Editoriali

Renzi, oltre la rottamazione vacci te (T.Merlo)


Di:

Matteo Renzi (Ph: albengacorsara)

RENZI sta girando per fare pubblicità al suo nuovo libro, e vagheggia nuove frontiere politiche. Fallita la sua rottamazione – per getto della spugna a match ancora in corso – Renzi vorrebbe andare oltre. Tradotto in italiano: Renzi si prepara per il prossimo giro di giostra. Parla di bipolarismo gentile, di allegria, di bellezza ad un paese che piange in ginocchio e in lacrime. Renzi è in perenne campagna elettorale. Cita cose che vorrebbe suscitare ai suoi interlocutori. Per votarlo. Quando poi deve affrontare le questioni vere come il lavoro parla di come impostare tavoli, di come approcciare le discussioni, di come imbastire le riflessioni. Sembra Cossutta, solo che almeno il vecchio comunista aveva una idea precisa. Renzi invece sulle questioni serie rimane sul vago perché lui appartiene a quella categoria di politici – la stessa che ha rovinato l’Italia – che parla seguendo i sondaggi, quello che conviene dire per vincere le elezioni. Non dice schiettamente quello che crede e che farebbe se al potere perché ha paura di perdere voti. Come la vecchia politica, Renzi ha orizzonte mentale delle prossime elezioni, e non quello dei risultati concreti raggiunti una volta al potere. Quello si vedrà poi dopo.


Non ha una visione concreta e compiuta del futuro, ha una visione di quello che gli conviene dire per tenere insieme il cadavere pidiano e il suo elettorato. Per questo ha il fegato di giocare con le parole, tanto una volta a Roma ci sarà sempre qualcuno a cui dare la colpa per il solito “nulla di fatto”. Renzi rilancia se stesso come se fosse convinto che il 40% del Pd lo aveva votato alle primarie per la sua bella faccia, o il suo talento, e non per esasperazione verso la giurassica classe dirigente del Pd. La verità è che se al posto suo vi fosse stato suo cugino avrebbe preso anche più voti. Oggi Renzi appoggia l’inciucio con il suo mito Berlusconi e la sua corrente lavora a fianco di quella di D’Alema, Bersani, Finocchiaro, Franceschini e quant’altro. E’ uno di loro rimasto momentaneamente senza poltrona romana. Niente di nuovo sotto il cielo, ma oltre alla rottamazione ci vada lui. Il popolo di centrosinistra che vuole un cambiamento vero andrà da tutt’altra parte.


(A cura di Tommaso Merlo – www.tommasomerlo.ilcannocchiale.it)

Renzi, oltre la rottamazione vacci te (T.Merlo) ultima modifica: 2013-06-01T17:34:34+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This