Edizione n° 5339

BALLON D'ESSAI

AL VOTO  // Sostenibilità a tutto tondo. L’idea di paese per Filippo Barbano
17 Maggio 2024 - ore  15:14

CALEMBOUR

MATTINATA // Gianfranco Prencipe assolto da ricettazione targhe di nazionalità tedesca. Virale dopo videoclip
15 Maggio 2024 - ore  11:07

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

RUSSIA Grano recupera a Foggia altri 10 euro a tonnellata, Coldiretti chiede dazi per frumento russo

La nave russa la Pola Pelagia sta scaricando grano al porto di Bari

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
3 Aprile 2024
Economia // Foggia //

FOGGIA – Guadagna ancora quota il grano duro alla borsa merci di Foggia che recupera altri 10 euro a tonnellata, raggiungendo 345 euro a tonnellata, con la presentazione di contratti che hanno invertito la rotta, facendo recuperare terreno ai prezzi del frumento pugliese.

A darne notizia è Coldiretti Puglia, che chiede alla filiera cerealicola una assunzione di responsabilità per la tutela del grano made in Italy, in relazione all’ennesima nave russa la Pola Pelagia che sta scaricando grano al porto di Bari, una vera e propria invasione mai registrata prima della storia con quasi mezzo milione di tonnellate nel 2023, più del 1000% in più rispetto all’anno precedente, con un effetto dirompente sui prezzi pagati agli agricoltori pugliesi a causa di speculazioni e concorrenza sleale

La proposta della Ue di imporre dazi sul grano di Putin si tradurrebbe in una “stangata” da oltre 40 milioni di euro di dazi aggiuntivi sulle importazioni di prodotto dalla Russia e risponde alle richieste di Coldiretti di tutelare i produttori colpiti dal drammatico crollo delle quotazioni causate dall’invasione selvaggia di prodotto straniero. L’idea della Commissione di imporre dazi – afferma Coldiretti – è un primo passo verso uno stop deciso alle importazioni sleali, al quale devono essere aggiunte più risorse per i contratti di filiera del grano. Con le quotazioni scese ampiamente al di sotto dei costi di produzione, a rischio è la sopravvivenza di 38mila aziende agricole in Puglia, il Granaio d’Italia, e la sovranità alimentare del Paese con l’aumento della dipendenza dall’estero.

Sotto accusa ci sono gli accordi gli accordi di libero scambio europei – incalza Coldiretti Puglia – per cui vanno fermate le importazioni sleali, introducendo con decisione il principio di reciprocità per fare in modo che tutti i prodotti che entrano nell’Unione rispettino gli stessi standard dal punto di vista ambientale, sanitario e del rispetto delle norme sul lavoro previsti nel mercato interno, poiché è intollerabile la concorrenza sleale che mette a rischio la salute dei cittadini e la sopravvivenza delle imprese agricole. Ad aumentare sono anche gli arrivi dalla Turchia sulla quale grava peraltro il sospetto di triangolazioni dalla Russia.

Per quanto riguarda l’accordo raggiunto tra Commissione, Consiglio e Parlamento, che non comprende il grano tra i prodotti oggetto del meccanismo di salvaguardia automatico che consente la reintroduzione di contingenti tariffari quando l’import di alcune produzioni supera un certo limite, se da un lato è doveroso fornire il giusto supporto all’Ucraina – dice Coldiretti – dall’altro l’estensione del meccanismo a settori strategici del nostro Made in italy come il grano avrebbe posto un freno alle consistenti esportazioni di cereali verso l’Ue che hanno contribuito ad alimentare le preoccupazioni sui prezzi, creando delle distorsioni all’interno del mercato europeo, in particolare per quello agricolo. Noi abbiamo proposto dei magazzini europei per i cereali ucraini come possibile soluzione.

1 commenti su "Grano recupera a Foggia altri 10 euro a tonnellata, Coldiretti chiede dazi per frumento russo"

  1. Siamo ai primi di Aprile e i cereali in campo in quasi tutti gli areali di pianura della Capitanata e del nord della Basilicata evidenziano i sintomi della grave siccita`che sta colpendo tutta Europa e non solo, L’africa brucia, il centro America lo stesso, il Canada non ride e le previsioni a medio termine non evidenziano piogge significative in grado di ribaltare la situazione. Speriamo di no ma per noi si profila una produzione tra le piu`basse di sempre anche in considerazione del 20% di riduzione delle superfici seminate e i lobbisti ci fanno l’elemosina. Del grano che arriva dall’Est meglio non parlarne puzza di sangue e polvere da sparo e l’industria vende schifezza per eccellenza. Il grano al glifosato, anche con percentuali nei termini di legge, non dovremmo nemmeno considerarlo. E`di oggi la notizia che un inchiesta studio sostenuta fortemente dal “Paris” ha dimostrato che i risultati di analisi sulla pericolosita`del glifosato presi in considerazione dall’Europa per concedere la ormai famosa decennale proroga per l’uso erano monchi. Speriamo in risvolti giudiziari appropriati nei confronti dei falsari🤔. I dazi europei arriveranno quando l’Est avra`finito di svuotare i granai. Difendiamo con i denti il prodotto Italiano tutti uniti, vinciamo la diffidenza che serpeggia nel mondo agricolo dei produttori e una questione di sopravvivenza,buonanotte

Lascia un commento

Non ci resta tanto tempo. Il sogno non diventa realtà da solo: bisogna corrergli dietro. (Carlito’s Way)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.