Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

L’inflazione? Un’alluvione, un’invenzione del diavolo. Dovremo leggere il Faust di Goethe

AUTORE:
Paolo Cascavilla
PUBBLICATO IL:
2 Giugno 2023
Economia // Gargano //

futuriparalleli.it. E’ l’unica parola o concetto dell’economia che capiscono tutti e pare che su questo argomento le massaie potrebbero insegnare qualcosa ai banchieri.

Davanti a un supermercato ascolto un’interessante conversazione tra un gruppetto di donne. “Vedi.

Questa è la spesa di settanta euro. Prima con la stessa somma le buste erano tre.” “Le piccole cose, fiammiferi, fazzolettini, carta igienica… quelle su cui non ci facciamo caso sono aumentate di due, tre volte!” “Ho comprato certi oggetti per l’estate, sdraio, una piccola fioriera… da mettere sul balcone, alla Cina i prezzi raddoppiati!”.

“Dicono che la guerra non c’entra, intanto da allora il gas è aumentato, poi finge di diminuire… lo stesso per la benzina: aumenta, diminuisce un poco, si alza di nuovo, ma l’altalena sale sempre verso l’alto” “Vedi il caffè? Aumenta una volta, poi quell’aumento rimane… Mio marito va a lavorare a Barletta e il caffè lo prende a Margherita, Zapponeta… costava 80 centesimi, è aumentato dopo la pandemia.

Era per i costi di riapertura, eppure non scende più. Il caffè ora costa ovunque 1,20 ” “Io faccio la spesa quotidianamente e ho visto i prodotti aumentare di 10 centesimi, poi 20… secondo me ci provano… nessuno protesta… shampoo, creme solari, integratori… in pochi mesi costano il doppio”.

Prezzi esposti sulla merce di un negozio ‘Frutta e verdura’ di Napoli, 31 ottobre 2022. ANSA / CIRO FUSCO

Alcuni ci guadagnano. Perdono i risparmiatori e quelli a reddito fisso. L’inflazione erode il tenore di vita, colpisce i consumi anche dei beni di prima necessita (pane e pasta). Ci sono delle fasce particolari e silenziose che soffrono, come le famiglie separate o divorziate con figli, persone con pensione al di sotto di mille euro al mese, i monoreddito con affitto casa. La pandemia ha marcato nuove povertà, ora con l’inflazione quel solco diviene un fossato. L’inflazione inciderà su investimenti e occupazione? I governanti e gli esperti non rispondono. L’argomento non suscita alcun dibattito politico.

Il saliscendi dei prezzi si verifica sui consumi collettivi. Il gas per gli utenti cresce del 10%; con la nuova campagna di approvvigionamento doveva scendere al 2 o 3, invece si è fermato a 8-9%. La variazione dei prezzi nell’area Euro dal 3% è giunta quasi all’11 e in Italia al 13. Anche chi ha investito, con un “profilo moderato”, in fondi “sicuri” si trova davanti allo stesso meccanismo: perdita nel 2022, la banca comunica il calo ed anche un “leggero recupero”. Il risparmiatore respira e spera, ma è un fuoco di paglia. Un meccanismo ben lubrificato: perdita, recupero, perdita…

Si alimenta l’inganno delle fonti alternative che daranno energia sufficiente tra due o tre anni. Ma non si guarda alla nuova geopolitica: si fanno accordi con paesi esportatori poco affidabili e instabili; ci sono Paesi che non si sono schierati contro Putin (India, Cina…), che crescono più di prima con l’energia a basso costo.

Negli ultimi dieci anni a tenere bassi i prezzi hanno contribuito molti fattori: la globalizzazione, rivoluzione tecnologica e commerciale, concorrenza salariale dei lavoratori asiatici, politiche di austerità. Ma ora il declino demografico colpisce alcuni di quei paesi (Cina): i lavoratori chiedono salari più alti, che aumentano i costi di produzione.

L’inflazione galoppa con la spesa pubblica in espansione, specie quando è in deficit. Come lo è gran parte della spesa per i vaccini, il lavoro a distanza, la fornitura di armi… Il bilancio italiano non è squilibrato, se non fosse per gli interessi sull’enorme debito pubblico. 74 miliardi quest’anno, 84 il prossimo.

