Edizione n° 5343

BALLON D'ESSAI

CHEF // «Innamoratevi di questo mestiere», dalla Puglia l’appello ai giovani chef di tutt’Italia
20 Maggio 2024 - ore  15:19

CALEMBOUR

ESTATE // Trenitalia, al via il Frecciarossa notturno Milano-Lecce
20 Maggio 2024 - ore  15:26

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

MAFIA Foggia, agguato al boss Sinesi: il pentito Francavilla smonta la versione di 4 collaboratori di giustizia

Il pentito Francavilla smonta la versione di 4 collaboratori di giustizia che accusano Albanese e chiama in causa due "cadaveri eccellenti": Romito e Ricucci

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
3 Aprile 2024
Cronaca // Foggia //

FOGGIA – L’ultimo pentito della “Società”, il boss Giuseppe Francavilla “scagiona” Giuseppe Albanese e sostiene d’aver saputo che non era lui uno dei killer che il 6 settembre 2016 al rione Candelaro cercarono di uccidere il capo clan Roberto Sinesi mentre era in auto con la figlia Elisabetta Sinesi e il nipotino di 4 anni: il mafioso e il bambino rimasero feriti.

Albanese, 43 anni, detto “Prnion”, detenuto da novembre 2018 anche per altre vicende, è sotto processo dal 4 luglio 2023 in Tribunale a Foggia per il triplice tentato omicidio aggravato dalla mafiosità collegato alla guerra del 2015/2016 tra il clan Moretti/Pellegrino/Lanza e i rivali Sinesi/Francavilla che in 13 mesi contò 10 agguati con 3 morti e 11 feriti/scampati.

A dire del pentito, il boss Rocco Moretti in un incontro faccia a faccia poco prima di Pasqua 2017 rivendicò la paternità dell’agguato al proprio gruppo, motivandolo come vendetta per il ferimento di Vito Bruno Lanza del 17 ottobre 2015 attribuito a Roberto Sinesi; sarebbe stato invece il garganico Pietro La Torre del clan Lombardi/Ricucci/La Torre (ex gruppo Romito) a confidargli in carcere nel 2022 che a sparare a Sinesi erano stati il foggiano Massimo Perdonò (non imputato); e i manfredoniani Mario Luciano Romito, poi assassinato nella strage di mafia garganica con 4 morti del 9 agosto 2017; e Pasquale Ricucci, alias “Fic secc”, ucciso a Macchia l’11 novembre 2019.

4 pentiti contro – A accusare Albanese del triplice tentato omicidio (tre o 4 killer da una “Fiat 500” rossa spararono con mitra e pistola contro Sinesi che era in auto con figlia e nipotino, il boss si salvò rispondendo al fuoco e mettendo in fuga i sicari) sono 4 pentiti: il foggiano Carlo Verderosa; l’ex boss di Altamura Pietro Antonio Nuzzi; il sammarchese Patrizio Villani già interrogati nel processo; e il brindisino Andrea Romano (nell’articolo a fianco le loro dichiarazioni ndr).

Giuseppe Francavilla, 45 anni, esponente di primissimo piano dell’omonimo clan, collabora con la Giustizia dal 31 gennaio: sconta 12 anni per mafia e estorsione nel processo “Decimazione”, è in attesa di giudizio in “Game over” per traffico e spaccio di cocaina. Le dichiarazioni di Francavilla rese al pm della Dda Bruna Manganelli il 19 febbraio sono state depositate dal pm nel processo a Albanese a disposizione del difensore, l’avv. Francesco Santangelo che chiederà di sentire i pentito o d’intesa con la Dda di acquisire il verbale d’interrogatorio.

“Siamo stati noi…” – “Qualche giorno prima di Pasqua 2017 ebbi un incontro con Rocco Moretti” il racconto di Giuseppe Francavilla: “eravamo io, mio fratello Ciro” (pentitosi a dicembre scorso), “Moretti, Rodolfo Bruno” (cassiere del clan Moretti ucciso il 15 novembre 2018) “Massimo Perdonò e Franco Tizzano. Ci incontrammo in un deposito sulla circumvallazione, l’incontro lo chiese a me Moretti.

Roberto Sinesi non era presente perché detenuto.

La prima cosa che disse Rocco Moretti fu: ‘chiedo scusa per il fatto del bambino’ che non era stato visto da chi ha dato il via; aggiunse che la responsabilità era sua e non delle persone presenti in quella riunione. Aggiunse: ‘lui’” (riferito a Roberto Sinesi) ‘è stato l’autore dell’agguato a Bruno Lanza’” (per il quale furono arrestati e condannati due foggiani, tra cui un nipote di Sinesi) “’e adesso noi abbiamo fatto questo, quindi abbiamo pareggiato i conti. Lui non è morto, Lanza non è morto, aspettiamo che esce’” (Sinesi) ”’, poi se vuole chiudere chiudiamo, altrimenti andiamo avanti’”.

“Albanese non c’entra“ – A parlare a Giuseppe Francavilla di esecutori e dinamica dell’agguato fallito a Sinesi sarebbe stato invece “Pietro La Torre che fa parte del gruppo Lombardi/Ricucci, ex gruppo Romito.

Nel 2022/2023 eravamo in carcere a Vicenza. La Torre non appartiene a un gruppo vicino al mio” (gli ex Romito sono alleati su Foggia con i Moretti; mentre i loro rivali Libergolis sono alleati dei Sinesi/Francavilla) “però in carcere si instaurò un rapporto tra noi. Mi fece la confidenza che a sparare a Sinesi, per quanto gli fu riferito dal cognato Pasquale Ricucci, erano stati Ricucci stesso poi ucciso nel 2019; Mario Luciano Romito, che voleva morto Sinesi perché diceva che era una persona che mette zizzania, fa fare delle cose e poi lui si tira dietro; e Massimo Perdonò, di cui però Rocco Moretti aveva escluso il coinvolgimento. Ricucci imprecava per il fatto del bambino e disse: ‘Sinesi non è morto perché c’era il bambino’. La Torre categoricamente disse che Albanese non c’era nell’azione, ma tutti avevano in bocca il nome di Albanese”.

La vendetta dei Sinesi – Il 29 ottobre 2016 il clan Sinesi/Francavilla per vendicare il ferimento del boss e del bambino decise di uccidere Albanese mentre si trovava all’interno del bar “H 24” di via San Severo.

Vi fecero irruzione due killer con fucile e pistola ammazzando Roberto Tizzano, ferendo Roberto Bruno, parenti di esponenti del clan Moretti/Pellegrino/Lanza, mentre Albanese si salvò rifugiandosi nel bar. Condannati Francesco Sinesi, figlio di Roberto quale mandante; e Patrizio Villani, poi pentitosi a maggio 2022 quale esecutore. A dire di Francavilla “Francesco Sinesi sospettava del coinvolgimento di Albanese nell’azione omicidiaria del padre e decise di attentare alla sua vita. Contro Tizzano e Bruno non c’era nulla di concreto che li collegasse al ferimento di Sinesi; sospettavamo che Tizzano avesse potuto fare da bacchetta, cioè da osservatore ma senza alcuna certezza. L’agguato nel bar lo organizzò autonomamente Francesco Sinesi: disse che doveva dare una risposta”.

Fonti verificate: GAZZETTADELMEZZOGIORNO //

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.