Manfredonia
"Violenze fisiche e psicologiche alla convivente e alla figlia della donna"

Manfredonia, violenze e abusi sessuali su minore: arrestato 62enne

A conclusione delle formalità di legge l’indagato è stato tradotto nel carcere di Foggia a disposizione dell’A.G. mandante

Di:

Manfredonia, 31 agosto 2017. Personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Manfredonia , a coronamento di complesse e delicate indagini di p.g., ha ottenuto ed eseguito stamani un’ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere nei confronti di un pluripregiudicato di Manfredonia, classe 1955, rintracciandolo e catturandolo nella mattinata odierna in Manfredonia.

A conclusione delle formalità di legge l’indagato è stato tradotto nel carcere di Foggia a disposizione dell’A.G. mandante.

L’ordinanza

Nell’Ordinanza Applicativa della misura coercitiva, richiesta dal Sostituto Procuratore della Repubblica dott.ssa Laura Simeone ed emessa dal GIP del Tribunale di Foggia dr. Marco Ferrucci, si legge che l’uomo è indagato:
”a) del reato di cui all’art.572 e art. 61 nr. 11 quinquies c.p. per avere con condotte continuate e ripetute nel tempo, maltrattato la convivente F. A., la di lei figlia di anni 14 R. F. P. e la figlia D. G. di anni 4, sottoponendole a continue violenze fisiche e psicologiche in modo da cagionare loro, volontariamente, una durevole sofferenza fisica e morale; in particolare l’uomo, durante la convivenza con la F. e con le figlie, generava litigi per futili motivi durante i quali colpiva la R. e la F. con degli schiaffi e le ingiuriava. Con l’aggravante di aver commesso il fatto in presenza e in danno di due minori di anni 18. Tali episodi si sono verificati e sono stati accertati in Manfredonia dal gennaio 2015 e tutt’ora in corso.
b) del reato p. e p. dagli artt. 81, 56 e 609 bis con riferimento all’art. 609 septies c. 4 nr. 1 e nr.2 c.p. perché, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso , poneva in essere condotte dirette in modo non equivoco a costringere R. F. a subire e compiere atti sessuali e, in particolare, chiedeva alla ragazza di toccargli le parti intime e di farsi toccare e, al rifiuto della R., la colpiva con degli schiaffi; non riuscendo nel suo intento in quanto la p.o. nonostante le percosse rifiutava di compiere gli atti sessuali. Tali episodi si sono verificati e sono stati accertati in Manfredonia dal gennaio 2015 a febbraio 2016. Con la recidiva reiterata e specifica”.

Le indagini

Le indagini sono partite da notizie apprese da personale dipendente della squadra di p.g. in occasione di un colloquio con una psicologa del Comune di Manfredonia alla quale la minore R. F. P., affidata ai nonni materni, aveva confidato di essere stata abusata sessualmente dall’attuale convivente della madre.

Le conseguenti attività investigative dapprima svolte su iniziativa del personale dipendente e contestualmente coordinate dal dirigente il Commissariato di P.S. dott. Agostino De Paolis, e dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Foggia, dott.ssa Laura Simeone, hanno consentito di riscontrare ed evidenziare gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato che hanno conseguentemente determinato il GIP del Tribunale di Foggia ad emettere l’Ordine di cattura nei confronti dell’indagato e di condurlo immediatamente presso la Casa Circondariale di Foggia per ivi rimanere a disposizione dell’A. G. competente.

Manfredonia alto (Ph: area@)

Manfredonia alto (Ph: area@)

I gravi e qualificati indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato per i delitti sopradetti si desumono chiaramente dalle articolate indagini svolte dagli investigatori, (dalle quali emerge il coinvolgimento in qualità di parti offese di due minorenni) che hanno consentito di raccogliere importantissimi elementi probatori e di fare luce sulle condizioni di vita delle due minori e della loro madre. In base a una precedente segnalazione del 2015 relativa all’induzione alla prostituzione di una delle due minorenni il Tribunale per i Minorenni di Bari aveva già disposto l’affidamento delle due minori R. F. P. e D. G. ai servizi sociali del Comune di Manfredonia, collocando R. F. P. presso i nonni materni. Tuttavia R. F. P. era rimasta a vivere con la madre e il compagno e questi le avevano imposto di non avere rapporti con la nonna che però in alcune occasioni la ragazza aveva chiamato di nascosto per lamentarsi della mancanza di cibo. Nella tarda serata di un giorno di febbraio 2016 la minore R. F. P. si era presentata a casa della nonna assai spaventata e aveva chiesto di vivere li, asserendo di non voler avere più rapporti con la madre ed il compagno. A distanza di tempo (nel gennaio 2017) la ragazza aveva confidato che in quell’occasione si era allontanata dalla casa della madre a seguito dell’ennesima condotta violenta tenuta dall’indagato, il quale l’aveva ripetutamente colpita con dei calci alla pancia obbligandola a stare ferma con le braccia alzate. Le confidenze della minore R. F. P. fatte alla nonna P. S. erano riferite al periodo di tempo gennaio 2015 – febbraio 2016, periodo questo in cui aveva convissuto con la madre e con l’indagato”.