In Europa dicono: “Tagliate il debito, il PIL da solo non basta”. Il debito pubblico ha iniziato a crescere negli anni Settanta, quando occorrevano riforme necessarie, per correggere squilibri e introdurre elementi di perequazione sociale. Ci furono anche sprechi assurdi: le baby pensioni, il costo in 40 anni (1973 – 2013) è stimato in 150 miliardi di Euro! Il debito esplose poi negli anni Ottanta. Ci siamo abituati. E continuiamo con bonus e Superbonus.

Nel Faust c’è una metafora sul “denaro del diavolo”, sul rischio di stampare carta moneta. Francoforte è la capitale finanziaria, sede della Bundesbank e della BCE. Due grandi edifici. Vi è un terza costruzione vicina, più piccola.

Lì nacque Johann Wolfgang Goethe. Lì un museo a lui dedicato. Goethe non ebbe da giovane comportamenti virtuosi, spendeva molto ed era aiutato dalla madre.

Nel 1782 divenne ministro delle finanze del ducato di Sassonia, e il suo atteggiamento cambiò. Nel Faust (storia del patto tra Faust e il diavolo) c’è un episodio significativo: nella corte dell’imperatore non ci sono più soldi, le casse sono vuote, Mefistofele promette di trasformare la carta in monete. Le banconote firmate dall’imperatore spingono all’allegria, a divertirsi senza fine. L’imperatore: “Vale oro di zecca per il mio popolo?” Certo. E a garanzia ci sono le ricchezze sotto terra, “che a nulla giovano laggiù”. Borse, portamonete, un fastidio sparito… Vuoi monete? Vai in banca. Goethe (e il Faust) è lettura obbligatoria nelle scuole tedesche.

A cura di Paolo Cascavilla, fonte futuriparalleli.it

3 commenti su "L’inflazione? Un’alluvione, un’invenzione del diavolo. Dovremo leggere il Faust di Goethe"

  1. C’è anche una fortissima speculazione sui prezzi che sta stringendo il cappio alla gola di milioni di consumatori. Condivisibile il contenuto dell’articolo, ma non spiega come fermare questa, spirale. Nessuno vigila sui prezzi, sull’origine dei prodotti, sulle etichettature specialmente ortofrutta e anche in altri settori. Se ci fossero controlli sulle fatture della merce acquisita, sull’obbligo dell’esposizione dei prezzi. Quando c’è l’inflazione si ingrassano i pesci grandi, gli squali, ma anche i pesci piccoli se la passano bene scaricando sia i costi imposti dalla filiera dei grossisti e sia applicando a loro volta aumenti. Chi ci rimette? Tutti coloro che hanno il reddito fissi, e una supertassa capestro. E che dire di banche e poste italiane ( nonostante i vari ammonimenti della Bce, a fronte di una inflazione altissima sui risparmi o sui c/c pagano un tasso di interesse dello 0,001%? Attenti ad intervenire sulla modifica, di tassi sui prestiti anzi rapidi succhiando soldi si poveri risparmiatori. Negli anni 70/80 i risparmi e i salare e le pensioni erano tutelati. Ora invece su tutelano sono le potenti lobbies! Salari e pensioni che, hanno perso in breve tempo il 10/15% del potere d’acquisto.. e davvero a rischio la coesione sociale, ma i politici sembrano vivano in un altra dimensione. Attenzione che prima o poi potrebbe scattare la prima grande rivoluzione e in Italia.

  2. A Manfredonia regna Satana quindo nessuno si pone il problema inflazione. Pezzenti apparenti che hanno decine di case, , lavoro nero mostruoso, raccapricciante evasione fiscale, ciclopica evasione fiscale su affitti (in primis i brevi) e sui tributi. Immense quantità di introiti in nero.. il risultato? Prezzi alimentari e case da far rabbrividire il “Principato si Monaco” ristoranti e locali di vita, sempre pieni, abiti di lusso, parrucchiere e estetiste oberate da tantissimo lavoro.Allestimento case impeccabile e parco auto abbastanza moderno. Comunioni, cresime e matrimoni con spese faraoniche, abiti ultimo grido.. nel contempo migliaia di redditi di cittadinanza e bonus a tutti..I prezzi delle case più care del sud Italia.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.