Capitanata

Foggia, problema sicurezza. De Santis (Sel): “Subito una Consulta”


Di:

Il consigliere Leonardo De santis. Sua la proposta, a Stato, su coppie di fatto e funerali civili

Foggia – SICUREZZA, ancora sicurezza. A ritornare sull’argomento è Leonardo De Santis, consigliere comunale ‘ribelle’ di Foggia eletto con la lista civica afferente al sindaco Gianni Mongelli ma riconducibile a Sinistra ecologia e Libertà. Dopo la proposta, non peregrina, sull’istituzione del registro delle coppie di fatto e quelle, come la prima, lanciata via Stato Quotidiano, della creazione di uno spazio per le esequie civili, De Santis torna a far battere la lingua sul dente dell’insicurezza civica. “Dopo gli accadimenti di questi giorni – scrive in una nota – riemerge in tutta la sua fragorosa attualità, il problema della sicurezza in città. Non possiamo e non dobbiamo sminuire quanto accaduto, non dobbiamo piangerci addosso per lo scarso senso civico di una popolazione, se c’è tanta gente che si lamenta, dobbiamo ripartire da questa, per costruire un futuro possibile”.

Nulla è perso definitivamente, dunque. Serve soltanto un maggior piglio nell’affrontare i problemi quotidiano. “Sicurezza o Sinecura, non significa che non c’è speranza, ma che non c’è stata quella doverosa e necessaria attenzione, cioè non ci siamo presi cura in modo adeguato del fenomeno. Prendersi cura – continua in un impeto antropologico De Santis – significa intelligenza partecipativa per la sicurezza del territorio. Abbiamo bisogno di un nuovo progetto per aumentare la legalità e la sicurezza in città”.

Ripartire, quindi, “perché l’esperienza della cura diventi un’opportunità – per donne e uomini – per scoprire e acquisire uno sguardo differente nel governo della polis, ieri in città si è tenuto, presso il circolo La Merlettaia, un illuminante incontro con l’architetta Annalisa Marinelli sui modi per attuare, non una rivoluzione, ma una trasformazione dei comportamenti. Naturalmente questo modo d’agire ha bisogno di mettere in rete le varie sensibilità presenti sul territorio e riuscire a dare all’elaborato di queste una struttura normativa e di conseguenza comportamentale”. La nota e arcinota storia della rete, della sinergia, della fusione delle energie positive del territorio. Ma De Santis fa di più, rivangando la possibilità di mettere in piedi un organo istituzionale di monitoraggiodel territorio. “A questo proposito, torno a due anni fa, quando su mia precisa richiesta si tenne un Consiglio Comunale su Legalità e Sicurezza, durante i lavori del quale fu approvata all’unanimità l’istituzione di una Consulta, non una sovrastruttura per burocratizzare l’azione comunale, ma un soggetto capace di produrre interventi coordinati tra le varie istituzioni e tra queste e le associazioni, e soprattutto un soggetto promotore di cultura della legalità in tutti gli ambiti educativi della Città”.

“Appariva ed oggi ancor più – chiosa – necessario implementare e sperimentare una visione fortemente innovativa delle problematiche della sicurezza urbana, declinando nuove politiche di governance dello spazio urbano, in grado di consentire il più ampio coinvolgimento delle Istituzioni, degli Enti pubblici e privati e della stessa cittadinanza in iniziative di prevenzione giovanile, sociale e situazionale della criminalità. Sarebbe stato un segno tangibile che la classe politica foggiana ha la maturità e le idee per restituire una speranza ai residenti, cominciando a lavorare per costruire un nuovo Cittadino ed una nuova idea di Città lontana da quel concentrato di paure e percezioni negative a cui è abituata”.

Redazione Stato, p.f.
riproduzione riservata

Foggia, problema sicurezza. De Santis (Sel): “Subito una Consulta” ultima modifica: 2012-01-03T17:11:26+00:00 da Piero Ferrante



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This