BAT
Una storia iniziata male e finita peggio

Barletta, preso rapinatore maldestro di farmacie (VIDEO)

Si tratta di Michele Porcelluzzi, un 38enne nullafacente del posto, già noto alle forze dell’ordine


Di:

Barletta. Una storia iniziata male e finita peggio. Questa l’incredibile cronaca di una rapina in farmacia. Siamo a Barletta. Sul centralissimo Corso Vittorio Emanuele. All’orario di chiusura di un piovoso venerdì sera del 9 ottobre scorso. Eppure il clichè era quello classico. Passamontagna, in realtà una calzamaglia bianca. Un taglierino in mano. E l’irruzione in farmacia. Peccato che i problemi non sono tardati ad arrivare. Per prima cosa, le commesse non riescono a capire le parole del rapinatore e lui, pur di farsi comprendere, solleva il “passamontagna” e mette in bella mostra la sua dentatura decisamente non perfetta. Proprio il particolare di qualche incisivo mancante sarà infatti determinante ad incastrare il rapinatore. Il tempo di arraffare qualche banconota e l’”intrepido” malvivente fugge con il “bottino”. Peccato che, appena sull’uscio, scivola rovinosamente sul bagnato, rischiando seriamente di fratturarsi un femore e poi, claudicante e con la calzamaglia mezza sollevata, decide di disfarsene del tutto, agevolando ancor più la sua identificazione, sotto gli occhi curiosi e forse un po’ divertiti di una telecamera di sorveglianza. Un gioco da ragazzi insomma per i Carabinieri di Barletta che riescono ad identificare il rapinatore e ad arrestarlo, nel fine settimana, sulla base di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere della Procura della Repubblica di Trani. Si tratta di Michele Porcelluzzi, un 38enne nullafacente del posto, già noto alle forze dell’ordine. Per lui, riconosciuto responsabile di un altro colpo, il 22 ottobre scorso, ad un’altra farmacia, sempre su Corso Vittorio Emanuele di Barletta, si apre ora un periodo di riflessione in carcere.

VIDEO

Redazione Stato Quotidiano.it

Barletta, preso rapinatore maldestro di farmacie (VIDEO) ultima modifica: 2015-11-03T09:49:05+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This