Cronaca

Detenuto morto Trani, Pastore: “Familiari meritano giustizia e verità”


Di:

Consorzi di Bonifica, interrogazione Pastore (barlettalife.it)

Il consigliere regionale Franco Pastore (fonte image: barlettalife.it)

Bari – “SONO approfondite e complesse le indagini avviate dalla procura di Trani e dal pm Luigi Scimè su quanto accaduto in carcere a Trani e questo mi da fiducia, sono certo che le eventuali responsabilità per la morte di Gregorio Durante saranno accertate. Spero, per quanto poco sia, che questo possa servire a dare giustizia alla moglie di quell’uomo, ai suoi due bambini e a tutta la sua famiglia, cui sono vicino in questo terribile momento”. Lo dice in una nota il consigliere Franco Pastore (Misto/Socialisti).

“Non capisco di contro che senso abbia puntare ora il dito contro qualcuno, nello specifico contro il garante dei detenuti, come qualche collega ha fatto. Se la procura accerterà che l’uomo è morto per il regime carcerario, l’isolamento, incompatibili con le sue condizioni di salute, non vi sarebbe alcuna responsabilità diretta del garante. Questa è una vicenda drammatica, in cui qualcuno ha sbagliato nelle sue valutazioni, mediche o giudiziarie, ma per onestà intellettuale non è giusto volere trovare in una figura istituzionale un capro espiatorio. Ricordo inoltre che il carcere di Trani, se pure non sia il carcere ideale, non è neppure quello con le maggiori criticità nel panorama pugliese, è una realtà che conosco, di cui mi sono interessato. Qualcuno ha deciso che Durante non corresse pericolo a stare in carcere e che la sua scarcerazione non fosse urgente, ma tale prerogativa non è del garante o del direttore di un istituto penitenziario. Spero che si faccia luce il prima possibile sull’accaduto, ho massima fiducia nel lavoro degli inquirenti. Voglio ancora concludere con un pensiero ai familiari di Gregorio Durante il cui primo diritto è avere giustizia e verità su quanto accaduto”.

Indagini. Intanto, gli ispettori inviati dal ministero della Giustizia sono stati per alcune ore stamani nel carcere di Trani per verificare se siano state commesse irregolarita’ in relazione al decesso di Gregorio Durante, il detenuto di 34 anni originario di Nardo’ (Lecce) morto nella casa circondariale il 31 dicembre scorso. I controlli sono stati effettuati dopo che la Procura di Trani aveva aperto un’inchiesta sulla morte del detenuto, basata su una denuncia dei famigliari per presunti maltrattamenti subiti in carcere.


Redazione Stato

Detenuto morto Trani, Pastore: “Familiari meritano giustizia e verità” ultima modifica: 2012-01-04T18:07:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This