Edizione n° 5375

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

E se ci fosse un maremoto nell’ Adriatico?

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
3 Aprile 2011
Scienza e Tecnologia //

Fonte image : archivio Google
IL recente Tsunami verificatosi in Giappone ha inderogabilmente mostrato i limiti della civiltà umana. Un evento di proporzioni inimmaginabili. Un fenomeno imprevedibile nelle dimensioni, nella localizzazione e negli effetti. Ci si rende conto che ci sono ancora eventi naturali che l’uomo non è in grado di prevedere, né è capace di prevenirne i danni e le vittime. Ci siamo chiesti, allora, se uno Tsunami possa verificarsi anche nell’Adriatico. Il maremoto è causato da un terremoto e noi sappiamo bene che anche le nostre coste sono soggette a sismicità, certo non come nell’Oceano Pacifico.

Nell’Adriatico si possono registrare terremoti sino a magnitudo 7 contro l’ 8,9 del recente terremoto al largo della costa del Giappone, verificatosi a 24 km di profondità causando onde fino a 8 metri di altezza. Maremoti come quelli che si verificano nel Pacifico qui non sono possibili perchè l’Adriatico soprattutto nella parte centro-settentrionale arriva solo fino a 200 metri di profondità e la forza distruttiva di un maremoto non sarebbe paragonabile. “Tuttavia l’ Adriatico ha spiagge molto basse e se si verificasse un’onda anche solo di mezzo metro che avanza e poi si abbatte sulle spiagge, magari piene di bagnanti, può essere una tragedia “. Così ha recentemente dichiarato in un’ intervista, Stefano Tinti , Ordinario di Geofisica dell’Università di Bologna. Il punto è che riscopriamo oggi la necessità di studiare e monitorare anche il “nostro mare” non solo per l’eventualità che si verifichi un maremoto anche da noi (negli ultimi 500 anni sono stati circa 25 nell’Adriatico) ma per il ruolo enorme che esso ha sulla nostra civiltà e sul nostro ecosistema.

Esiste in Italia l’ ISMAR (Istituto di Scienze Marine) del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) che svolge ricerche in aree polari, oceaniche e mediterranee per studiare : l ’evoluzione degli oceani e dei margini continentali per definire l’attività di vulcani, faglie e frane sottomarine e gli scenari di impatto sulle coste; l’influenza dei cambiamenti climatici sulla circolazione oceanica; l’ acidificazione, i cicli bio-geochimici e la produttività dei mari; gli habitat e l’ecologia marina; il crescente inquinamento delle aree costiere e profonde; le risorse alieutiche per mantenerne lo sfruttamento entro limiti sostenibili e migliorare le pratiche di maricoltura e acquicoltura, nonché i fattori naturali e antropici che impattano economicamente e socialmente su coste e lagune dalla preistoria all’epoca industriale.

L’ISMAR ha sette Unità Organizzative di Supporto in Italia e fra queste l’UOS di Lesina la quale si occupa degli aspetti idrobiologici dei nostri ambienti salmastri e costieri studiando le comunità biotiche nel contesto fisico e chimico di sistemi confinati quali quelli vallivi o ad essi assimilabili. Altre ricerche riguardano il funzionamento degli ecosistemi lagunari di Lesina, Varano e della fascia costiera pugliese anche mediante il rilevamento di parametri ambientali. Gli studi ivi riguardano la biologia e l’ ecologia, la geochimica e sedimentologia lagunari e costiere. Per le aree costiere della Puglia settentrionale sono attivi importanti progetti di ricerca nazionali multidisciplinari con finanziamenti anche esterni. L’UOS di Lesina contribuisce quindi a salvaguardare il nostro territorio e non solo, divenendo una realtà da conoscere e far conoscere sempre meglio (www.ismar.cnr.it).

anton.mancini@libero.it

1 commenti su "E se ci fosse un maremoto nell’ Adriatico?"

  1. E’ meglio stare allertati anche perchè l’energia accumulata in alcuni punti dell’Italia soprattutto nel sud potrebbe scatenarsi con un violento terremoto. Certo si dice che la magnitudo massimo e 7. Ma attenzione a fare questa previsioni anche perchè gli studi sismici in molte aree italiane sono di epoche molto recenti e quindi non si può dire se ad esempio a Messina e Reggio Calabria e così come in altre zone del centro e del nord un sisma sarà superiore a quella di 7.

    Ricercatore in eventi sismici e vulcanologici.

Lascia un commento

Un politico pensa alle prossime elezioni, un uomo di stato alle prossime generazioni. (James Freeman Clarke)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.