Proprio in questo periodo di convivenza l’uomo, entrando nella camera della minore, aveva iniziato a palparla nelle parti intime pretendendo che lei facesse lo stesso. L’indagato aveva avuto comportamenti violenti anche nei confronti della madre della minore, picchiandola, procurandole un aborto. Le confidenze rese alla nonna dalla minore, sono state confermate anche innanzi al p.m. dr.ssa Laura Simeone assistita durante la delicata attività di indagine da uno psicologo. La minore nel precisare i vari accadimenti durante il suo periodo di convivenza con la madre ed il compagno di lei descriveva le violenze giornaliere alle quali erano sottoposti lei, la sorellina minore e la mamma. Diverse sono state le situazioni di approccio sessuale dell’uomo nei confronti della minore e quando lei si rifiutava non mancavano le reazioni dell’indagato che la colpiva con schiaffi. Durante le attività di indagine è emersa inoltre una debole credibilità della madre della minore, risultata invece fortemente minata dalla ostinata negazione, da parte sua, in alcune occasioni, dell’attività di meretrico che invece gli investigatori hanno provato raccogliendo alcuni dati di fatto oggettivi; Inoltre, sono stati cristallizzati gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato per i delitti di maltrattamenti aggravati e tentata violenza sessuale. IL costante uso della violenza da parte dell’indagato nei confronti della convivente e delle due minori esprime chiaramente una personalità prevaricatrice e pericolosa che gli ha consentito di determinare una condizione permanente di prostrazione delle vittime.

Le disposizioni del G.i.p.

”Considerata la probabilità che l’indagato potesse commettere delitti della stessa specie, atteso il permanere della convivenza con le vittime tra le quali una minore, attualmente di anni 6, la costante reiterazione dei comportamenti aggressivi e minacciosi e la mancanza di remore nell’usare la violenza e stanteil concreto pericolo di reiterazione di condotte di pari o maggiore gravità il GIP ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti dell’indagato disponendone l’immediata cattura e traduzione presso la Casa Circondariale di Foggia”.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata

Manfredonia, violenze e abusi sessuali su minore: arrestato 62enne ultima modifica: 2017-08-31T14:45:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • cittadino

    Lanciatelo con un paracadute nel mezzo dell’Amazzonia…. Dove gli animali quelli veri sono sicuramente più umani di costui, e mi scuso con gli animali se gli inquiniamo il loro ambiente…. Spero tanto che ti facciano patire quello che hai fatto ai minori ed alla madre….


  • Leleorazi

    Che schifo! Castrazione chimica


  • miky55

    fate spargere la voce in carcere cosi’ gli fanno un bel servizio da tavola che se lo ricordera’ x tutta la vita


  • Silvia

    Ma chi è sto pezzo di …?
    Nome e cognome che quando lo vediamo per strada lo sputiamo appresso! (ci sono minori,ndr)
    E poi dopo 2 anni si sono decisi ad arrestarlo??? Mooooo adesso mi raccomando,scarceratelo subito eh!!!!


  • NINO

    x LELEORAZI

    CASTRAZIONE E BASTA!


  • Lettore

    Quanta violenza nelle vostri frasi, siete violenti ho terrore di voi, sono indignata questo e quello che mi aspetto di leggere dalle ancelle boldriane sipontine!
    Chissà magari nutrono comprensione anche per l’orco sipontino.


  • EX SIMPATIZZANTE MANFREDONIA NUOVA E 5 STELLE!

    PORCO DEMONIO! D’ORA IN AVANTI VOTER0 FORZA NUOVA!


  • sipontino indignato

    I 4 eroi del branco se li porti a casa sua, e li curi a casa sua. Grazie.


  • sipontino indignato

    chiedo scusa ho sbagliato forum.


  • Napoleone

    Ottime refererenze per ottenere premiazioni e riconoscimenti pubblici.


  • pluto

    “Quanta violenza nelle vostri frasi, siete violenti ho terrore di voi”
    Ma cosa pensi abbia passato l’intera famiglia con un essere del genere, e lo definisco essere perche definirlo umano proprio non me la sento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi