AttualitàPolitica
Roberto Fico: “felice quando la Camera trova una sintesi”

“Revenge porn”: un reato punibile con il carcere

Approvato l’emendamento che punisce chi diffonde foto e video intimi su internet. Carcere e multe fino a 15 mila euro


Di:

Con 461 voti a favore e nessun contrario è arrivata l’intesa alla Camera sull’emendamento in materia di “revenge porn” , l’atto di veicolare immagini e video intimi senza “il permesso degli stessi”,  previsto nel ddl “Codice rosso”  – il disegno di legge contro la violenza di genere-. Carcere da 1 a 6 anni per la diffusione di “immagini sessualmente esplicite senza il consenso delle persone ritratte” e multe dai 5 mila ai 15 mila euro verso “chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, invia, consegna, cede, pubblica o diffonde immagini dal contenuto sessualmente esplicito, destinato a rimanere privato, senza il consenso delle persone interessate”. Punibile anche chi, dopo aver acquisito le immagini o i video “li invia, consegna, cede, pubblica e diffonde senza il consenso delle persone rappresentate per nuocerle”. La pena aumenta se il reato è commesso da un ex coniuge, fidanzato o persona con la quale si è intrattenuta una relazione affettiva. Secondo Mara Carfagna con l’introduzione del reato di revenge porn “ha prevalso la ragione” sottolineando come “se oggi abbiamo votato si, è solo grazie alla protesta delle opposizioni che giovedì hanno impedito che l’emendamento venisse respinto”. Si è percorsa una strada lunga è tortuosa per arrivare a rendere questo fenomeno aberrante una legge punibile. Avere tutela  giuridica specifica in materia di porno vendetta è fondamentale anche per riuscire a stabilire chi è la vittima e chi è il colpevole, evitando, in questo modo, di accendere i riflettori solo sulla colpevolizzazione di chi subisce queste cose, anche perché, che nei casi peggiori,  potrebbero portare a delle vere e proprie tragedie come quella più volte citata di Tiziana Cantone che nel 2016 si tolse la vita, distrutta emotivamente e psicologicamente  dalla gogna mediatica e dalla macchina del fango infernale che la travolse, a seguito della diffusione virale di video che la ritraevano in atteggiamenti intimi. Anche la mamma di Tiziana, ieri, dopo aver appreso che l’emendamento era stato approvato, ha dichiarato che per la dignità della figlia era un giorno speciale.

A cura di Francescapaola Iannaccone

“Revenge porn”: un reato punibile con il carcere ultima modifica: 2019-04-03T18:18:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This