Regione-Territorio

Fiat: mai più grandi numeri


Di:

L'Ad FIat Sergio Marchionne (st - Ph: italianstyle)

Fiat non chiuderà fabbriche in Europa per non agevolare i costruttori tedeschi. Lo ha dichiarato l’ad del Lingotto, Sergio Marchionne, durante la conference call sui conti Fiat del terzo trimestre 2013. Marchionne ha però anche sottolineato che “nel 2012 quattro grandi costruttori europei, fra i quali Fiat, hanno perso in Europa 8 miliardi di dollari”.

“Non vedo niente in termini di mercato che autorizzi motivi di ottimismo” ha aggiunto il manager, ancora critico sulla sovracapacità produttiva del settore. “Non so quante altre industrie o le banche sarebbero disposte a perdere tanto, come l’industria dell’auto. E’ necessario?” ha chiosato, puntando poi l’attenzione sul fatto che la concorrenza agguerrita sui prezzi tra le case automobilistiche non accenna ad affievolirsi: “Ho visto in Europa alcune pratiche sui prezzi che non avevo mai visto dal 2004”.

Per quanto rigurda la strategia Fiat, Marchionne ha confermato che intende investire solo nel segmento premium: “Non ripetero l’errore storico” di Fiat di puntare sui grandi numeri, ha detto, confermando come il futuro del gruppo passerà attraverso una valorizzazione dei propri brand più noti, come Maserati e Alfa Romeo.

Per quanto riguarda i conti di Fiat, Marchionne si è detto “relativamente soddisfatto” dall’andamento del mercato nel terzo trimestre. In dettaglio, in merito alla trasformazione di Mirafiori, Marchionne ha detto come questo investimento “conferma che ci stiamo allontanando dal tradizionale utilizzo dei nostri impianti” verso modelli premium. Marchionne ha anche definito “fuori luogo” la reazione del mercato sui conti Fiat del terzo trimestre.

Fiat: mai più grandi numeri ultima modifica: 2013-10-31T13:47:26+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This