FoggiaScuola e Giovani
Il Ministro: «Siete una realtà vitale e determinata, un onore essere qui»

Università Foggia: in 20 anni laureati 22.782 studenti


Di:

Questa Università conferma che esiste un Sud dinamico e capace, e che su questa energia positiva bisognerà investire per invertire la rotta. Per me non è un piacere, ma un onore essere qui oggi. Auguro all’Università di Foggia lunga vita, perché è indispensabile che le università rivestano un ruolo decisivo nel rilancio del Paese; ma soprattutto perché sta dimostrando di meritarla».

Basterebbero alcune cifre, l’analisi di alcuni indicatori socio-economici, per illustrare in modo inconfutabile cos’è stata (fino ad ora) e cosa si appresta ad essere (da adesso in avanti) l’Università per Foggia e la Capitanata. Come ne ha cambiato la storia.

Ad esempio si potrebbe cominciare dall’inizio, dal riconoscimento dell’autonomia (5 agosto 1999) e dalla constatazione di come, da quel giorno, l’Università di Foggia abbia laureato 22.782 studenti. O se si preferisce dai 6 Dipartimenti (Scienze agrarie, degli alimenti e dell’ambiente; Giurisprudenza; Economia; Studi umanistici. Lettere, Beni culturali, Scienze della formazione; Medicina clinica e sperimentale; Scienze mediche e chirurgiche) che attualmente ospitano i 38 corsi di laurea che compongono l’intera offerta formativa, per un totale di poco superiore ai 10.000 studenti provenienti da 13 regioni italiane (gli stranieri che al momento studiano all’Università di Foggia sono quasi 400). Ed ancora dai 341 Docenti e dalle 320 unità di personale TecnicoAmministrativo, quindi dai 3 Rettori che si sono succeduti alla guida dell’Ateneo: il prof. emerito Antonio Muscio (1999-2008); il prof. Giuliano Volpe (2008-2013); l’attuale Rettore prof. Maurizio Ricci (eletto nel 2013, resterà in carica fino al 31 ottobre 2019).

Ogni anno l’Università di Foggia organizza circa 250 tra congressi, convegni, dibattiti e giornate studio, occasioni di crescita e confronto per il territorio, facendo in modo che la cosiddetta “economia dell’indotto congressuale” lasci tra Foggia e la Capitanata ingenti risorse non soltanto materiali. E poi competenze, saperi, conoscenze, ricerca scientifica, innovazione tecnologica, scambio di docenti e studenti, una rinnovata vita culturale e accademica della città.

L’Università di Foggia, che da anni si attesta tra gli Atenei migliori del Mezzogiorno, rappresenta «una realtà di permanenza e non più di transito, una tappa di affermazione e non di partenza», come ricordato dal Rettore, prof. Maurizio Ricci, durante il suo intervento. Basterebbero questi pochi dati, sommati alla non trascurabile considerazione che colloca l’Università di Foggia tra gli enti culturali regionali col maggior bilancio (circa 80.000.000 di volume di affari), per restituire un’idea di come UniFg sia riuscita a cambiare la storia di una città e di una provincia che adesso appaiono semplicemente inimmaginabili senza di essa. «Un’Università – ha scandito il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, prof. Marco Bussetti, durante il suo intervento alla cerimonia inaugurale del ventesimo anno accademico – che conferma come esista un Sud dinamico e capace, e che su questa energia positiva bisognerà investire per invertire la rotta. Ho trovato una realtà vitale e determinata, una Università che vuol far valere il proprio talento ma anche le proprie attitudini. Non è un semplice piacere, per me essere qui oggi. Ma un onore. E lo dico con grande rispetto per le autorità presenti, per gli altri Rettori e per tutti gli Studenti e Docenti che sono intervenuti. Un onore che mi gratifica, come Ministro ma anche come uomo. Auguro all’Università di Foggia lunga vita, perché è indispensabile che le università rivestano un ruolo decisivo nel rilancio del Paese; ma soprattutto perché sta dimostrando di meritarla». Apprezzamenti che il Ministro ha espresso alla presenza di molti di Rettori, provenienti da diverse Università del Mezzogiorno ma non soltanto, e di una folta platea composta da autorità civili e militari, amministratori pubblici, imprenditori, esponenti delle associazioni di categoria, docenti e personale tecnico-amministrativo, nonché alla presenza del Rettore dell’Università di Napoli Federico II, prof. Gaetano Manfredi (che è anche presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane). «Illustre Ministro – ha esordito in apertura di scaletta il Rettore dell’Università di Foggia, prof. Maurizio Ricci, alla sua ultima inaugurazione – la ringrazio per aver accettato l’invito ed essere qui gradito ospite, in occasione del ventesimo anno di autonomia dell’Università di Foggia. Apro la relazione riprendendo le parole con cui, nel 1985, Italo Calvino aveva pensato di introdurre le sue sei Lezioni americane presso l’Università di Harvard: “Cominciare una conferenza […] è un momento cruciale […]. È il momento della scelta: ci è offerta la possibilità di dire tutto, in tutti i modi possibili; e dobbiamo arrivare a dire una cosa, in un modo particolare». Un’inaugurazione che si è inevitabilmente tradotta nel bilancio di questi sei anni di mandato da Rettore del prof. Maurizio Ricci, che al termine dell’intervento ha dedicato «tutto questo tempo e l’intera esperienza» trascorsi alla guida dell’Ateneo «alle Studentesse e agli Studenti dell’Università di Foggia, a voi va tutto il mio mandato».

Il Rettore si è anche soffermato sul contesto socio-economico in cui opera l’Università di Foggia, e sulla necessità di riconsiderare procedure e criteri attraverso cui il M.I.U.R. provvede all’assegnazione del Fondo di Finanziamento Ordinario suddividendolo tra tutte le Università d’Italia. «Particolarmente apprezzata per la qualità della ricerca scientifica, l’Università di Foggia si è distinta in questi primi venti anni soprattutto per la capacità di saper leggere il tempo, assumendo – seppure in un territorio in cui la disoccupazione media si attesta intorno al 35/40% – il ruolo di attore principale per lo sviluppo della Capitanata. Intuizioni innovative del concetto di Università (come le Borse di studio personalizzate, per cui UniFg è prima in Italia; la Doppia-Carriera concessa agli studenti che praticano sport a livello agonistico; il Festival della Ricerca e dell’Innovazione Tecnologica, tra i più significativi esempi di Terza Missione su tutto il territorio nazionale; il Salone del Lavoro e della Creatività, unico hub del Mezzogiorno che mette in relazione domanda e offerta di lavoro) hanno portato questo Ateneo a rappresentare una sorta di modello, nonostante la sua giovanissima età». Una sollecitazione raccolta dal Ministro, prof. Marco Bussetti, che ha promesso «di tenere in maggiore considerazione le istanze delle Università del Mezzogiorno, soprattutto quando rappresentano condizioni particolarmente disagiate come nel Foggiano e nel Napoletano». Anche il Rettore dell’Università di Napoli Federico II, prof. Gaetano Manfredi, nell’auspicare «un veloce ritorno agli investimenti nelle università, dopo anni di continui tagli senza criterio che hanno causato drammatiche conseguenze», ha aggiunto che «sarebbe ora che Governo e M.I.U.R. si accorgessero delle legittime istanze del Sud e delle sue Università, che in alcuni casi rappresentano l’ultimo avamposto per impedire alle nuove generazioni di emigrare, nel tentativo di costruirsi un futuro altrove o addirittura all’estero». Infine l’ideale consegna del Rettore dell’Università di Foggia, prof. Maurizio

Ricci, al suo successore e soprattutto a Studenti, Docenti e personale Tecnico-Amministrativo presenti alle cerimonia di questa mattina, celebrata come consuetudine nell’aula magna “Valeria Spada” presso il Dipartimento di Economia. «Lascio un’Università in buona salute, con il bilancio in ordine e una condizione economico-finanziaria finalmente in sicurezza. Lascio un’Università che si appresta a tagliare il traguardo dei suoi primi venti anni, pensando già a come dovrà essere quelle dei futuri venti». Molto significativi anche gli interventi di Antonio Pellicano (presidente del Consiglio degli Studenti dell’Università di Foggia) e di Donato Gentile (in rappresentanza del personale Tecnico-Amministrativo). Antonio Pellicano ha elogiato «gli sforzi compiuti dall’Università di Foggia nel tentativo di migliorare le strutture a disposizione degli studenti, mettendo finalmente mano anche a situazioni che chiedevamo di essere risolte ormai da molto tempo. Tuttavia – ha aggiunto Pellicano – molto altro si deve e si può ancora fare, per favorire le migliori condizioni di civiltà, legalità e sicurezza all’interno dei Dipartimenti, che vivono il dramma del continuo saccheggio da parte di vandali che si introducono nelle nostre strutture devastandole e rendendole inagibili». Donato Gentile, invece, nel suo intervento ha fatto appello, tra le altre cose, all’importanza «del personale Tecnico-Amministrativo all’interno delle Università, importante componente di una struttura che altrimenti non potrebbe funzionare adeguatamente; anche se il riconoscimento dei meriti e delle responsabilità della categoria, riteniamo che non corrisponda al trattamento economico che tutti sentiamo di meritare (in riferimento all’auspicato adeguamento del Contratto collettivo nazionale di categoria, NdR)».

Università Foggia: in 20 anni laureati 22.782 studenti ultima modifica: 2019-04-03T17:46:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • antonio

    la maggioranza sono disoccupati. Non vi iscrivete perchè non avrete nessuno sbocco lavorativo. Non fate sacrifici sui libri. 23000 laureati la dice tutta. Godetevi la vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This