La Lega non è un partito fascista. E’ qualche altra cosa

Come si diventa leghisti? Perché il successo nell’odiato Sud?

Il bisogno di sicurezza è ancestrale, è dentro di noi, e non bisogna sottovalutarlo


Di:

Dobbiamo fare una premessa, inutile forse, ma farla. La Lega non è un partito fascista. E’ qualche altra cosa.

La si può votare per tanti motivi, tutti riconducibili a sentimenti, discorsi, ragionamenti. Già dagli anni Novanta governava, con buoni risultati, molti Comuni del Nord, introducendo elementi interessanti di partecipazione popolare e di controllo dell’attività amministrativa. Quando lo dicevo qui, diversi anni fa, molti mi guardavano perplessi e insospettiti. Allora la Lega faceva paura, era tutta nordica e pura.

Però passare dalla sinistra o dal Pd a questa Lega fa nascere qualche domanda. Così come votare Lega a Pisa o in Emilia… Qualcuno risponde: “si votava senza convinzione, era come il vento, tutti erano di sinistra… Poi c’è stata la crisi, i talk show, la casta, la rivolta contro le élite… Un terremoto. Di cosa ci si meraviglia?”

Come si diventa leghisti? Ci possono essere tante spiegazioni. Un’urgenza di cambiare, provare cosa sanno fare gli altri. Nel Centro Nord buone amministrazioni sono state bocciate per un bisogno di novità, non voler vedere le stesse persone, fornite dalla stessa “ditta”. Il Sud non offre resistenze. In molti Comuni un governo senza qualità, con alternanze assenti o fittizie, ha prodotto incrostazioni, opportunismi, opacità, di cui si aspetta il “pulitore”.

Perché si vota Lega nel Sud? Ci sono analisi, articoli, ricerche… ma non danno risposte. Il voto alla Lega sembra “un atto di fede”, dato per convinzione, sui temi della sicurezza e del controllo dell’immigrazione. I leghisti dell’ultima ora mostrano irritazione se qualcuno prova a chiedere o vuole sapere. E non sopportano dare motivazioni. Tra quelli che incontro, alcuni non hanno mai affrontato un discorso in pubblico, parlano di sicurezza e legittima difesa, si vantano della loro coerenza e del parlare chiaro… E’ questa la loro identità? “Prima gli italiani”, lo slogan funziona, stabilisce priorità, mette ordine. Identità è parola e concetto da maneggiare con cura. Quello che è certo è che si sta producendo una separazione. Un filo che divide, cui non eravamo abituati. A scuola, in famiglia, in Ufficio. Una mia amica mi ha detto che ha discusso animatamente a casa sua sullo sbarco dei migranti. “In fondo, dicevo, si tratta solo di 40 persone” “E’ una questione di principio. Aiutiamoli a casa loro”. Questo rispondeva spazientito il marito. Ed era una risposta razionale, ma senza compassione.

Il bisogno di sicurezza è ancestrale, è dentro di noi, e non bisogna sottovalutarlo. In altre epoche ci si sottometteva al un signore pur di essere difesi. Si donavano i beni alle abbazie (tanti i documenti dell’Abbazia di S. Leonardo) pur di avere protezione. Quello che è certo (ed è forse positivo) è che ci sono parole, pensieri, convinzioni che non stanno più sotto la cenere ed escono fuori. Quello che è certo è che non ci sono luoghi pubblici dove si possa discutere e parlare. Esistono solo raduni. Dove ci si ritrova simili con i simili.

Si può parlare con i leghisti, ma bisogna attrezzarsi. E’ complicato discutere con persone che covano una rabbia, stimolata ad arte. Le culture, le presunte identità non sono pietre. E le pietre non sono pericolose, “fino a quando vengono lasciate dove stanno: possono far male se afferrate e scagliate contro qualcuno” (Aime). E cioè utilizzate per un nuovo comandamento: “Crea il tuo nemico”, un nemico che non può risponderti, o perché lontano o perché invisibile. “Crea il tuo nemico” e si allontana l’attenzione dai vari problemi. “Crea il tuo nemico” e si crea una realtà semplificata, cui è facile aderire, un caldo, comodo senso di appartenenza. Una tana protetta. Ma all’esterno c’è il gelo. Si può provare a cambiare il racconto? Costruire percorsi per far amare la strada, le sfide quotidiane, una sicurezza da costruire insieme?

A cura di Paolo Cascavilla,

Fonte http://www.futuriparalleli.it/blog/2019/06/01/%ef%bb%bfcome-si-diventa-leghisti-perche-il-successo-nellodiato-sud/

Come si diventa leghisti? Perché il successo nell’odiato Sud? ultima modifica: 2019-06-02T20:27:07+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Prof.ssa Visico Melena Tike

    Sempre ottima la disamina del prof. Cascavilla. Io molto più sinteticamente dico che per diventare un leghista basta avere tre semplici requisti (purtroppo rintracciabili in moltissimi individui):
    1. essere ignoranti (attenzione, non solo o non per forza NON istruiti, ma è necessario essere “ignoranti” per davvero, profondamente, ossia non conoscere la realtà circostante, non avere interessi di sorta, essere lontoni da qualsiasi forma di cultura)
    2. essere astiosi, superbi, livorosi, refrattari: cioè abituati a riversare odio, disprezzo, biasimo nei confronti dell’altro, meglio se “diverso”)
    3. semplicistici ed ingenui: convinti che le soluzioni ai problemi, soprattutto sociali, siano a portata di mano, facili da eseguire e di elementare esecuzione
    4. messianici: ovvero convinti (come spesso lo sono i credenti – infatti non a caso adesso il “Capitano” è a quella platea che più si rivolge) che un solo individuo (vedi anche il loro osannato dux) possa giungere (scendere dall’alto) e riportare ordine, disciplina, metodo e serenità…
    Leghisti…l’essere individui rinunciando ad essere qualcosa di più.


  • Don Bastiano

    Mai un politico che fornisca qualche fulgido esempio. Nonostante molti vivano nel max benessere mai nessuno che ospiti una famiglia di fratelli e sorelle africane. Sono buoni solo a scrivere ipocrisie. I fratelli africani a centinaia sfruttati nei campi aridi e afosi e nei letti dei kukkold falsi perbenisti le sorelle sfruttate e umiliate.


  • il voltagabbana della palude sipontina

    Io se trovassi una leghista come quella in foto, abbandonerei ogni ideali di sinistra e indosserei felpa, camicia e calzini verdi!! Tira più un pelo verde che cento carri di buoi 😀


  • il pitoncino reale della palude sipontina

    sono d’accordo con il voltagabbana con quello sguardo arrapante la voterei mille volte!! La sindaca che vorrei!!


  • Donia DE GRADO

    e poi dicono che la lega sia omofoba.


  • Nicola

    Se questo continua a scrivere .., il PD perderà sotto il 10 %. Mi da tanto di Bersani della famosa mucca nel corridoio. Evidentemente, stavolta vuole proprio passare attraverso le urne. Bah comunque restano i dubbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This