Cronaca

L’Aquila, rapinarono portavalori: 2 arresti, un foggiano


Di:

Compagnia Stazione Carabinieri Sulmona (archivio: entroabruzzonews.blogspot.com)

L’Aquila – ARRESTATI dai carabinieri del Comando provinciale di Sulmona i due presunti responsabili della rapina a un portavalori compiuta il 16 dicembre scorso nei pressi di Vittorito (L’Aquila): . si tratta di Bruno Silvestri, pregiudicato foggiano di 36 anni, sottoposto a obbligo di firma presso i carabinieri del Comune di residenza, e di Sergio Loreno Moscone (54) di Bussi sul Tirino (Pescara).


I fatti.
Alle 08:30 circa del 16 dicembre scorso un portavalori, percorrendo la strada che collega Vittorito a Corfinio, vieniva bloccato, all’altezza della località “Gole di San Venanzio”, da una Lancia Lybra S.W. grigia, risultata rubata giorni prima. Dall’auto uscivano due persone, entrambe travisate da passamontagna ed armate di pistola e fucile che si facevano consegnare il denaro trasportato a bordo dell’auto. L’effetto sorpresa e la minaccia delle armi poste a pochi centimetri dal volto, hanno fatto desistere i due agenti da qualsiasi reazione. I malfattori, impossessatisi dell’ingente bottino, circa 170.000 Euro, si erano fatti consegnare anche la pistola di uno degli agenti e, fuggendo, si erano diretti, ad altissima velocità, verso Raiano.

Nel centro abitato di quel paese, i due rapinatori, non hanno rallentato la folle corsa violando il senso obbligato di una rotonda che hanno attraversato ad altissima velocità ed esponendo a pericolo i passanti. La circostanza è stata notata da un agente della polizia locale di quel centro che, pur essendo ignaro di quanto appena accaduto, ha immediatamente annotato data, luogo, vettura e targa della stessa al fine di contestare le violazioni di legge. L’allarme per l’avvenuta rapina ha fatto scattare subito il piano antirapina dei Carabinieri della Compagnia di Sulmona che, oltre a presidiare le più importanti arterie stradali hanno immediatamente attivato un’intensa attività d’indagine partendo dal luogo ove era stato consumato il delitto. Procedendo lungo la via di fuga dei malviventi, i militari hanno chiesto informazioni a diversi titolari di esercizi commerciali posti lungo l’itinerario ed hanno acquisito filmati registrati da impianti di videosorveglianza degli stessi ritenuti utili alle indagini. I Carabinieri sono quindi risaliti all’agente della polizia locale che qualche minuto prima era stato testimone di quel fatto ritenuto comunque anomalo per la località.

La testimonianza è stata utile, oltre che a ricostruire la dinamica della fuga, anche a fornire i primi elementi descrittivi di uno dei rapinatori la cui elaborazione portata poi a termine dai militari, ha consentito l’individuazione di uno dei rapinatori, classe ’76 foggiano. Un vero professionista del crimine: già arrestato e condannato per altri delitti, il soggetto, sottoposto all’obbligo di firma presso i carabinieri del comune di residenza, organizzava i propri “impegni criminali” in modo tale da presentarsi puntualmente alla firma per non insospettire in alcun modo le autorità. L’ulteriore sviluppo delle dichiarazioni rese dal solerte agente, hanno poi consentito di rinvenire l’auto con la quale è stata perpetrata la rapina. Questa era ben occultata all’interno di un capannone della zona industriale di Raiano. All’interno dell’auto, risultata, come anticipato, rubata a Roma all’inizio di dicembre, sono state rinvenute, oltre che diversi indumenti idonei al travisamento del volto, anche diversi oggetti riconducibili alla società proprietaria del portavalori rapinato. Le risultanze investigative raccolte dai Carabinieri, hanno trovato pieno accoglimento da parte dell’Autorità Giudiziaria del G.I.P. presso il tribunale di Sulmona che ha emesso le ordinanza cui i militari alle 17:30 circa del 30 dicembre hanno dato esecuzione. Sono in corso ulteriori indagini volte a verificare, per la corrispondenza delle modalità esecutive e della dinamica, l’eventuale responsabilità dei soggetti in ordine ad analoghi delitti verificatisi negli ultimi tempi nell’ambito della provincia di L’Aquila.


Redazione Stato@riproduzione riservata

L’Aquila, rapinarono portavalori: 2 arresti, un foggiano ultima modifica: 2012-01-02T15:24:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This