Cronaca

Saldi, si cambia ancora: in Puglia dal 5 gennaio. Consigli


Di:

Glamour Shopping (fonte image: archistyle.it)

Bari – A dicembre 2007, la Regione Puglia, con Atto di Giunta Regionale n. 2145 dell’11 dicembre 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 182 del 20.12.2007, modificò il Regolamento Regionale 23.12.2004 n. 12, deliberando la modifica della data di inizio dei Saldi fissandola al primo sabato del mese di gennaio, per i saldi invernali, confermando la data di fine dei Saldi invernali al 28 febbraio; per l’anno 2010, considerata la concomitanza del primo sabato del mese di gennaio con il giorno 2, cioè immediatamente a ridosso delle trascorse festività, la Giunta regionale posticipò tale data di inizio al giorno martedì 5 gennaio 2010 (invece del giorno 2 gennaio, primo sabato del mese), confermando invece la data di fine dei saldi invernali al 28 febbraio 2010.

Per i Saldi Invernali 2011 si cambiò ancora e la data di inizio dei Saldi, che sino ad allora era a tutti nota essere quella del primo sabato del mese di gennaio, la Regione Puglia, con Deliberazione della Giunta nr. 2580 del 30 novembre 2010, deliberò la nuova data di inizio fissata al giorno 6 gennaio di ogni anno per terminare il 28 febbraio.

“Per l’anno 2012 si cambia ancora e, in esecuzione alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 2492 del 15 novembre 2011, l’inizio delle vendite di fine stagione per i saldi invernali è stato fissato al primo giorno feriale antecedente l’Epifania, quindi per il corrente anno 2012 sarà il prossimo giovedì 5 gennaio. La data di fine dei saldi invernali rimane invariata cioè il 28 febbraio 2012.
Rimangono invariate tutte le altre disposizioni, comprese le preventive comunicazioni obbligatorie e le norme che disciplinano la pubblicizzazione degli sconti”, dicono in una nota i rappresentanti di UNIMPRESA BAT di Andria, del direttore Savino Montaruli.

I consigli (Tuttodonna). Inserite tutto quello di cui avete bisogno, ma bisogno per davvero non le cose che vi piacerebbe avere in più. Comunque, redigete la vostra lista con tutto quello che vi viene in mente. Prendetevi del tempo per scriverla perché non dovete assolutamente dimenticare nulla. Una volta terminata la vostra wishlist per i saldi, accanto ai capi di abbigliamento e accessori scrivete il prezzo indicativo e tirate le somme. Ora avete una lista e una somma in euro.

Ora rileggetela con cura, leggete i prodotti e i prezzi annessi e chiedetevi ‘spenderei davvero questi soldi per questa cosa?’. Pian piano depennate le cose delle quali potete fare a meno. Dovete assolutamente riuscire a comprare ciò che vi manca per davvero. Ecco alcuni esempi.

CAPPOTTO: per ogni donna è importante avere un cappotto. È un capospalla classico. Se non avete un cappotto nell’armadio, un cappotto classico come quello cammello acquistate questo capo. Visti i prezzi dei cappotti che sono altini l’occasione dei saldi è un ottimo momento per acquistarne uno.

PIUMINO INVERNALE: è un altro capospalla molto importante per il nostro guardaroba. Potete sceglierne un modello più sportivo, più elegante o una via di mezzo. Ma solo se realmente questo capo manca nel vostro armadio!

JEANS: sì, proprio un jeans. Siamo sempre prese dal comprare gonne, pantaloni stravaganti, shorts e leggings che alla fine ci mancano i jeans. Un buon 20 o 30 % e il prezzo del jeans è sicuramente più appetibile.

BORSA: guardate bene quella che vi manca. Non acquistate borse in più! Scegliete un modello di cui avete proprio bisogno, andate in negozio e prendetela! Senza indugi.

SCARPE: anche in questo caso guardate bene il tipo di scarpe che vi mancano. Se le avete tutte le scarpe non sono la vostra soluzione!

BIJOUX: certo! Qualche bijoux potete acquistarlo ma a patto che sia estremamente low cost.

Redazione Stato@riproduzione riservata

Saldi, si cambia ancora: in Puglia dal 5 gennaio. Consigli ultima modifica: 2012-01-02T14:44:20+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This