Foggia

Foggia, il ‘paradiso’ a un passo


Di:

Foggia. Due gol per volare sempre più in alto. Il Foggia batte la capolista Messina allo “Zac”, con il risultato di 2-0: marcature una per tempo e firmate da Iemmello e Gerbo.
Entrambi gli allenatori scelgono un 4-3-3, per De Zerbi l’unica new entry è Sainz-Maza, schierato dal 1’ con Gerbo in panca, mentre Di Napoli si affida al tridente Salvemini – Vagenin – Barraco. Pronti, via ed il Foggia passa in vantaggio: Sarno appoggia a Coletti che dal limite calcia, ma il suo tiro si trasforma in un assist per l’accorrente Iemmello, che tutto solo insacca in rete da pochi passi. Il Messina si mostra squadra di carattere e reagisce al 9’, con Gustavo che dall’interno dell’area calcia, trovando prontissima la respinta di Narciso. Ci si avvia tra l’equilibrio generale al finale di primo tempo, al 35’ è Sarno, direttamente da calcio piazzato, a mettere i brividi a Berardi, ma il tiro si spegne a lato. I tentativi degli ospiti destano pochi pensieri, Narciso fa il suo ed all’intervallo si va sull’1-0.

Nella ripresa la gara resta pimpante, al 55’ è ancora Iemmello a rendersi pericoloso: l’attaccante calabrese, dopo aver ricevuto perfettamente da Agnelli, calcia però malamente tra le braccia di Berardi. Minuto 62, il Foggia ci prova con Sarno, che dal limite spara a lato di un soffio; passano 3’ ed arriva il raddoppio per i Satanelli: Coletti scavalca la difesa con un pregevole pallonetto, trovando Gerbo che, dopo un paio di palleggi, tenta la girata volante, superando con una bellissima palombella l’estremo difensore siciliano e firmando il 2-0. Il doppio vantaggio permette ai Satanelli di giocare sul velluto, provando a pungere ancora la difesa biancoscudata, con la migliore occasione che arriva dai piedi di Coletti (82’), il cui tiro dalla distanza termina sul fondo non di molto. Nessuna emozione degna di nota nel finale, il triplice fischio decreta il successo dei rossoneri.

Vittoria fondamentale, dunque, per il Foggia che conquista i tre punti, sale a quota 17, scavalcando in un colpo solo Messina e Benevento, proponendosi come maggiore inseguitrice della capolista Casertana, appollaiata giusto un punticino più in alto degli uomini di De Zerbi; appuntamento a sabato 7 novembre, allorquando i rossoneri dovranno affrontare un vero e proprio esame di maturità contro l’Ischia.

TABELLINO
FOGGIA: (4-3-3) Narciso; Angelo, Loiacono, Gigliotti, Di Chiara (dal 72’ Agostinone); Agnelli, Coletti, Sainz-Maza (dal 50’ Gerbo); Sarno, Iemmello, Floriano (dal 78′ De Giosa). A disp.: Micale, Bencivenga, D’Allocco, Riverola, Lodesani, Bollino, Viola, Tarolli, Sicurella. All.: De Zerbi.
MESSINA: (4-3-3) Berardi; Palumbo, Burzigotti, Martinelli, De Vito; Giorgione, Baccolo, Fornito;Vagenin (dal 56’ Tavares), Salvemini, Barraco. A disp.: Addario, Zanini, Bramati, Russo, Biondo, Barilaro, Frabotta, Parisi, Cocuzza. All.: Di Napoli.
Arbitro: sig. Perotti di Legnano.
MARCATORI: 2′ Iemmello (F), 66’ Gerbo (F).
AMMONITI: Angelo (F);Martinelli, Giorgione(M). – ANGOLI: 4-5 per il Messina. – RECUPERI: 1′ p.t.; 4′ s.t..

(A cura di Salvatore Fratello)

Fotogallery Vincenzo Maizzi

Redazione Stato Quotidiano.it@riproduzioneriservata

Foggia, il ‘paradiso’ a un passo ultima modifica: 2015-11-02T09:58:50+00:00 da Salvatore Fratello



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This