Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Buon compleanno web, oggi 20 anni

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
1 Maggio 2013
Scienza e Tecnologia //

prima pagina web (ansa)
(AGI) – Ginevra, 30 apr. – Una pagina bianca con scritte nere, accompagnate da una serie di “collegamenti ipertestuali”: la prima homepage della storia compie 20 anni. Per festeggiare l’evento, il Cern di Ginevra, che il 30 aprile del 1993 apri’ Internet al mondo, ha deciso di restaurare la vecchia homepage, una sorta di vademecum per chi voleva affacciarsi per la prima volta nel mondo di Internet.
A inventare il ‘WWW’ fu il fisico britannico Tim Berners-Lee nel 1989 per aiutare gli studiosi a condividere informazioni: una sorta di archivio virtuale consultabile solo da gruppi ristretti di persone.

“La decisione del Cern di concedere gratuitamente la tecnologia ‘web’ consenti’ la diffusione esplosiva di Internet”, ha sottolineato il web manager del Cern, Dan Noyes. Lo staff dell’organizzazione europea per la ricerca nucleare ha restaurato i file dell’epoca usando una copia del sito del 1992 visibile a questo link: http://info.cern.ch/hypertext/WWW/TheProject.html. Obiettivo del Cern e’ far conoscere alle nuove generazioni le origini del web per scoprire tutti i passaggi che hanno trasformato la primitiva “serie di nodi interconnessi da link” in uno strumento che ha connesso miliardi di persone.

Redazione Stato

1 commenti su "Buon compleanno web, oggi 20 anni"

  1. Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

    E’ lecito inserire il link a un altro sito se non è stata ottenuta l’autorizzazione dell’autore?

    È di questi giorni una sentenza importantissima della Corte di Giustizia dell’Unione Europea: essa affronta un tema di scottante attualità, che riguarda ormai chiunque abbia un computer e una connessione a internet, utilizzi un account su un social network come Facebook o Twitter, gestisca un blog, un sito o qualsiasi altro tipo di contenuto multimediale.

    Il problema trattato nella pronuncia è quello del cosiddetto “linking”, ossia ciò che facciamo un po’ tutti quando copiamo e incolliamo il link a una pagina o un sito terzo per condividerla con altre persone. La questione è se tale inserimento possa costituire violazione delle norme sul diritto d’autore e, in quanto “comunicazione al pubblico”, richieda l’autorizzazione del titolare del contenuto originale.

    A sorpresa, la Corte ha dato, al quesito, risposta affermativa: il consenso è necessario. Ma, per fortuna, non sempre. Il “copia e incolla” di un link a un altro sito richiede l’autorizzazione dell’avente diritto (ossia del titolare del contenuto linkato) solo quando il sito ospitante si rivolge a un “pubblico nuovo” rispetto a quello cui si rivolge invece il sito linkato.

    Per esempio: se Tizio inserisce il link del sito “A” all’interno del sito “B”, dovrà chiedere l’autorizzazione al proprietario dei diritti solo se il sito “B” sia rivolto a un pubblico diverso da quello a cui si affaccia il sito “A”.

    Ma cosa significa in pratica? Che nella gran parte dei casi questo consenso non è necessario. Infatti, secondo la Corte, tutte le volte che il sito linkato sia ad “accesso libero e gratuito” (per esempio un sito che fa informazione o che contenga dei contenuti audio o video visibili a chiunque, senza bisogno di autenticazioni o di pagare alcunché) allora si può affermare che il pubblico sia lo stesso di quello del sito ospitante: si tratta, cioè, della generalità e globalità degli utenti della rete. In tali casi, quindi (quando cioè entrambi i siti siano ad accesso libero e gratuito) non è possibile sostenere che il sito che ospita il link prenda di mira un “pubblico nuovo” rispetto a quello cui si rivolge il titolare dei diritti.

    Al contrario, l’autorizzazione diventa obbligatoria quando il sito ospitato consenta l’accesso ai propri contenuti solo dietro abbonamento o sia protetto da password o altre misure tecnologiche di protezione.

    La sentenza in commento segna un passo decisivo nell’ambito del dibattito sulla condivisione dei contenuti nella rete. Essa va nel senso diametralmente opposto a quello che vorrebbero tracciare le industrie dei contenuti e gli editori, richiedendo forme di sovvenzione o di remunerazione per le attività di linking o di indicizzazione dei loro stessi contenuti.

    I giudici di Lussemburgo hanno, in pratica, ribadito un concetto cardine del web: quello che viene messo gratuitamente e liberamente nella disponibilità degli utenti della rete deve rimanere tale e non può essere sottoposto a limitazioni o autorizzazioni in nome del copyright. I diritti d’autore – almeno quelli relativi alla libertà di un “copia e incolla” dei link – muoiono nel momento stesso in cui l’autore del contenuto decide di aprire le proprie pagine all’intero web.

    Resta fermo, ovviamente, il divieto di fare “copia e incolla” dell’integrale testo dell’articolo. Una cosa – giova ancora rammentarlo – è il semplice url del sito web, un’altra è invece il contenuto in sé (per esempio il testo di un articolo).

    La sentenza, quindi, diventa anche monito per i parlamenti nazionali che, a più riprese, stanno tentando di estendere la nozione di “comunicazione al pubblico” in modo da offrire una protezione rafforzata ai diritti di proprietà intellettuale in rete.

    Secondo la Corte, invece, le norme UE vietano espressamente ai legislatori di estendere tale nozione perché ciò produrrebbe disparità legislative tra i singoli Stati membri.

    La decisione produrrà, peraltro, un forte scossone soprattutto nel nostro Paese dove, di recente, l’Agcom, con l’approvazione del nuovo regolamento antipirateria, si è voluta arrogare poteri di super-vigilanza che travalicano, spesso, il principio di terzietà del giudice: il regolamento, infatti, sembra, in alcuni passaggi, voler inserire una responsabilità per l’attività di linking.
    Foggia, 17 febbraio 2014 Avv. Eugenio Gargiulo

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.