Edizione n° 5402

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

INIEZIONE Retinopatia del prematuro: all’Oculistica del “Di Venere” primo trattamento su neonato di 3 mesi 

L'iniezione intravitreale di anticorpi monoclonali eviterà che la potologia possa creare conseguenze in futuro

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
1 Dicembre 2023
Cronaca // Italia //

Bari, 1° dicembre 2023 – Un’iniezione intravitreale può salvare la retina di un neonato.

L’intervento è stato eseguito per la prima volta nell’Oculistica dell’Ospedale “Di Venere” diretta dal dott. Antonio Acquaviva: una novità assoluta in una struttura della ASL Bari. Il piccolo paziente di soli 3 mesi, colpito dalla Retinopatia del prematuro (ROP), è stato sottoposto al trattamento che prevede l’iniezione di anticorpi monoclonali, attraverso un’apposita siringadirettamente nel corpo vitreo, il liquido gelatinoso che riempie l’occhio e che è a contatto con la retina.

In sala operatoria di Oculistica, l’équipe formata dal dott. Claudio Furino, oculista specializzato nelle patologie oculari dei prematuri, e dagli specialisti della Terapia Intensiva Neonatale guidata dal dott. Gabriele D’Amato. «Questo primo trattamento – spiega Acquaviva – apre una possibilità nuova nel nostro territorio e anche per quelli vicini, garantendo una terapia efficace contro una patologia che può manifestarsi nei nati prematuri e viene trattata con il laser nei casi meno complessi o con l’iniezione intravitreale in quelli più complicati. Gli anticorpi monoclonali, impiegati anche per diverse maculopatie, consentono la regressione di una patologia che, altrimenti, può portare a conseguenze gravi come il distacco della retina». Il piccolo paziente sta già meglio rispetto all’esame obiettivo iniziale e, soprattutto, grazie al trattamento effettuato e ai particolari accorgimenti adottati in considerazione della giovanissima età, non avrà danni in futuro.

Fondamentale, per la buona riuscita dell’intervento, la stretta collaborazione tra l’Oculistica e la Terapia Intensiva Neonatale nel gestire e affrontare una malattia vascolare, causata dalla crescita anomala dei vasi sanguigni della retina, che nei casi più gravi può portare al distacco della stessa, determinando la perdita totale e irreversibile della vista.

Lascia un commento

“L'amore ha anche questo in comune con la poesia: che, quando ci si spiega, si è perduti.” MARIO ANDREA RIGONI

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.