Manfredonia

No eolico offshore, costituto esecutivo associazioni: “politici non rappresentantivi”


Di:

Un momento dell'incontro (statoquotidiano)

SI è svolto venerdì 25 ottobre un incontro del Coordinamento delle Associazioni di Capitanata impegnate per scongiurare l’insediamento invasivo delle pale eoliche nel mare del Golfo di Manfredonia e del Gargano, per salvaguardare e valorizzare le risorse e le potenzialità naturali ed ambientali del Territorio.

Nel corso dell’incontro tutti gli intervenuti hanno ribadito che l’Assemblea pubblica tenutasi il 19 ottobre per discutere e valutare i progetti di insediamento di pale eoliche nel nostro mare, ha rappresentato per la città di Manfredonia e per la Capitanata un’importante e significativa pagina di democrazia e di partecipazione.

L’iniziativa ha raggiunto i risultati che da essa le Associazioni si attendevano, ovvero una notevole presenza di cittadini che in circa 200 hanno seguito l’illustrazione tecnica dei progetti “eolici offshore” in questione ed il successivo dibattito.

Le Associazioni esprimono rispettosa gratitudine all’Arcivescovo Monsignor Michele Castoro, per la condivisione delle preoccupazioni e per le chiarissime parole :“…lo sviluppo economico non può giustificare scelte non rispettose dell’ambiente e della volontà delle popolazioni locali. Il nostro Golfo e la storia della nostra città, con le sue bellezze naturali, chiedono attività economiche coerenti e compatibili con la loro identità. Ogni iniziativa incompatibile con la vocazione naturale di questo territorio dovrebbe essere bandita”.

In relazione a quanto espresso da Sua Eccellenza l’Arcivescovo Michele Castoro circa le attività economiche “coerenti e compatibili” si ribadisce che nel caso in specie non solo si evidenziano la incoerenza e l’incompatibilità, ma addirittura è assente una qualsiasi prospettiva di sviluppo economico per le popolazioni del Territorio.

Tra tutti gli invitati delle Istituzioni assenti, il Sindaco di Manfredonia che ha fatto pervenire un messaggio contenente il suo pensiero sull’argomento nel quale tra l’altro si dice “…prenderemo in
considerazione la possibilità di esprimere parere positivo soltanto nel caso sarà autorizzato un solo impianto e vi saranno anche benefici economici per la nostra comunità …”

Cartina impianti eolici offshore prossimi all'installazione nel Golfo di Manfredonia (statoquotidiano)

Nel merito le Associazioni non condividono affatto la posizione espressa dal Sindaco di Manfredonia e ribadiscono l’esigenza che venga presa in considerazione e rispettata la volontà delle comunità locali e che siano salvaguardate le nostre risorse naturali quale bene prezioso, insostituibile e basilare per promuovere le nostre autentiche potenzialità di crescita e di sviluppo.

La sottrazione di una notevole superficie di mare (circa 100 Km. quadrati) danneggerà irrimediabilmente e ulteriormente la già ridotta attività peschereccia del nostro Compartimento Marittimo. Un plauso a quei rappresentanti di Sindacati, Armatori e Pescatori che con la loro presenza hanno dimostrato di avere a cuore il futuro della pesca nel Golfo di Manfredonia.

Le Associazioni sono ora impegnate a dare stabilità e continuità alla loro azione di coordinamento. Pertanto, sulla questione specifica dell’eolico offshore nel nostro mare si ritroveranno a confrontarsi e a mobilitarsi con i cittadini promuovendo sit-in e iniziative varie per scongiurare le installazioni di impianti eolici
offshore nel nostro Golfo e nel Gargano.

Le Associazioni, impegnate esse stesse in tal senso, auspicano che i soggetti imprenditoriali coinvolti e le Istituzioni diano luogo ad azioni ponderate e responsabili, che evitino l’accentuarsi di conflitti sociali difficilmente governabili, scongiurando il ripetersi nel nostro territorio di gravi situazioni di inagibilità e di tensioni già vissute su tematiche ambientali nel recente passato.

