Eventi

Foggia, 5 novembre ‘Lanza’ ospita il ‘partigiano’ Ingroia


Di:

Antonio Ingroia (controlemafie.worpress.com)

Foggia – STUDIA da Giovanni Falcone. Lavora con Paolo Borsellino. La parola “mafia”, per la prima volta, la incontra sull’enciclopedia per ragazzi, redatta da Leonardo Sciascia. Ieri (domenica 30 ottobre), si è definito pubblicamente partigiano, ma della Costituzione. È Antonio Ingroia, procuratore aggiunto del distretto antimafia di Palermo, erede naturale del noto pool che per la prima volta dichiarò guerra a Cosa Nostra. Sabato 5 novembre, ore 10.30, il magistrato presenta il suo libro Nel labirinto degli dèi (Il Saggiatore, 2010) nell’aula magna del Liceo classico V. Lanza di Foggia, il quale ha organizzato insieme con la Libreria Ubik questo importante incontro dedicato alla legalità e alle storie di mafia e antimafia, aperto a tutta la cittadinanza. Previsti i saluti del Sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, e del dirigente scolastico Giuseppe Trecca. Conduce, la docente Mariolina Cicerale, responsabile degli incontri culturali del liceo foggiano. Intervengono il giornalista Filippo Fedele e il responsabile eventi della Libreria Ubik, Alessandro Galano.

Nel labirinto degli dèi. Storie di mafia e antimafia (Il Saggiatore, 18 novembre 2010; collana: La Cultura; 224 pagine; 15 €). “Scartai il posto per giudice civile. Scartai il posto di magistrato di sorveglianza. Scelsi il posto di sostituto procuratore a Marsala, pubblico ministero nell’ufficio diretto da Paolo Borsellino. Prima Falcone, poi Borsellino. Erano i miei maestri. Era quella la mia strada”. È solo l’inizio della storia di Antonio Ingroia, protagonista e narratore di una vicenda lunga un ventennio che, nonostante le minacce ricevute e la vita “sotto scorta”, non è ancora terminata. Il libro del procuratore siciliano non vuole raccontare la Storia, ma le storie incontrate durante la sua lunga esperienza, dall’ingresso come tirocinante nell’ufficio bunker di Falcone, fino alle inchieste sulla trattativa tra Stato e mafia, da lui condotta, con nomi delle cronache recenti: Da Dell’Utri ai Ciancimino, passando per Provenzano e finendo, ovviamente, con Totò Riina. Un saggio-racconto che è un biglietto di sola andata in quel labirinto popolato da un manipolo di uomini che, come dice il Principe Salina nel Gattopardo, si sentono perfetti come fossero dèi. La via d’uscita, dice Ingroia, c’è, ed è nella legalità, soprattutto. Il primo passo però è, sempre, quello del racconto. Del non tacere mai.

Antonio Ingroia. Palermitano, nato nel 1959. Dal 1992 sostituto procuratore della Repubblica presso la Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Dal 2009, procuratore aggiunto della Procura distrettuale antimafia. Al suo nome, sono legati alcuni processi molto importanti, come il “Caso Contrada” e quelli riguardanti il senatore Marcello Dell’Utri, condannato anche in appello per concorso esterno in associazione mafiosa, con collegamenti con elementi di spicco dei clan siciliani, come Riina e i fratelli Graviano.

Redazione Stato, n.m.

Foggia, 5 novembre ‘Lanza’ ospita il ‘partigiano’ Ingroia ultima modifica: 2011-10-31T17:17:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • FRANCESCO BUFFA DESIGNER

    Premesso che basta una modesta conoscenza della linua italiana, per capire che Ingroia ha espresso il suo diritto di uomo libero e di giudice dello stato, a essere coerente alla nostra Costituzione rivendicandone apertamente il diritto a dichiararsene garante. Dobbiamo ringraziare dunque, questo onesto magistrato, per averci regalato attraverso dichiarazioni di “parte”, l’opportunità di farci conoscere – attraverso conseguenti reazioni mirate, chi la Costituzione ha motivo di temere, nonché, quelle testate giornalistiche a esclusivo servizio di note famiglie, salariate per contrastare chi lo stato di diritto protegge, nonché, nome e cognome di innocenti soggetti sciocchi, o le firme di pennivendoli al soldo di prepotenti personaggi effettivamente sovversivi, che in mala fede scrivono volantini vergognosi, contrabbandati come giornali, personaggi, che in ogni caso, fortunatamente hanno già da un pezzo iniziato a fare i conti con la vera storia, quella che non perdona nessuno, quella storia universale che li ha già catalogati come servitori di un padrone ormai deriso in tutta Eeuropa, che la Costituzione e gli strumente di legge tenta di cacellare per squallidi interessi personali facili a capirsi e finalmente sotto gli occhi di tutti.


  • Leonida.Laconico

    INGROIA (magistrato Falce e Mantello)
    Ahi,ahi questi Magistrati distratti a spiare, a suon di milioni di euro, gl’italiani da sotto i letti, anziché perseguire i delinquenti, ed attivi in politica (non quella blanda, bensì la più estremista rosso/sangue) – Ingroia per tutti, nonostante l’ammessa integrale appartenenza all’ideologia marxista non è stato sfiorato minimamente, per una tiratina d’orecchie, dall’attenzione dei “colleghi” del CSM, sempre pronti a sollevare l’accusa di adunata sovversiva per chi accenna al saluto romano.
    11.’11 Leonida.Laconico@Inbox.Com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This