Edizione n° 5378

BALLON D'ESSAI

PRIMA DONNA // Lidya Colangelo: “Grazie San Severo, sono grata a tutti voi”
25 Giugno 2024 - ore  17:54

CALEMBOUR

FRODE // Cpr Milano: chiesto il processo per 2 persone e una società
25 Giugno 2024 - ore  17:18

Iscriviti al canale Whatsapp

Foggia

Manfredonia

Cronaca

Politica

Sport

Eventi

San Severo

Cerignola

TUTTI I VOTI. Settima di A. Napoli, Bologna e Viola: ecco un 10

AUTORE:
Paolo Ottavio Moneta
PUBBLICATO IL:
3 Ottobre 2023
Manfredonia // Sport //

Termina la 7° giornata di Serie A e noi, nel nostro rotocalco settimanale, diamo i voti ad ogni squadra: andiamo ad esporre chi secondo noi è promosso e chi bocciato nelle pagelle della 7° giornata.

Le pagelle della 7° giornata: Inter bocciata, da rivedere il Torino

Partiamo dalla capolista Inter (4) a cui diamo un voto basso contro una Salernitana (2) che fa quel che può.

I nerazzurri la vincono solo grazie al poker di Lautaro, subentrato nel secondo tempo, ma fin lì davano la sensazione di non essere in controllo del match. Una grossa regressione nel gioco per i neroazzurri, apparsi poco lucidi. Discreta la partita della Salernitana prima che entrasse Lautaro, disastrosa all’ingresso in campo dell’argentino. Sousa deve trovare una quadra sia in difesa sia nuove soluzioni offensive, altrimenti il rischio è altissimo.

Vince e convince il Milan (10) che batte senza patemi d’animo una Lazio (3) sempre più mistero di questo campionato.

I rossoneri passano grazie ai gol del mercato: Pulisic ed Okafor. Se il primo tempo è stato più o meno equilibrato, senza grossi sussulti, lo stesso non si può dire nel secondo dove i rossoneri hanno schiacciato la Lazio nella propria metà campo. I biancocelesti non hanno mai reagito e sono sembrati totalmente in confusione: Sarri farebbe bene a prendere le giuste contromisure a questo momento no, anzichè lamentarsi del calendario troppo fitto.

Si riprende il terzo posto il Napoli (10) con una prova avvincente e convincente contro il Lecce (2), una squadra totalmente scarica e disarmata.

Nonostante Osimhen sia partito dalla panchina, gli uomini di Garcia hanno espresso un bel gioco corale ed hanno aperto le marcature con Ostigard. Osimhen, poi, entrerà nel secondo tempo e farà ancora una volta la differenza. Per i salentini un passo indietro rispetto alla precedenti prestazioni, con un attacco totalmente sterile e spento e con un centrocampo in totale confusione.

Un punto tutto guadagnato per la Juventus (4) al termine di una prestazione più che opaca contro una buona Atalanta (6).

Chi può recriminare nella partita sono sicuramente gli orobici, più in palla e andati vicinissimi al gol con Muriel, che si vede togliere la gioia della rete da un ottimo Szczescny. Gli uomini di Max Allegri sono sembrati una squadra spenta e poco combattiva, mai pericolosa e con un gioco che latita e non porta a niente.

Passa meritatamente la Fiorentina (10) contro il Cagliari (2) alle prese con i soliti problemi offensivi e di gioco.

Gli uomini di Vincenzo Italiano macinano gioco e trovano il gol con facilità. Si sblocca anche Nzola e questa è sicuramente un’ottima notizia per i fantaallenatori oltre che per i tifosi della Fiorentina. Sul Cagliari ci siamo già espressi molte volte in passato: manca chi può fare la differenza lì davanti (2 soli gol in 7 partite) e la casella vittorie in stagione rimane a 0. La squadra sarda è molto preoccupante.

