Regione-Territorio

Rifiuti: Schiavone, in 20 anni rischiano tutti di morire


Di:

Carmine Schiavone (sky tg24)

(Ansa) Un affare da 600-700 milioni di lire al mese, che ha devastato terre nelle quali, visti i veleni sotterrati, si poteva immaginare “che nel giro di vent’anni morissero tutti”. Parole che mettono i brividi quelle pronunciate nel 1997 dal pentito dei Casalesi Carmine Schiavone davanti alla Commissione ecomafie, in una audizione i cui verbali sono stati desecretati oggi. La sentenza senza appello pronunciata dall’ex boss riguardava tanti centri del Casertano, “gli abitanti di paesi come Casapesenna, Casal di Principe, Castel Volturno e così via, avranno, forse, venti anni di vita”.

Rifiuti radioattivi “dovrebbero trovarsi in un terreno sul quale oggi ci sono le bufale e su cui non cresce più erba”, raccontava Schiavone. Fanghi nucleari, riferiva, arrivavano su camion provenienti dalla Germania. Nel business del traffico dei rifiuti, secondo il pentito, erano coinvolte diverse organizzazioni criminali – mafia, ‘ndrangheta e Sacra Corona Unita – tanto da fare ipotizzare che in diverse zone di Sicilia, Calabria e Puglia, quelle cosche abbiano agito come il clan dei Casalesi.

Ma i veleni non venivano nascosti solo in provincia di Caserta: rifiuti tossici, a suo dire, sono stati interrati lungo tutto il litorale Domitio e sversati anche nel lago di Lucrino, specchio d’acqua che si trova nell’area flegrea, in provincia di Napoli. Il collaboratore di giustizia si soffermò sulle modalità di smaltimento. “Avevamo creato un sistema di tipo militare, con ragazzi incensurati muniti di regolare porto d’armi che giravano in macchina. Avevamo divise e palette dei carabinieri, della finanza e della polizia. Ognuno aveva un suo reparto prestabilito”.

ATTO DOCUMENTO UNIFICATO CAMERA

DOCUMENTO UNIFICATO CAMERA – RIFERIMENTI BARI E FOGGIA

Rifiuti: Schiavone, in 20 anni rischiano tutti di morire ultima modifica: 2013-11-01T15:37:19+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • RIONE CROCE BRONX

    REDAZIONE CHIEDETE AL COMUNE E ALL’UFFICIO SANITARIO SE OSANO PRENDERE PROVVEDIMENTI ATTI A GARANTIRE LA NOSTRA SALUTE!!?? SUI BANCONI DELL’ORTO FRUTTO NON C’E’ LA ZONA DI PROVENIENZA DEI PRODOTTI ARRIVA MOLTA FRUTTA DAL CASERTANO E DALLA CAMPANIA, NON SAREBBE OPPORTUNO OBBLIGARE I VENDITORI AD ESPORRE LE INFORMAZIONI DEI PRODOTTI VENDUTI? PER QUANTO MI RIGUADA IO CHIEDO SEMPRE E I VENDITORI ONESTI (POCHISSIMI) OLTRE A RILASCIARMI GLI SCONTRINI FISCALI SU MIA RICHIESTA MI MOSTRA LE FATTURE CHE INDICANO LA PROVENIENZA DEI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI CHE IO COMPRO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This