Edizione n° 5373

BALLON D'ESSAI

TURISMO // Erling Haaland al Gino Lisa, ha scelto il Gargano per le sue vacanze
20 Giugno 2024 - ore  14:42

CALEMBOUR

"GIU' LE MANI" // Manfredonia. “Giù le mani”, tutto sull’inchiesta. Avviso conclusione indagini per 10 (NOMI)
19 Giugno 2024 - ore  21:35

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

PISICCHIO Arresti a Bari, Alfonso ed Enzo Pisicchio restano ai domiciliari

Il Riesame ha rigettato la richiesta delle difese

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
3 Maggio 2024
Cronaca // Politica //

Il tribunale del Riesame di Bari ha rigettato la richiesta di annullamento della misura degli arresti domiciliari per Alfonsino ed Enzo Pisicchio.

L’ex assessore della Regione Puglia e suo fratello sono stati arrestati lo scorso 10 aprile. Il primo risponde di concorso in corruzione e turbativa d’asta, il secondo è accusato di concorso in corruzione, turbativa d’asta ed emissione di fatture per operazione inesistenti.

La notizia anticipata dalla Gazzetta del mezzogiorno, è stata conferma all’ANSA. Le motivazioni saranno rese note entro 45 giorni. Alfonsino Pisicchio, difeso dall’avvocato Salvatore D’Aluiso, aveva discusso l’istanza al Riesame nei giorni scorsi.

Suo fratello Enzo, difeso dai legali Francesco Paolo Sisto (omonimo del viceministro della Giustizia) e Vito Mormando, aveva discusso ieri, chiedendo ai giudici l’annullamento della misura cautelare per la mancanza dell’esigenza cautelare del pericolo di reiterazione del reato sia perché i fatti risalgono a oltre quattro anni fa sia perché oggi Enzo Pisicchio non ricopre più alcun incarico politico e non ha rapporti con la Pubblica amministrazione.

La Procura si era opposta chiedendo invece il mantenimento della misura cautelare e riaffermando l’esistenza del pericolo di reiterazione.

Lo riporta l’ANSA

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.