Al fine di supportare in modo funzionale le azioni decise, le Associazioni, con unanime consenso, hanno formalizzato la costituzione di un esecutivo che curerà gli adempimenti informativi, i contatti con ogni altro soggetto e la organizzazione dei futuri eventi di confronto e di mobilitazione.

Infine, a fronte di questa azione di responsabilità delle Associazioni, tesa a rendere i cittadini protagonisti in
prima persona del proprio futuro, alcuni rappresentanti locali delle Istituzioni, dal Sig. Sindaco di Manfredonia, ai Sigg. Parlamentari e ai Consiglieri Regionali eletti nel collegio di Capitanata, per altro espressamente invitati, hanno purtroppo evidenziato con la propria assenza, l’incapacità di rappresentare le legittime esigenze dei cittadini che li hanno eletti.

Si ringraziano per la loro presenza il Sindaco di Rodi Garganico Nicola Pinto, i Consiglieri Regionali Giandiego Gatta e Giuseppe Lonigro, l’Autorità Portuale rappresentata da Gaetano Falcone, la Capitaneria di Porto di Manfredonia nella persona del T.V. Stefano Rotolo, l’Assessore al Turismo del Comune di Monte Sant’Angelo, Antonio Mazzamurro, il Consigliere Comunale Mimmo Scarano e il Coordinatore del PdL Francesco Santoro di Manfredonia.

Un ringraziamento particolare è rivolto al Direttore dell’Attacco Piero Paciello, moderatore dell’evento, all’Associazione Nazionale Carabinieri sez. di Manfredonia per il servizio d’ordine, ai giornalisti presenti in sala, alle emittenti televisive: Telenorba, Teleblu Foggia, Manfredonia TV e per le riprese video ad Andrea
Colaianni.

(A cura Comitato di Coordinamento delle Associazioni di Capitanata)

——————————————————————-
FOCUS A CURA DI STATO QUOTIDIANO E NON DELLE ASSOCIAZIONI

EOLICO OFFSHORE, SINDACO DI MANFREDONIA: SI’ AD UN PROGETTO SU 3 MA SOLO CON BENEFIT Oggi la nota stampa: sì ad un solo impianto ma solo con benefit per la Comunità;
Da ricordare anche le frasi dalla seduta del Consiglio comunale: “se fermiamo anche l’installazione di impianti di energia alternativa ci resta solo la candela“

Nota Parco del Gargano

Interrogazione regionale Giandiego Gatta

Interrogazione comunale Scarano

Interrogazioni M5STELLE

Eolico offshore, pescatori: nessuno ci ha informato di nulla (VIDEO-FOTO)

IL DOCUMENTO SOTTOSCRITTO DAL COORDINAMENTO DELLE ASSOCIAZIONI PROVINCIALI

Focus progetti energia da fonti rinnovabili Manfredonia – Cavidotto Manfredonia/Albania
MACCHIA ROTONDA, L’IMPIANTO JASMINE
MACCHIA ROTONDA, PROGETTO WIND FARM
PROGETTI ENERGY SISTEM E WINDARIA
MACCHIA ROTONDA, Cavidotto Manfredonia/Albania, rilievi marini della Biopower. Il progetto

g.defilippo@statoquotidiano.it

VIDEO ASSEMBLEA PUBBLICA 19.10.2013

FOTOGALLERY ASSEMBLEA PUBBLICA 19.10.2013 – BENEDETTO MONACO@STATOQUOTIDIANO@

g.defilippo@statoquotidiano.it

VIDEO/strong>

No eolico offshore, costituto esecutivo associazioni: “politici non rappresentantivi” ultima modifica: 2013-11-01T15:01:19+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • semprevigile

    Quelli invitati che non sono intervenuti rappresentano lo zero assoluto…… Si vuole sperare che rappresentino almeno se stessi!!!! inetti ed incapaci di svolgere le dovute azioni di rappresentanza popolare….
    Una cosa è certa, hanno già messo la firma sotto il proprio prossimo futuro programma elettorale.


