CapitanataCulturaStato news
Cucinano i ristoratori locali: recchjetélle 'a raù di Little Italy, taccunétte e cicére da La Torre Antica e i cecatiélle a unu dite e fasuole di Antichi Sapori.

Pasta fatta a mano nel borgo di Castelluccio, canta Ruggiero

Sagra gastronomica ai piedi del monte Cornacchia, il più alto della Puglia


Di:

Aria salubre, sapori genuini e paesaggi mozzafiato: sono queste le ricchezze principali del territorio della Capitanata, che si estende fino al confine campano, dove si trova Castelluccio Valmaggiore.
Tra le tradizioni tipiche del piccolo Comune del Subappennino Dauno, il secondo sabato di agosto viene organizzata la “Sagra della vera pasta fatta a mano”, con tre tipi di primi piatti accompagnati da un ottimo bicchiere di vino, ai piedi della affascinante Torre Bizantina, che sta per compiere ben 1000 anni.
Anche quest’anno, nel suggestivo centro storico di Castelluccio Valmaggiore, il 10 agosto, a partire dalle ore 20.30, sarà realizzato il tradizionale percorso gastronomico, giunto alla 41^ edizione, dove, oltre ai laboratori di pasta artigianale e alle degustazioni, protagonisti sono la musica e le danze tradizionali.

I piatti tipici

I piatti tipici della cucina castelluccese, a base di pasta fatta a mano, prodotta da mani esperte, saranno curati con maestria dai ristoratori locali: si tratta di recchjetélle ‘a raù realizzati da Little Italy, taccunétte e cicére realizzati da La Torre Antica e i cecatiélle a unu dite e fasuole della trattoria Antichi Sapori. L’evento, caratterizzato da genuinità, cordialità, ospitalità e una sorpresa finale, è ancora più ghiotto, data la coincidenza con la suggestiva notte di San Lorenzo, dedicata alle stelle cadenti.
Ai piedi del Monte Cornacchia, la vetta più alta della Puglia, Castelluccio Valmaggiore è uno dei Comuni che fa parte dei Borghi Autentici e regala, dall’alto delle sue cime e dai suoi vicoli stretti e silenziosi, una meravigliosa vista sui boschi e sui campi che lo circondano. Il borgo, con la sua posizione strategica, domina infatti la valle in cui scorre il Celone, ruscello che nasce a oltre 1000 metri e poi scorre verso valle.

La musica

La modalità di partecipazione al percorso prevede un ticket già in distribuzione al 371/3139878, tramite whatsapp o telegram, oppure la sera del 10 agosto presso l’Infopoint.
La 41^ Sagra della vera pasta fatta a mano, promossa dalla Pro loco, si inserisce nel ricco cartellone di eventi dell’estate castelluccese, organizzato dal Comune che ospiterà, tra l’altro, anche le danze e le musiche dal mondo di Zingarìa proprio alla vigilia di Ferragosto e il concerto dell’artista Antonella Ruggiero, sabato 17 agosto.

Pasta fatta a mano nel borgo di Castelluccio, canta Ruggiero ultima modifica: 2019-08-01T10:39:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest