Manfredonia
Per il periodo presumibile di 25 giorni nei mesi di novembre, dicembre 2015 e gennaio 2016

Manfredonia, procedura per servizio mensa scolastica: 200.000 euro l’importo

L’importo a base d’asta è stato definito in € 5,00 oltre IVA per ciascun pasto somministrato ad alunni e insegnanti


Di:

Manfredonia. CON recente determina dirigenziale del Comune di Manfredonia, indetta una procedura negoziata, con aggiudicazione con il criterio del prezzo più basso, per l’affidamento in appalto del servizio di mensa scolastica “per il periodo presumibile di 25 giorni nei mesi di novembre, dicembre 2015 e gennaio 2016 sussistendo le ragioni d’urgenza non imputabili alla stazione appaltante, come precisate nella deliberazione di G.C. n. 219/2015”.

L’importo a base d’asta è stato definito in € 5,00 oltre IVA per ciascun pasto somministrato ad alunni e insegnanti, per un importo complessivo presunto di quantificato in € 200.000,00 oltre IVA.
“Il motivo per il quale ogni anno la mensa non inizia in contemporanea con le attivita’ scolastiche – aveva detto Leonardo – risiede nella mancanza di organizzazione da quanti preposti a tale compito”. “Il problema non e’ risiede solo nella mancata garanzia di un servizio a noi genitori, ma anche nella preclusione di opportunità per i nostri figli, che svolgendo più ore scolastiche potrebbero approfondire determinate problematiche e dunque argomenti. Purtroppo viviamo a Manfredonia dove siamo tutti abituati a non avere delle scelte e ormai ci siamo rassegnati a quello che ci danno”.

Il servizio. Si ricorda come sono state aperte da giorni le iscrizioni per il servizio di ristorazione nelle scuole dell’Infanzia statali/paritarie e nelle scuole Primarie statali di Manfredonia. Come reso noto dal Comune, ”i genitori interessati possono trovare la domanda di adesione per chiedere la fruizione o la riconferma del servizio di mensa per l’intero anno scolastico, nella sezione “Modulistica” del sito della Città di Manfredonia, oppure recandosi presso l’ufficio Politiche educative e formative, sito in via Maddalena 29”. “Resta necessario ed indispensabile allegare la documentazione I.S.E.E. vigente al momento della presentazione della domanda. Basterà rivolgersi ad un qualsiasi CAF (Centro Assistenza Fiscale) per essere aiutati, se ve ne dovesse essere bisogno, nel produrre la documentazione richiesta“, come precisato dal Comune. Come precisato dall’Ente comunale “restano esenti dal pagamento coloro i quali hanno un’attestazione I.S.E.E. non superiore a 1.000€”.

“Il Settore comunale competente è al lavoro da tempo – aveva detto giorni fa l’assessore alla Pubblica istruzione, Giuseppe La Torre – per assicurare il buon funzionamento del servizio, consapevoli dell’importanza per l’organizzazione familiare, soprattutto quando entrambi i genitori sono impegnati al lavoro, ma consapevoli anche del fatto che la mensa rappresenta un importante momento di crescita e di socializzazione per i piccoli studenti”.

Le motivazioni del ritardo. Come pubblicato ad agosto 2015, con una determina dirigenziale, il Comune di Manfredonia aveva stabilito “un’attività rinnovatoria della stazione appaltante per la conseguente ripetizione della valutazione delle offerte tra le altre società partecipanti alla gara, con esclusione della ditta a suo tempo ritenuta aggiudicataria” relativamente all’appalto del servizio di mensa scolastica a favore degli alunni della scuola dell’infanzia e primaria e pasti anziani del Comune di Manfredonia. La determina segue la presa d’atto della sentenza n.983/09.07.2015 con la quale il T.A.R. Puglia di Bari ha annullato il provvedimento dirigenziale n. 843 del 11.07.2014 di aggiudicazione a favore della CIR FOOD Cooperativa Italiana di Ristorazione s.c. e dichiarato inefficace il contratto d’appalto n. di Rep. 9447 del 23.10.2014, registrato a Manfredonia il 27.10.2014 al n. 422 Serie 1^.

Da qui, con la determina dirigenziale del Comune, è stato stabilito di riconvocare per il rinnovo del procedimento di gara, stante l’annullamento dell’aggiudicazione, la medesima commissione nominata con determinazione n. 869 del 09.07.2013, composta dal presidente dott.ssa Maria Sipontina Ciuffreda, dal dott. Rocco Frisoli, componente – collaboratore amministrativo professionale dell’IZS di Foggia, dalla sig.ra Libera Maria Varia (testuale, ndr) – componente esperto, dalla dott.ssa Sistiana Iacoviello, Segretario della Commissione – funzionario di categoria “D” del Servizio Appalti.

Come già pubblicato nell’agosto 2015, per evitare qualsiasi interruzione del servizio, alla Cir Food è stata riaffidata per 2 mesi la somministrazione di pasti caldi a domicilio per anziani e disabili.

La partenza del servizio. “Quest’anno il servizio partirà dal 20-22 novembre 2015 – ha detto stamani a Stato Quotidiano l’assessore comunale Giuseppe La Torre – anche a causa di una serie di ricorsi incrociati presso le relative sedi giudiziarie – amministrative. Al momento non è stato ancora stabilito il nuovo affidatario dle servizio. Il servizio riguarderà circa 1600 bambini”.

Redazione Stato Quotidiano.it@riproduzioneriservata

Manfredonia, procedura per servizio mensa scolastica: 200.000 euro l’importo ultima modifica: 2015-11-02T14:04:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • antonella

    Vorrei porre una domanda all’assessore, come mai nel comune di monte sant Angelo i pasti per la mensa scolastica costano 4,67 euro compreso l’iva, mentre a manfredonia costano 5 euro iva esclusa? Che differenza c’è tra i pasti somministrati ai bambini di monte e i pasti che saranno somministrati ai bambini manfredoniani?
    Di seguito si riportano i dati dei costi della mensa scolastica del comune di monte, gentilmente si chiede spiegazioni per le differenze di costi.
    Monte Sant’Angelo.
    CON recente determina gestionale, la Commissione straordinaria del Comune di Monte Sant’Angelo ha approvato per il 2015 il calendario del servizio mensa scuole materne ed elementari statali per un totale di 40 giorni.
    In particolare:
    – Ottobre dal 21 al 30: giorni 8
    – Novembre dal 3 “ 30: giorni 20
    – Dicembre dal 1 “ 18: giorni 12.
    Di dare atto che i pasti giornalieri ammontano presuntivamente a 350 e che il prezzo a pasto è di € 4,67 iva inclusa al 4%; imputata la spesa presuntiva di € 65.000,00 al Cap. 10405030338 e di € 380,00 all’intervento 10405030339 del bilancio 2015.


  • Arciere

    Antonella,interpellato il morto,non rispose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This