Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Comico russo si spaccia per un leader africano e parla con Meloni

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
1 Novembre 2023
Cronaca // Politica Nazionale //

BARI – “C’è molta stanchezza da tutte le parti” sul conflitto in Ucraina e “si avvicina il momento in cui tutti capiranno che abbiamo bisogno di una via d’uscita”. E’ quanto ha affermato Giorgia Meloni in una telefonata “fake” con due comici russi, Vovan (Vladimir Kuznetsov) e Lexus (Alexey Stolyarov), uno dei quali si sarebbe spacciato per un “politico africano”. “Il problema – afferma l’interlocutrice che viene presentata come Meloni – è trovare una via d’uscita accettabile per entrambe le parti senza distruggere la legge internazionale.

Ho alcune idee su come gestire questa situazione, ma aspetto il momento giusto per metterle sul tavolo”.

La registrazione della conversazione è stata postata sulla piattaforma online canadese Rumble e ripresa dall’agenzia russa Ria Novosti. “La controffensiva dell’Ucraina non sta andando come ci si aspettava”, afferma ancora Meloni e “non ha cambiato il destino del conflitto”. Quindi “tutti capiscono che potrebbe durare molti anni se non cerchiamo di trovare una soluzione”.

Gli ucraini comunque, aggiunge, “stanno facendo quello che devono fare, quello che è giusto fare, e noi cerchiamo di aiutarli”. Una parte della conversazione è dedicata all’arrivo degli immigrati sulle coste italiane: “L’Europa – afferma l’interlocutrice – ha pensato per un sacco di tempo che poteva risolvere il problema limitandolo all’Italia.

Quello che non capiscono è che è impossibile. La dimensione di questo fenomeno è tale che coinvolge non solo la Ue, ma a mio parere anche l’Onu. Il problema è che gli altri non se ne curano e tutti concordano che l’Italia deve risolvere questo problema da sola”. C’è poi un breve cenno alla Libia. “Potremmo discutere per ore – afferma la voce attribuita a Meloni – cosa è successo in Libia. Forse oggi qualcuno capisce che la situazione del dopo non è stata così buona, non è stata migliore”.

Lo riporta l’agenzia Ansa.

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.