessandro Gisotti:

Gesù desidera che “la Chiesa sia in uscita, vada nel mondo”

. Nel Santuario di San Giovanni Paolo II, che ha portato il Vangelo in ogni angolo della Terra, Francesco esorta i sacerdoti e i religiosi della Polonia, almeno duemila presenti, a seguire l’esempio di Karol Wojtyla di “aprire le porte” a Cristo per vincere la tentazione di “rimanere un po’ rinchiusi, per timore o per comodità”. La Messa è stata vissuta con grande intensità spirituale, accanto all’altare anche una reliquia del Santo Papa polacco, sullo sfondo i meravigliosi mosaici opera di padre Rupnik.

I sacerdoti rinuncino alle proprie sicurezze, siano saldi in Gesù

. Nell’omelia, Francesco traccia una sorta di profilo del buon pastore, quasi una guida per i sacerdoti e pone come primo punto proprio l’“uscire da se stessi”:

“E’ un viaggio senza biglietto di ritorno. Si tratta di compiere un esodo dal nostro io, di perdere la vita per Lui, seguendo la via del dono di sé. D’altra parte, Gesù non ama le strade percorse a metà, le porte lasciate socchiuse, le vite a doppio binario. Chiede di mettersi in cammino leggeri, di uscire rinunciando alle proprie sicurezze, saldi solo in Lui”.

La vita dei discepoli di Gesù, riprende, deve essere fatta di “amore concreto, cioè di servizio e disponibilità”. E’ una vita, ammonisce, “dove non esistono spazi chiusi e proprietà private per i propri comodi”.

FONTE NEWS.VA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati