Edizione n° 5402

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Maestra maltrattava bimbi ad Andria, Cassazione conferma condanna

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
1 Novembre 2023
Attualità // Stato prima //

ANDRIA – «Per noi genitori è la vittoria della giustizia. La sentenza dimostra l’autenticità delle nostre convinzioni: non potevamo restare inermi di fronte alla negazione di una verità». È quanto sostengono in una nota, alcuni dei genitori degli alunni della insegnante di 61 anni della scuola primaria Borsellino di Andria arrestata otto anni fa per maltrattamenti nei confronti dei bambini e ora condannata in via definitiva dalla Cassazione a due anni di reclusione.

La sentenza è dell’8 ottobre scorso e arriva dopo l’assoluzione in primo grado e la condanna in appello.

Le indagini erano state compiute dalla polizia sulla base di riprese video e l’ascolto delle piccole vittime. «Era un obbligo morale appellare l’assurda sentenza di assoluzione del primo grado», continuano i genitori dispiaciuti però dall’atteggiamento di «una parte consistente dei genitori di quella classe che non è andata oltre le apparenze, che non è riuscita a mettere in crisi le proprie convinzioni non accettando quanto evidenze di varia natura stavano delineando».

«Tutte le famiglie – continuano – hanno avuto la possibilità di visionare le prove derivanti dalle intercettazioni e molte hanno parlato di immagini artefatte». «Rimane la profonda delusione” sia «per coloro che avrebbero potuto intervenire per impedire i maltrattamenti e non l’hanno fatto» sia per le «tante persone della comunità locale che non ritenevano l’insegnante capace di azioni di maltrattamento nonostante le prove divulgate dagli inquirenti», concludono ringraziando gli avvocati che li hanno sostenuti in questi anni.

Lo riporta lagazzettadelmezzogiorno.it.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.