Capitanata

Foggia, Iva sulla Tarsu, Maizzi (MC): “i Comuni non l’hanno calcolata”


Di:

Bruno Maizzi (al centro), presidente del Movimento Consumatori durante una recente conferenza stampa (St)

http://www.statoquotidiano.it/wp-content/uploads/2011/09/P1020032.jpgFoggia – APPLICAZIONE Iva sulla Tarsu: precisazione del presidente di Movimento e Consumatori dr. Bruno Maizzi. “In questi giorni sta girando su internet un messaggio che ci sta facendo subissare di richieste di chiarimenti e telefonate: attenzione, svegliatevi”. “La Cassazione ha finalmente stabilito che la tassa sui rifiuti solidi urbani è di fatto una tassa e non una tariffa; di conseguenza hanno applicato l’IVA su un importo dove non doveva essere applicata in quanto appunto tassa. Pertanto tutti gli utenti hanno diritto al rimborso del 10% dei 10 anni retroattivi”; inoltre controllando sul sito “Federconsumatori” si evince che “chi richiede il rimborso (che come al solito arriverà, lentamente ma arriverà) bloccherà di fatto l’Iva sulle prossime fatture. Chi non lo fa si troverà a continuare a pagare tutto come prima perché, come capita solo in Italia, gente come anziani o fasce inferiori che non conoscono i loro diritti non ne usufruiscono in automatico, ma solo se se ne accorgono e fanno richiesta”. “Fate girare comunque tale comunicazione perché, come spesso avviene, i mezzi di comunicazione non ne parlano sufficientemente”.

Per evitare confusioni è necessario chiarire quanto segue: nel 2006 è stata’approvata una legge che consentiva ai comuni di cedere ad aziende esterne la gestione dei rifiuti. Queste aziende operando un servizio privato, pur svolgendo un ruolo pubblico, su determinazione degli stessi comuni che possono decidere di esternalizzare la riscossione del servizio, inviano direttamente ai cittadini le bollette di pagamento del servizio secondo un tariffario preciso. L’utilizzo della TARIFFA Ambientale impone di aggiungere l’IVA all’imponibile di base. Alcuni comuni, hanno fatto una erronea interpretazione della legge confondendo la Tassa con la Tariffa e hanno addizionato la Tarsu del 20% di Iva, imponendo così una tassa sulla tassa”.

“La Cassazione ha chiarito nel 2009 che ciò non è possibile pertanto tutti i comuni che hanno riscosso Iva sulla Tarsu, devono restituirla ai cittadini ( su istanza personale). Per sapere CHI deve richiedere la restituzione dell’ IVA è sufficiente verificare sulla relativa Cartella”. “Per semplicità ci preme chiarire che né Andria, Foggia, San Severo né le città del circondario hanno calcolato l’iva sulla tarsu, pertanto non è necessario richiedere alcuna restituzione”. “Per ogni dubbio è sufficiente consultare la propria cartella. La presenza della Voce “IVA” su cartelle degli anni passati, autorizza a chiederne la restituzione”, termina Maizzi.


Redazione Stat@riproduzione riservata

Foggia, Iva sulla Tarsu, Maizzi (MC): “i Comuni non l’hanno calcolata” ultima modifica: 2011-10-31T14:31:05+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • indignatissima

    Sono di Roma. Ho inoltrato a suo tempo richiesta di rimborso Iva Tarsu per gli anni dal 1999 al 2009. Ma di soldi non ne ho ancora visti. Anzi, per contro, tassa rifiuti, da due anni, da 160.00 Euro circa a semestre a 272.00 Euro a semestre circa. Veramente vergognoso, caro Alemanno. Se avete notizie in merito a tempi ed a reale rimborso dovreste diffondere notizie chiare e puntuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This