Scuola e Giovani

Università, test ammissione, ricorso collettivo Codacons


Di:

Università Foggia, esterno (st)

Bari – MENTRE partono oggi in tutta Italia i test di ammissione alle università, il Codacons lancia attraverso il proprio sito internet un importante ricorso collettivo al Tar del Lazio contro il numero chiuso per le facoltà di medicina e odontoiatria.

Il sistema del numero chiuso presenta diversi profili di illegittimità e danneggia in modo evidente gli studenti – spiega l’associazione – Quest’anno gli iscritti al test di medicina e odontoiatria sono 84.165, circa 15mila in più dell’ anno scorso, mentre i posti a disposizione sono appena 10.157. Ciò significa che solo un candidato su otto potrà proseguire il percorso di studi.

Ma i test universitari che gli studenti dovranno affrontare appaiono chiaramente illegali. “La legge che regola il numero chiuso non consente gli astrusi quiz di logica, il cui numero peraltro quest’anno è stato aumentato (ben 25 su 60) – afferma il Presidente Carlo Rienzi – La procedura prevista dalla legge per la determinazione dei posti disponibili per medicina e odontoiatria è anch’essa illegittima, perché viola le direttive comunitarie (come segnalato dall’Antitrust già nel 2009), laddove prevede che tali posti debbano essere determinati non solo con riferimento all’offerta formativa, ma anche in relazione al presunto fabbisogno di medici”.

Ma alla base del ricorso collettivo promosso dal Codacons al Tar del Lazio emergono anche altre criticità e violazioni delle norme vigenti. L’Antitrust ha infatti sollevato la questione dell’ammissione degli ordini dei medici al tavolo tecnico incaricato di stabilire il numero di posti disponibili, poiché, in quanto “rappresentativo soltanto dei professionisti già attivi nel mercato, potrebbe essere intrinsecamente portatore di interessi confliggenti con l’ampliamento del numero dei posti”.

Già da oggi – prosegue l’associazione – gli studenti possono aderire al ricorso collettivo promosso dal Codacons al Tar, finalizzato a garantire il diritto allo studio degli aspiranti medici e odontoiatri e far dichiarare illegittimo il sistema del numero chiuso che, così come realizzato nelle università italiane, non risponde ai criteri di legge e appare contrario alle norme della Costituzione e a quelle dell’Unione Europea.

Redazione Stato

Università, test ammissione, ricorso collettivo Codacons ultima modifica: 2013-09-03T21:02:54+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • micol

    Finalmente qualcosa di sensato….tutti dovremmo avere il diritto allo studio e purtroppo non e’ cosi. Io e’ il terzo anno che provo odontoiatria e prof sanitarie e sono ancora qui senza un futuro. Il test nn serve a niente ci sono domande che solo tramite uno percorso di studio piu’ approfondito tipo l ‘universita ti permette di rispondere. Il mio fututro da medico di certo non dipendera’ dalla mia conoscenza di chi ha vinto un premio nobel o sulla comprensione di un testo! Io voglio studiare voglio raggiungere il mio sogno il mio abbiettivo che ho sempre avuto e disiderato con il mio papa da quando avevo 8 anni…!!!! Basta numero chiuso o posti cosi limitati ma non capite che ci sono un sacco di giovani ragazzi che ci vogliono provare??? Che lo vogliate o no noi giovani siamo il futuro non lasciateci a casa…


  • ursula

    non sono rientrata nel test servizi sociali roma tre,non e giusto il diritto allo studio e di tutti e poi l anonimato dove era? con etichette nome e cognome si posso cambiare i risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This