Edizione n° 5374

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PALOMBO Sfregiato il murales di Giorgia Meloni come Marilyn 

Dell'artista aleXsandro Palombo

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
2 Maggio 2024
Cronaca // Focus //

2 Maggio 2024 – L’odio contro il Presidente del Consiglio non risparmia neanche l’arte, anche la nuova opera pop del celebre artista aleXsandro Palombo che ha ritratto Giorgia Meloni come Marilyn Monroe è stata vandalizzata dopo un solo giorno, il murales era apparso a Milano in Via Monte Napoleone a poche ore dall’annuncio della candidatura di “Giorgia” alle prossime elezioni Europee. La Meloni era stata raffigurata in posa sopra la corrente ascensionale di una grata della metropolitana milanese con l’iconico vestito bianco della Monroe che si solleva con il vento e svela l’underwear con la bandiera dell’UE.

Era il 1954 quando Marilyn apparve con quell’abito da cocktail in crêpe di seta plissettato sulle grate della metro di New York durante le riprese del film “The Seven Year Itch” nella versione italiana “Quando la moglie è in vacanza” diretto da Billy Wilde, una scena divenuta cult ed entrata nella storia del cinema mondiale.

Contro il Presidente del Consiglio Meloni è apparsa la scritta “È un insulto a Marilyn. Ti consideri “Pro-Vita” ma lasci gli immigrati morire in mare!” mentre con una X è stata coperta la bocca.

Era il 1954 quando Marilyn apparve con quell'abito da cocktail in crêpe di seta plissettato sulle grate della metro di New York durante le riprese del film "The Seven Year Itch" nella versione italiana "Quando la moglie è in vacanza" diretto da Billy Wilde, una scena divenuta cult ed entrata nella storia del cinema mondiale.
Era il 1954 quando Marilyn apparve con quell’abito da cocktail in crêpe di seta plissettato sulle grate della metro di New York durante le riprese del film “The Seven Year Itch” nella versione italiana “Quando la moglie è in vacanza” diretto da Billy Wilde, una scena divenuta cult ed entrata nella storia del cinema mondiale.

Non è la prima volta che le opere di aleXsandro Palombo vengono vandalizzate, l’anno scorso sono stati distrutti i murales che ritraevano Berlusconi sul muro di Via Volturno davanti allo stabile dove il Cavaliere ha vissuto con la sua famiglia da giovane e di recente è stata stata sfregiata per la 5 volta anche la famosa opera “I Simpson ad Auschwitz” realizzata sui muri del Memoriale della Shoah, l’artista in quel caso aveva rappresentato la famiglia dei Simpson deportata nei campi di concentramento nazisti per raccontare il prima e il dopo la deportazione e l’orrore dell’olocausto, un inciampo visivo per costringerci a vedere quello che non vediamo più.

Lo scorso anno aleXsandro Palombo aveva già ritratto Giorgia Meloni nell’opera “Power is Female”, in quel caso il Presidente del Consiglio era stata ritratta insieme alla leader del PD Elly Schlein, entrambe spalla a spalla e incinte, sul grembo della Meloni “Not for rent” e su quello della Schlein la scritta “My uterus my choice”, una profonda riflessione sul tema della maternità surrogata.

Le opere di Palombo sono riconosciute in tutto il mondo per l’accento che pongono su tematiche di rilevanza culturale, politica e sociale, nel 2019 aveva immortalato le donne più potenti della politica mondiale da Angela Merkel a Michelle Obama come vittime di violenza, la serie dal titolo “Just Because I am a Woman” nel 2021 è stata acquisita dal prestigioso Museo delle Arti Decorative di Parigi situato nel palazzo del Louvre entrando a far parte della collezione nazionale. “Queste opere apportano un arricchimento di qualità ai nostri fondi entrando così nelle collezioni nazionali” riporta il documento del Museo.

Lascia un commento

Un politico pensa alle prossime elezioni, un uomo di stato alle prossime generazioni. (James Freeman Clarke)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.