Edizione n° 5372

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Scuola e allarme pidocchi, i presidi: “Serve attenzione o si chiama la Asl”

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
2 Settembre 2023
Cronaca // Scuola e Giovani //

FOGGIA – Dopo essere stati ospiti indesiderati anche sotto l’ombrellone per molte famiglie italiane, i pidocchi rischiano di tornare sui banchi più numerosi di prima. A lanciare l’allarme il pediatra Italo Farnetani che conferma la presenza di segnali di incremento dei casi di pediculosi. Si tratta di un tema ricorrente ad ogni inizio di anno scolastico e che i dirigenti scolastici, in particolare delle Elementari, si trovano spesso a dover affrontare.

“E’ un problema soprattutto nel primo ciclo scolastico, cioè con i più piccoli.

Fonte: adnkronos

 

Come intervenire? Maestra, docente e dirigente scolastico non possono allontanare il bambino o ragazzo dalla scuola – spiega all’Adnkronos Crista Costarelli, preside del Liceo Newton di Roma e presidente dell’Associazione nazionale presidi Lazio -, ciò che il preside può fare è una circolare nella quale si invitano i genitori, le famiglie a fare un controllo accurato, in particolare in autunno, periodo di più facile proliferazione del parassita”.

 

“Tuttavia, malgrado la richiesta di controlli accurati, può accadere che, in alcuni casi, i bambini vengano a scuola anche in presenza di pidocchi espliciti o anche solo di sospetto di presenza di lendini – spiega ancora Costarelli – in questi casi qualora il docente se ne accorga, avverte il preside e garbatamente viene chiesto alla famiglia di fare un controllo ancora più attento, di tenere a casa il bambino o ragazzo, e di prendere i dovuti provvedimenti.

Fonte: pupiatv

 

Nel caso in cui i provvedimenti richiesti non vengano attuati, dirigente scolastico e docenti non possono allontanare l’alunno dalla scuola e in questo caso è necessario l’intervento della Asl e del personale sanitario preposto. La scuola può solo raccomandare e invitare la famiglia ad intervenire, dopodiché spetta al personale sanitario dell’Asl di competenza intervenire”.

“Equilibrio e nessun allarme. Io credo che sia necessario, come in tutti i casi, un approccio di estremo equilibrio”, l’appello della professoressa Maria Rosa Monterosso, preside del Liceo A.Volta di Reggio Calabria.

 

“A parte la normale profilassi, – spiega Monterosso – non è possibile prevenire il problema, se non applicando i consueti comportamenti, utili all’igiene personale e collettiva. Perciò, eviterei di attribuire alla possibilità di pediculosi un’enfasi eccessiva – conclude Monterosso – e valorizzerei il bello del ritorno a scuola, del ritrovarsi in un’atmosfera di gioia all’insegna delle novità”. Lo riporta l’agenzia adnkronos.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.