Edizione n° 5368

BALLON D'ESSAI

LATINA // Johnson & Johnson investe 580 milioni di euro in Italia
14 Giugno 2024 - ore  17:12

CALEMBOUR

FRANCOFORTE // “Oltre 320 persone da assumere nelle imprese della Bat e altre 1000 su Bari e Foggia”
14 Giugno 2024 - ore  17:21

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

Mafia del Gargano, condanne definitive per 6 viestani e 1 manfredoniano

AUTORE:
Redazione
PUBBLICATO IL:
3 Giugno 2023
Gargano // Manfredonia //

FOGGIA – Dichiarati inammissibili dalla Corte di Cassazione i ricorsi dei 7 imputati, sono diventate definitive le condanne a complessivi 86 anni e 9 mesi, con pene da 8 a 20 anni, nei confronti di 6 viestani e 1 manfredoniano coinvolti nel processo “Agosto di fuoco” perché accusati a vario titolo di traffico di droga aggravato dalla mafiosità, 7 episodi di spaccio di cocaina e marijuana, 3 di detenzione illegale di fucili e pistole per fatti avvenuti nel 2018 sul Gargano.

 

 

La terza sezione penale della Suprema corte ha confermato il verdetto pronunciato dalla corte d’appello di Bari il 4 febbraio 2022, che aveva in in gran parte ribadito la sentenza di primo grado del giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Bari emessa il 16 giugno 2020 con rito abbreviato quando furono comminati complessivi 91 anni, 5 mesi e 10 giorni di reclusione.

 

Definitive quindi le condanne a 20 anni a testa per i cugini Claudio e Giovanni Iannoli, viestani rispettivamente di 47 e 37 anni, ritenuti al vertice del clan Perna/Iannoli coinvolto nella guerra di mafia con i rivali del gruppo Perna che da gennaio 2015 ad agosto 2022 ha contato 10 morti ammazzati, 1 lupara bianca e 6 agguati falliti in una delle tante e cruente guerre tra i pericolosi clan mafiosi del promontorio del Gargano.

 

 

Inflitti 10 anni e 8 mesi al viestano Raffaele Giorgio Prencipe, 39 anni; 8 anni e 8 mesi al compaesano Giuseppe Stramacchia, 37 anni; 11 anni, 5 mesi e 10 giorni a Carmine Romano, 53 anni, anche lui di Vieste; 8 anni a Stefan Cealicu, 57 anni, romeno domiciliato nel centro garganico. Stessa pena, 8 anni, inflitta a Gaetano Renegaldo, 44 anni di Manfredonia.

 

Lo riporta la Gazzetta del Mezzogiorno.

Lascia un commento

“Il politico diventa uomo di stato quando inizia a pensare alle prossime generazioni invece che alle prossime elezioni.” SIR WINSTON CHURCHILL

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.