Edizione n° 5373

BALLON D'ESSAI

TURISMO // Erling Haaland al Gino Lisa, ha scelto il Gargano per le sue vacanze
20 Giugno 2024 - ore  14:42

CALEMBOUR

"GIU' LE MANI" // Manfredonia. “Giù le mani”, tutto sull’inchiesta. Avviso conclusione indagini per 10 (NOMI)
19 Giugno 2024 - ore  21:35

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

AGGRESSIONE Asti: migrante diciottenne muore dopo aggressione a colpi di catene

Aggredito a bastonate e con una catena, ucciso per un banale litigio.

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
3 Maggio 2024
Cronaca // Prima pagina //

Aggredito a bastonate e con una catena. Ucciso per un banale litigio.

Manneh Nafugi, 18 anni, era arrivato dal Gambia e aveva richiesto asilo, come rifugiato, nel nostro Paese, ma è morto in un letto d’ospedale, mai risvegliato dal coma in cui era finito dopo essere stato picchiato selvaggiamente, martedì 30 aprile, in una piazza di Canelli, una cittadina di diecimila abitanti in provincia di Asti. Uno dei suoi presunti assassini è anche lui un migrante, un 34enne di origini pakistane.

Secondo i carabinieri, non solo faceva parte del gruppo di aggressori formato da non più di cinque persone, ma sarebbe stato lui a colpirlo al volto con una catena, di quelle utilizzate per legare le biciclette. Un altro pakistano è indagato per ora a piede libero.

Erano le circa le 18 di martedì quando nel centro di Canelli, considerata la patria dello spumante italiano, in piazza Carlo Gancia, Manneh, che si trovava con altri suoi connazionali, ha incrociato il gruppo degli asiatici. Davanti agli occhi dei passanti è scoppiata una violenta rissa. Prima è volato qualche insulto, poi alcune spinte, infine, in un crescendo di violenza sono spuntati i bastoni e la catena.

Manneh Nafugi ha cercato di difendersi con tutte le forze, ma è stato sopraffatto dal numero di aggressori e dai colpi ricevuti. E’ crollato a terra, privo di sensi. Mentre i suoi aggressori fuggivano, il diciottenne è stato subito soccorso e trasportato all’ospedale di Alessandria, dove è morto questa mattina. “Ci hanno seguiti, ci urlavano: ‘Adesso vi abbiamo trovato. Poi gridavano nella loro lingua – ha raccontato uno degli amici della vittima presente durante l’aggressione – Poi è arrivato quel ragazzo pakistano a bordo di una bici. Erano in tre, abbiamo cercato di separarli. Ma un certo punto il pakistano ha preso la catena, ‘Ti ammazzo’ ha detto. Abbiamo cercato di togliere dalle mani quella catena, ma non ci siamo riusciti”.

Le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona hanno ripreso tutta la scena. Gli inquirenti le hanno acquisite dal circuito video del Comune quando ancora Manneh era in vita e quando si indagava per lesioni gravi e non per omicidio. Sono importanti per ricostruire, insieme alle testimonianze di chi era in piazza per una passeggiata o per l’aperitivo, l’intera tragedia.

E’ stato identificato e fermato il 34enne, che ora si trova nel carcere di Quarto d’Asti, dove gli è stato notificato il cambio di reato di cui è accusato. Un suo connazionale 24enne è stato denunciato per rissa aggravata. Tutti gli stranieri coinvolti nella rissa vivono insieme, ospiti nel Centro di accoglienza straordinaria di Cassinasco, sulle colline che fanno da cornice a Canelli.

Secondo gli investigatori la rissa ha avuto origine proprio dal Cas, all’interno del quale c’erano già stati di litigi tra la vittima e il gruppo di pakistani. Dissapori nati, a quanto si apprende, alcuni giorni fa e riguardanti la gestione della cucina del centro di accoglienza. I militari dell’Arma stanno eseguendo ulteriori approfondimenti, interrogando gli altri ospiti.

Lo riporta Ansa.it

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.