Il Bologna (10) abbatte l’Empoli (2) grazie ad un super Riccardo Orsolini, autore di una tripletta alla prima partita da titolare in questa stagione.

Gara facile per i felsinei che impongono il loro ritmo ed il loro gioco in lungo ed in largo, lasciando la squadra toscana sempre disarmata e scoperta. Orsolini lì davanti non perdona. Per gli uomini di Andreazzoli un grosso passo indietro rispetto ai precedenti match contro Inter e Salernitana ed ancora tanti campanellini d’allarme: bisogna fare sicuramente meglio e di più.

Prima battuta d’arresto per il Frosinone (5) che nulla può allo stadio Olimpico contro una Roma (7) tutta orgoglio.

I giallorossi la vincono soprattutto grazie ad un ispiratissimo Paulo Dybala, che si è letteralmente caricato la squadra sulle spalle ed ha dato garanzie alla squadra. Il Frosinone è una squadra pimpante per tutto il match, con un Soule sempre sugli scudi. Non arriva il gol, ma la prestazione nel complesso non è del tutto negativa.

Non si fanno male Torino (5) e Verona (6), che terminano il match sullo 0 a 0.

Una partita senza grossi sussulti e senza grosse emozioni, dove il Torino poteva fare sicuramente di più e meglio in diverse occasioni. Continua a fare il suo buon campionato il Verona, senza grandissime pretese.

Disfatta del Sassuolo (3) contro un redivivo Monza (7).

Tante le occasioni sprecate nel primo tempo dagli uomini di Dionisi che, nel secondo tempo, non son praticamente mai scesi in campo. Una grossa regressione rispetto alle ultime uscite contro Juventus ed Inter. Il Monza, già sufficiente nel primo tempo, si gode il primo gol con la maglia brianzola di Colombo e l’esordio del Papu Gomez. Questa vittoria potrebbe dare nuova verve agli uomini di Palladino, fin qui abbastanza deludenti.

Si lascia rimontare il Genoa (5) dall’Udinese (4) comunque in grossa difficoltà.

Gli uomini di Alberto Gilardino sfruttano un super Gudmundsson per andare in vantaggio per ben due volte, ma si lasciano travolgere dalle ultime energie dell’Udinese. Per il grifone manca la prova di maturità, per l’Udinese 1 punto che dà morale, ma restano tutte le difficoltà già mostrate nel corso di queste 7 giornate.

Prossimo turno di Serie A: 8° giornata

Venerdì 6/10

Empoli – Udinese ore 18.30

Lecce – Sassuolo ore 20.45

Sabato 7/10

Inter – Bologna ore 15.00

Juventus – Torino ore 18.00

Genoa – Milan ore 20.45

Domenica 8/10

Monza – Salernitana ore 12.30

Lazio – Atalanta ore 15.00

Frosinone – Verona ore 15.00

Cagliari – Roma ore 18.00

Napoli – Fiorentina ore 20.45

A cura di Paolo Ottavio Moneta, 03 ottobre 2023

Lascia un commento

In ogni paese c’è una orrenda casa moderna. L’ha progettata un geometra, figlio del sindaco. (Dino Risi)

Anonimo

StatoQuotidiano sei tu!

StatoQuotidiano, fondato nell'ottobre 2009, si basa sul principio cardine della libertà d'informazione, sancita dall'art. 21 della Costituzione.

Il giornale si impegna ad ascoltare la comunità e a fornire informazione gratuita, senza sostegno di classi politiche o sociali.

Ai lettori che ci seguono e si sentono parte di questo progetto, chiediamo un contributo simbolico, per garantire quella qualità che ci ha sempre contraddistinto!

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce, articoli, video, foto, richieste, annunci ed altro.

Compila il modulo con i tuoi dati per inviare segnalazioni, denunce o disservizi.

Compila il modulo con i tuoi dati per promuovere la tua attività locale, pubblicizzare un evento o per proposte di collaborazione.

Nessun campo trovato.