  • pescatore

    I pescatori di Manfredonia non permetteranno nessun eolico offshore,sicuro.Altrimenti ci arrabbiamo.


  • vigoli dino

    I Sipontini 5 Stelle hanno iniziato una battaglia per informare la gente,chiedendo alle istituzioni di coinvolgere la cittadinanza con un referendum popolare.
    40 associazioni sociali e culturali hanno istituito un coordinamento contro le pale eoliche e hanno
    spulciato i pareri dei politici.
    Il Pdl, con un intervento,anzi con un comizio,si sono schierati con la cittadinanza e hanno proposto un referendum popolare.
    Il Sindaco,ha detto che è favorevole a un solo impianto eolico,dopo aver valutato i benefici per la cittadinanza.
    Allora mi chiedo se tutti sono favorevoli,perche non portare il problema in consiglio comunale e chiedere di far decidere alla cittadinanza.
    E se proprio riescono ad ottenere il decreto ministeriale dal ministro dell ‘ambiente e a ricevere gli incentivi statali, perché non conntattate le società e chiedere se sono disposti a raddoppiare la distanza dalla costa,chiedere che gli otto mesi di lavoro di assemblaggio,vengano effettuati nel porto industriale di mangredonia,e contrattare una royality, magari 5%.


  • vigoli dino

    I Sipontini 5 Stelle hanno iniziato una battaglia per informare la gente,chiedendo alle istituzioni di coinvolgere la cittadinanza con un referendum popolare.
    40 associazioni sociali e culturali hanno istituito un coordinamento contro le pale eoliche e hanno
    spulciato i pareri dei politici.
    Il Pdl, con un intervento,anzi con un comizio,si sono schierati con la cittadinanza e hanno proposto un referendum popolare.
    Il Sindaco,ha detto che è favorevole a un solo impianto eolico,dopo aver valutato i benefici per la cittadinanza.
    Allora mi chiedo se tutti sono favorevoli,perche non portare il problema in consiglio comunale e chiedere di far decidere alla cittadinanza.
    E se proprio riescono ad ottenere il decreto ministeriale dal ministro dell ‘ambiente e a ricevere gli incentivi statali, perché non conntattate le società e chiedere se sono disposti a raddoppiare la distanza dalla costa,chiedere che gli otto mesi di lavoro di assemblaggio delle pale vengano effettuati nel porto industriale di manfredonia e contrattare una royality, magari 5%.?
    Cosi almeno si piange con un solo occhio.


  • matteo

    confermo il commento precedente al mio


  • anto

    Semprevigile… le persone che sono state invitate ma non si sono.presentati sono il sindaco e gli assessori, adducendo di non aver ricevuto invito, che le associazioni hanno mandato inviti tramite la pec,sul sindaco non commento che e` meglio, gli altri invitati sono venuti, vorrei capire cosa significa” prenderemo in considerarione di dare parere favorevole a uno dei due
    parchi eolici con benefit”, a me risulta che il parere
    favorevole gia e` stato dato, ma da anni, benefit, che vuol
    dire benefit? nella conferenza dei sevizi, per il VIA della regione, quando si e` dato parere favorevole per il parco della trevi, il sindaco non parla di benefit. Qualcuno vuole spiegare?


  • Il fantasma della scogliera del villaggio trucidata inutilmente

    Fate attenzioni i politici e gli amministratori sono capaci di tutto anche di vendersi il nostro mare!!


  • semprevigile

    I proprietari del mare sono i nostri pescatori che giustamente faranno sentire la loro rabbia qualora si verificherà l’invasione del loro mare da parte delle pale…
    I pescatori sono una grande/vasta categoria anche ai fini elettoralistici… chi intende m’intenda…. se non arrivano prima alle mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This