ManfredoniaStato news
Nota stampa Comune Manfredonia

Musixmatch parla manfredoniano, lodi da Zuckerberg

Zuckerberg cita, come esempio positivo, l’applicazione realizzata dalla squadra capitanata dal sipontino Max Ciociola

Di:

Manfredonia. In questo momento è uno degli italiani più famosi al mondo e l’investitura più importante l’ha ricevuta da Mark Zuckerberg, due giorni fa. Lui si chiama Massimo Ciociola, detto Max, e, per quei pochi che ancora non lo sanno, è un nostro concittadino che ha saputo affermarsi nell’ambito tecnologico con Musixmatch: un’applicazione che fa cantare più di 30 milioni di persone, in tutto il mondo, facendo apparire in tempo reale i testi delle canzoni su cellulari, tablet e computer. Zuckerberg, presidente e amministratore delegato di Facebook, non è certo l’ultimo arrivato e, quando ha parlato di buone idee, di intuizioni felici e vincenti, facendo esempi concreti, ha detto testualmente che “In Europa è nata Spotify. In Italia c’è Musixmatch di Max Ciociola”.

A dirla tutta, la soddisfazione dei manfredoniani che tengono alla propria identità di comunità coesa può essere doppia, alla luce del fatto che Max Ciociola non è il solo sipontino di Musixmatch, visto che sin dall’inizio di questa appagante avventura c’è, con lui, anche Gianluca Delli Carri. “Da manfredoniano, prima ancora che da sindaco di questa città, quando ascolto notizie che evidenziano le capacità, le attitudini e i successi dei concittadini, provo un lungo brivido di soddisfazione. Immagino, o provo a farlo, gli sforzi, la tenacia, la caparbietà, che sono alla base di queste mirabili affermazioni professionali”, commenta Angelo Riccardi.

“L’intuizione che ha permesso la creazione di Musixmatch è tanto semplice, quanto geniale”, aggiunge il sindaco

La parola ‘lyrics’ (testi, ndr) è tra le parole più cercate sul motore di ricerca Google. Più di 1 miliardo di persone al mese, infatti, cercano, i testi di questa o quella canzone, per canticchiare i brani dei propri artisti e band, per imparare le lingue o semplicemente affermare i propri momenti di felicità. Per la prima volta, nel 2010, una funzionalità così naturale e richiesta dall’utenza ma, fino ad allora, ancora assente su qualsiasi piattaforma, consentiva all’abbonato di leggere i testi durante l’ascolto; per la prima volta, soprattutto, l’integrazione tra streaming e lyrics assumeva una forma ufficiale e legale, offrendo un contributo implicito e sostanziale alla lotta contro la diffusissima pirateria sui testi.

“Un imprenditore viene giudicato per il cambiamento che riesce a portare nella società”, ha detto Mark Zuckerberg. E anche questo deve aver concorso alla stima che il fondatore di Facebook ha sviluppato nei confronti di Musixmatch e di Max Ciociola, capaci di “immaginare prima – dice il sindaco Riccardi – come sarebbe stato il mondo, iniziando a darsi da fare, con largo anticipo, per creare le condizioni che lo avrebbero portato lì dove è giunto. Faccio i miei sinceri complimenti a Max Ciociola, a Gianluca Delli Carri ed a tutto lo staff di Musixmatch, anche se, ovviamente, mi pregio di rappresentare i nostri due concittadini e indirizzo a loro, con maggior vigore, il ringraziamento della Città di Manfredonia per l’obiettivo raggiunto sin qui. Un traguardo importante, ma non definitivo. Sono convinto che le capacità di Max, e di Gianluca, sapranno portare loro ulteriori soddisfazioni. In bocca al lupo!”.

Matteo Fidanza – Ufficio Stampa – Città di Manfredonia



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Nino Di Giovanni

    Anche a Manfredonia abbiamo un genio. Non è di certo il primo e spero ne vengano fuori altri in futuro. Queste sono le belle noyizie. Complimenti


  • Genio sipontino

    Ce ne sono tanti di geni disseminati a Manfredonia specialmente nel Palazzo a partire dal genio che ha ricreato le paludi sipontini e maestosi cannetti con quelle straordinarie e impareggiabili barriere frangiflutti di Orto delle Brecce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati